Novembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Energia – La Russia taglia le forniture di gas a Italia e Francia – economia

Roma/Parigi (DPA) – La compagnia energetica russa Gosprom controlla la fornitura di gas naturale all’Italia. Secondo il fornitore di gas statale Eni, Gazprom oggi ha impegnato il 50 per cento del volume ordinato.

Quel giorno l’Italia ha effettivamente ordinato 63 milioni di metri cubi di gas dalla Russia. La fornitura di gas era già stata ridotta nei giorni precedenti: 15 per cento mercoledì e 35 per cento giovedì.

La Russia sospende la fornitura di gas naturale dalla Germania alla Francia L’operatore della rete del gas GRTgaz ha annunciato venerdì che ciò non influirà sulle forniture di gas e continuerà a riempire gli impianti di stoccaggio per l’inverno.

Il consumo di gas è basso

A causa del consumo di gas già in calo, le importazioni attraverso il gasdotto sono già inferiori del 60% rispetto al volume dell’anno precedente dall’inizio dell’anno. È stato utilizzato il dieci percento del tubo. Nessun gas ha raggiunto la Francia da mercoledì. La maggior parte del gas viene importato dalla Spagna tramite gasdotto.

Anche se la Russia interrompesse completamente le forniture di gas, non ci saranno problemi in Francia durante il normale inverno. In caso di inverno rigido, alcuni clienti industriali potrebbero richiedere un uso più economico e consegne limitate.

Il gas naturale dalla Russia gioca un piccolo ruolo per la Francia. Oltre ai tubi, anche il gas naturale russo viene importato via nave. Le importazioni di GPL in Francia sono aumentate del 66% dall’inizio dell’anno. Le capacità del terminale GNL vicino a Marsiglia sono attualmente in fase di ampliamento. Ulteriori capacità saranno sviluppate anche nel nord vicino a Dunkerque e Le Havre.

READ  "Guerra dell'acqua" in Italia: grandi preoccupazioni sul Lago di Garda - pioggia tra Sirmione e Adria

Gazprom riduce l’offerta alla Slovacchia

Gazprom ha anche ridotto drasticamente le forniture di gas alla Slovacchia. Il fornitore di gas slovacco di proprietà statale SPP lo ha confermato venerdì a TASR. Da venerdì, l’SPP ha ricevuto solo il 50 percento dell’importo concordato dalla Russia. I livelli di distribuzione sono già stati gradualmente ridotti nei giorni precedenti. Tuttavia, la distribuzione non è attualmente un rischio e le strutture di stoccaggio domestiche sono attualmente piene del 52%.

Ad oggi, la Slovacchia riceve oltre l’80% del proprio fabbisogno di gas dalla Russia. Nel 2009 era al 100 per cento. Da allora, l’UE ha gradualmente ridotto la sua dipendenza e si prepara ora alla possibilità di una completa cessazione degli approvvigionamenti dalla Russia a seguito della guerra in Ucraina.

Governo federale: l’approvvigionamento di gas è stabile

Il governo federale considera ancora stabile la fornitura di gas. Intanto venerdì un portavoce del ministro dell’Economia Robert Hebeck ha parlato di una situazione grave. La sospensione della fornitura di gas naturale russo dalla Germania alla Francia tramite un gasdotto è stata il risultato di un taglio dell’offerta dalla Russia alla Germania tramite un gasdotto Nortstream. Finora, nessun paese dell’UE ha provocato un meccanismo di solidarietà.

© dpa-infocom, dpa: 220617-99-698797 / 6