Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni presidenziali in Italia: non ha vinto il primo turno

Stato: 24/01/2022 23:28

Il processo elettorale è durato sei ore, ma in Italia non c’è un nuovo presidente. La maggioranza dei parlamentari non ha votato perché i partiti non potevano ancora accettare il candidato comune.

Di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

Capo di Stato necessario! L’elezione del successore del presidente italiano Sergio Materella è fallita al primo turno – come previsto. Sezioni di spicco del Movimento Cinque Stelle, tra cui il PD socialdemocratico e la Lega di destra, hanno invitato i propri elettori all’astensione.

Jork Seiselberg
ARD-Studio ROM

Contesto: i tentativi intimidatori di accettare un candidato trasversale finora sono falliti. Alla fine, due terzi dei 1.008 aventi diritto non hanno votato al primo turno. 672 ha consegnato un pezzo di carta bianco chiamato “Shed Bianch”.

I partiti cercano candidati comuni

Parallelamente al referendum, durato più di sei ore, i maggiori partiti di Roma hanno intensificato gli sforzi per raggiungere una risoluzione comune.

Il presidente del Consiglio in carica Mario Draghi è ancora favorevole a una soluzione trasversale. Secondo l’Ansa News, Tracy ha avuto colloqui serali con il leader socialdemocratico Enrico Letta, il leader del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Conte e il leader della Lego Matteo Salvini.

Il primo ministro italiano Draghi è considerato un favorito. Potrebbe essere eletto giovedì al quarto scrutinio.

Immagine: via REUTERS

Il più grande ostacolo per Drake è la domanda: chi può sostituirlo come capo del governo? Se Troy sarà accettato da entrambe le parti come presidente, si raggiungerà un accordo su chi sarà il prossimo capo del governo.

READ  Conference League: chi sono le favorite per la prima edizione del torneo?

La decisione può essere presa giovedì

Il giorno della possibile conclusione è giovedì, quando si svolgerà il quarto scrutinio. Per un’elezione è quindi sufficiente la maggioranza assoluta, ovvero il 50 per cento degli aventi diritto al voto più 1 voto. I primi tre turni richiedono una maggioranza di due terzi.

1008 Hanno diritto di voto gli elettori, i membri del Parlamento del Senato e della Camera dei Deputati ei rappresentanti delle regioni. Il numero degli aventi diritto salirà a 1.009 da mercoledì, quando verrà nominato un successore in sostituzione del deputato recentemente scomparso.

scrutinio minore al primo scrutinio

Alcuni elettori hanno utilizzato il primo scrutinio senza senso per scrutini simbolici. Il presidente uscente Matterella, ad esempio, non si candiderà più, ha ricevuto 16 voti, nove voti sono andati al ministro della Giustizia Marta Cordobia, che nelle ultime settimane è stata più volte citata come la prima donna Capo di Stato.

L’avvocato Pavlo Madeleine, che è stato nominato procuratore dello Stato per i procedimenti penali legati ai reati ambientali, ha ricevuto il maggior numero di voti (36) al primo scrutinio. Madeleine è stata proposta da un gruppo che si è staccato dal movimento a cinque stelle. Con il primo ballottaggio senza senso a Roma, star dello spettacolo e atleti questa volta hanno ricevuto voti. Hanno votato a favore, tra l’altro, la leggenda dei portieri Dino Zaf e il conduttore di talk show Bruno Vespa.