Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni locali in Italia: Palermo prima del ritorno degli amici mafiosi?

Stato: 06/12/2022 10:43

Le elezioni si stanno svolgendo in quasi 1.000 comuni in Italia. Particolare attenzione è riservata al voto a Palermo. Lì, un sindaco antimafia potrebbe seguire Orlando, un politico con amicizie sospette.

Di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

Le elezioni locali sono usate per testare l’umore politico. Possono votare nove milioni di italiani, un quinto degli aventi diritto al voto nel Paese. Punta su una città indice: Palermo. In Sicilia, città di 675mila abitanti, si dimette il sindaco antimafia Lioloca Orlando, che dopo due mandati non gli è stato permesso di operare legalmente.

Jர்க்rg Seiselberg
Studio ARD Roma

Fare storie in tutta Italia: il sindaco successore di Orlando a Palermo potrebbe essere Roberto Lagalla, una di tutte le persone che si dice abbia stretti legami con gli amici mafiosi.

Orlando preoccupa: “Il mio forte, forte appello ai palermitani: non ci vergogneremo mai di tornare dal Palermo. Dipende da noi e dalle nostre decisioni”. Il 74enne afferma che il capoluogo siciliano non dovrebbe risalire ai tempi in cui “il governo di questa città era affidato a un boss mafioso”.

Simbolo di una lotta vincente contro la mafia

Negli anni ’70, il sindaco di Palermo Vito Ciancimino era un politico democristiano che aveva stretti legami con il boss mafioso Bernardo Provenzano e in seguito andò in prigione per questo.

Sotto Orlando, Palermo è diventata un simbolo della lotta alla mafia di successo. Orlando è stato sindaco tra il 1985 e il 2000. Nei suoi 25 anni al municipio, ha ampiamente respinto l’influenza di Cosa Nostra.

Recensione: Cattiva gestione

L’architetto e politico locale Orlando Myceli, sostenuto dai socialdemocratici e dal movimento Cinque Stelle, continuerà la tradizione antimafia di Orlando. Tuttavia, Myceli è rimasto indietro nei sondaggi. Molti a Palermo apprezzano l’impegno di Orlando nella lotta alla criminalità organizzata e nell’aiuto ai profughi, ma lo accusano di cattiva gestione.

Michelle, amica di Orlando e candidata del centrosinistra, cerca di bilanciare la campagna elettorale: “Penso che Palermo sia diventata una città con un’immagine diversa, sia in Italia che all’estero, durante l’era di Orlando”. Ora è sinonimo di criminalità, ospitalità e diritti civili. Ma poi, aggiunge Michelle, ci sono anche le critiche: “Ma penso di avere il diritto e l’obbligo di fare qui altre raccomandazioni di lavoro”.

I critici di Orlando affermano che la raccolta dei rifiuti non funziona, le strade sono in cattive condizioni e le casse della città sono vuote. Roberto Lagalla, candidato alla coalizione di centrodestra anti-Orlando, promette l’amministrazione più efficace di tutte: “Roma ha dovuto restituire 30 milioni di dollari per lo smaltimento dei rifiuti di Palermo per errori amministrativi”. Sono cose che non dovrebbero mai più accadere.

Il mediatore mafioso è in mostra durante la campagna elettorale

Tuttavia, Lakalla è stato accusato di collusione con amici mafiosi durante la campagna elettorale. Ad esempio, è sostenuto da Marcelo del Utre, nome noto per gli interessati alla politica in Italia.

Dell’Utri molti anni fa assunse per Silvio Berlusconi un noto mafioso. Per due volte è stato accusato di essere un mediatore mafioso ed è stato rilasciato nell’ultima occasione, ma la sua ricomparsa in campagna elettorale a Palermo ha ancora fatto notizia.

READ  La donna è stata tenuta prigioniera per 22 anni

È stato punito per i suoi legami con la mafia, così come per il suo sostegno a Lagola, il candidato di centrodestra di Toto Kafaro, l’ex leader regionale della Sicilia. Il candidato del centrosinistra Myceli afferma: “Lagalla ha il sostegno di Del Utri e Kafaro. Mi preoccupa perché rischia di essere un brutto film che non vogliamo più vedere”.

Il candidato del centrodestra, Roberto Lagalla, è stato accusato di aver collaborato con amici mafiosi.

Immagine: Image Alliance / Norphoto

Arrestati i candidati della coalizione di centrodestra

Nella settimana prima delle elezioni, due candidati della coalizione di centrodestra di Lagalla sono stati arrestati perché gli inquirenti avevano scoperto che intendevano entrare nella mafia. Prima ha attaccato la polizia di Pietro, il candidato di Forza Italia di Berlusconi. La polizia di Palermo ha intercettato una conversazione in cui un politico locale ha affermato che lui e la sua famiglia avrebbero beneficiato se avesse votato per un mafioso, ha detto la polizia.

Venerdì la polizia ha arrestato Francesco Lombardo, il candidato del partito di estrema destra Fratelli Italiani, parte della Coalizione Lagalle. Secondo l’avvocato, Lombardo aveva chiesto sostegno alle elezioni a un boss mafioso locale.

Verona: alle elezioni l’ex calciatore Tomasi

Oltre a Palermo, si stanno svolgendo le elezioni in 978 comuni, tra cui Genova, Birmania, Padova e Messina. Il voto è considerato particolarmente tumultuoso a Verona, nel nord Italia. Lì, la Lega di destra fa fatica a difendere il suo castello. La coalizione di centrosinistra è rappresentata dall’ex calciatore della nazionale Damiano Tomasi.

Parallelamente alle elezioni amministrative, negli ultimi anni l’Italia ha votato cinque referendum, anche sulla riforma giudiziaria. Tra le altre cose, si tratta di rimuovere il passaggio della legge che vieta ai cittadini con precedenti penali di candidarsi al parlamento o ricoprire cariche governative. Partito Radicale, tra gli altri, ma anche Lega e Forza Italia di Berlusconi hanno raccolto firme per il referendum. Le possibilità di vincere il referendum sono considerate scarse.