Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni presidenziali in Italia: non si può decidere a breve

Stato: 24/01/2022 00:00

Ad oggi, 1009 elettori in Italia dovrebbero eleggere un nuovo presidente. Tuttavia, finora nessun campo politico ha osato schierare un candidato ufficiale. Forse l’accordo richiederà più tempo.

Di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

Il giorno è arrivato, ma la nebbia politica non è ancora svanita. Poche ore prima dell’inizio del referendum, non era chiaro chi sarebbe stato il prossimo capo di stato italiano. Solo chi non lo fa è al sicuro. L’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha annunciato le sue dimissioni. I suoi seguaci stanno cercando di venderlo come un gesto da politico.

Jர்க்rg Seiselberg
ARD-Studio ROM

“Ancora una volta il presidente Berlusconi ha mostrato lo status di grande politico” e “ha mostrato responsabilità”, ha detto il suo confidente di lunga data, l’ex ministro dei Trasporti Mauricio Lupi. L’interpretazione diffusa dai suoi sostenitori era che Berlusconi avesse lasciato la fazione per aprire la strada a una proposta di compromesso oltre i confini.

Berlusconi in clinica

La coalizione di centrosinistra ha detto che Berlusconi si era reso conto che era improbabile che otterrebbe la maggioranza. Giuseppe Provenzano, consigliere dei socialdemocratici, ha insistito: “L’attacco di destra alla presidenza è fallito e la candidatura di Berlusconi non ha scampo”. Ora è il momento della conversazione.

Le ragioni di salute potrebbero aver avuto un ruolo nella decisione dell’ex primo ministro multimiliardario. Berlusconi è ricoverato da giovedì all’ospedale di Milano, ha riferito la tv di Stato Rai. Ha letto l’avviso di recesso da parte di qualcuno di fede. Raccontato dal contesto di Berlusconi: l’85enne ha detto di essere disponibile solo per i test di routine in clinica.

READ  "Dal Bauhaus all'Italia": Mostra su Pfeiffer Wattenful

Tracy preferita

L’attuale Presidente del Consiglio, Mario Draghi, è ora il più alto funzionario in carica. Il suo nome non è stato ancora annunciato ufficialmente e una maggioranza di due terzi nei primi tre voti è favorevole. Al quarto scrutinio, probabilmente giovedì, basterà una maggioranza semplice del 50 per cento (più uno) degli aventi diritto al voto.

Più tardi, Tobias Morsell, presidente della Fondazione Frederick Ebert a Roma, ritiene che potrebbe arrivare il momento di Troia: si potrebbe dire: “Bene, ora mandiamo Troy alla gara”. C’è il rischio che “il camion bruci fino a una certa misura e non ottenere la maggioranza richiesta”.

I campi preferiscono evitare presto

Un altro potenziale candidato per la proposta bipartisan è l’ex presidente del parlamento Pierre Ferdinando Cassini, un democristiano che da tempo sostiene Berlusconi come primo ministro, ma che ora è di casa nel campo del centrosinistra. Andrea Ricardi, fondatore della Comunità Cattolica di Sant Egidio, è rappresentato dai Socialdemocratici e dal Movimento Cinque Stelle. Tuttavia, a causa della mancanza di esperienza aziendale, gli vengono offerte alcune opportunità.

Finora nessun partito ha osato avanzare una proposta ufficiale. Le alleanze di centrosinistra e centrodestra sostengono che entrambe le parti probabilmente voteranno al primo scrutinio di oggi. Dopodiché, il discorso sul candidato comune può prendere velocità. Berlusconi ha chiarito dalla sua malattia che Drake è contrario a candidarsi alla presidenza.

Il ruolo chiave nelle crisi di governo

Oggi a Roma possono votare in totale 1009 aventi diritto al voto: parlamentari del Senato e della Camera e rappresentanti dei parlamenti regionali. A causa di un regolamento speciale, sono ammessi anche gli elettori affetti dalla malattia del Govt-19. Il governo ha approvato un ordine legale speciale per questo. Secondo i media italiani, circa 40 parlamentari sono positivi al coronavirus. Le regole di isolamento per loro sono state sospese fino alle elezioni presidenziali. In base a rigide norme sanitarie, possono votare nel parcheggio del Parlamento, in tende appositamente allestite.

READ  Le nuove infezioni sono più frequenti in Gran Bretagna, Italia e Francia

L’elezione del Capo dello Stato in Italia è molto importante perché il presidente, oltre alle sue funzioni di rappresentanza, ha sempre svolto un ruolo fondamentale nelle crisi di governo. Qui il capo dello stato può impostare percorsi politicamente importanti. Il presidente uscente Sergio Materella lo ha chiarito un anno fa, quando Draghi ha guidato un governo trasversale attraverso i partiti.