Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Era pazzo’: come Gustavo Gusto ha fatto irruzione nel mercato della pizza surgelata

“E’ stato dichiarato pazzo”
Come Gustavo Gusto ha fatto irruzione nel mercato della pizza surgelata

Crescere forte con la pizza surgelata? Quello che può sembrare un progetto impossibile è stato realizzato da Christoph Schramm con la sua azienda, Gustavo Gusto. Nell’intervista, ha parlato della sua ricetta per il successo, dei suoi prossimi piani e dell’arte di fare le cose in modo diverso

Non sapeva che fosse impossibile, motivo per cui lo ha fatto: si potrebbe parafrasare Mark Twain per presentare Christoph Schramm. Perché ha realizzato ciò che molti pensavano fosse impossibile: irrompere in un mercato con la pizza surgelata precedentemente condivisa da due colossi alimentari. Nel 2014 Gustavo Gusto fonda con la convinzione che la pizza surgelata non debba essere per forza economica. “Mi sono sempre chiesto perché nessuna pizza nel congelatore ha il sapore e l’aspetto di un ristorante pizzeria”, dice Schramm nel podcast The Zero Hour.

All’epoca gestiva quattro pizzerie a Passau. Ha provato e ha scoperto che quando aveva la pizza mezza sfornata dal suo ristorante, l’aveva congelata e poi finito di cuocerla, gli piaceva più della pizza surgelata dei supermercati. Così ha deciso di avviare la sua attività di pizza surgelata. “Tutti mi chiamavano pazzo e mi consigliavano di non farlo”, ricorda.

Tuttavia, è stato in grado di raccogliere circa € 250.000 di capitale iniziale da amici e familiari, oltre a un prestito di € 300.000 dalla LfA Förderbank Bayern. Ha acquisito un’area di produzione a Gertsried e lì ha iniziato con un piccolo team che produceva pizza surgelata per il settore della ristorazione. L’inizio è stato difficile: “Ricordo la volta in cui ho dormito al piano di sopra in ufficio, quello era anche il mio appartamento allo stesso tempo”, dice Schramm.

Nel 2015 Gustavo Gusto ha cambiato strategia e ha contattato i grossisti. Questo ha messo in contatto Schramm con Rewe e la catena di supermercati ha iniziato a vendere pizza nei suoi mercati meridionali in Baviera nel 2016. Non è stato difficile convincere il droghiere, perché “i rivenditori ora sono appassionati di marchi emergenti, start-up e nuovi come oltre ai prodotti regionali.” , afferma Schramm.

Sei anni dopo, la pizza di Gustavo Gusto può essere trovata nella maggior parte dei supermercati tedeschi, il marchio sta salendo “sopra la media del settore” e un concorrente ha espresso interesse per l’acquisizione. Tuttavia, una vendita è fuori questione per il fondatore, perché ha ancora molta pianificazione: l’anno scorso l’azienda ha lanciato il gelato sul mercato e, oltre a Germania, Austria e Svizzera, la pizza è ora disponibile anche nel Olanda.

Nonostante il successo, Gustavo Gusto deve affrontare sfide importanti: la guerra in Ucraina e l’inflazione hanno portato a un forte aumento del costo di ingredienti come farina, mozzarella e costi energetici. Il prezzo della pizza è aumentato. Tuttavia, secondo Schramm, questo adeguamento non è sufficiente per compensare l’aumento dei costi. Essendo una startup in rapida crescita, l’azienda deve ripensare e ristrutturare la propria organizzazione. Ma Schramm ha chiarito: l’impossibile non fa parte del suo vocabolario.

Ascoltare Nella nuova puntata de “L’Ora Zero”:

  • Da dove è nata l’idea di una pizzeria a Passau
  • Perché Schramm non poteva lavorare alla Siemens
  • Come è stata effettuata la prima consegna a Rewe

Tutti gli episodi possono essere trovati direttamente su AudioNowE Mela o spotify o attraverso Il Google.

READ  Partnership: azioni Porsche ancora sotto pressione: Porsche SE aumenta notevolmente i profitti - colloqui con Apple su una possibile cooperazione | newsletter