Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dufry vuole rilevare l’operatore italiano di stazioni di servizio Autogrill

Wow che differenza! Se guidi un’autostrada tedesca verso un’area di sosta, la tua fronte si raggrinzirà in attesa. L’atmosfera è noiosa, la scelta della cucina è moderata, ma tutto è molto costoso: snack, panini sciatti, benzina e diesel comunque. D’altra parte, sulla via per l’Italia, ogni Bambino è già consapevole della promessa quando il primo cartello di Autogrille lampeggia all’orizzonte. Il nome del marchio da solo rivela che tipo di panino croccante attende il viaggiatore qui. All’improvviso viene chiamato Espresso Acqua di noci E rappresenta più per piacere che per un brutto tirarmi su. È facile dimenticare che questa piccola anteprima delle prossime vacanze non costa poco.

Perché Autogrill ha smesso da tempo di concentrarsi esclusivamente sull’espressione del vero spirito italiano. Da oltre 20 anni, il gruppo porta avanti la sua internazionalizzazione, investendo molto nella ristorazione aeroportuale negli Stati Uniti e in Canada e aprendo già ristoranti in Austria e Slovenia. Ora il rivenditore svizzero di articoli da viaggio Dafry vuole acquistare l’azienda italiana. L’operazione creerà un importante rivenditore di viaggi con un fatturato di 13,6 miliardi di franchi e circa 60.000 dipendenti.

Dufry offre ad Autogrill un totale di circa CHF 1,8 miliardi in contanti e azioni. “Continuiamo a diversificare il team e ad aumentare la nostra resilienza”, ha affermato il capo di Dufry Xavier Rossignol, che guiderà anche la nuova società. La famiglia Benetton, il più importante azionista di Autogrill con un buon 50 per cento, sostiene l’operazione e diventa il maggiore azionista della nuova società attraverso la holding Edicion. La fusione, ancora soggetta all’approvazione delle autorità garanti della concorrenza, dovrebbe concludersi nel primo trimestre del 2023. Oltre alle azioni della famiglia Benetton, la Svizzera vuole rilevare il resto delle azioni, quindi offre agli investitori 0,158 duffer notes, ovvero 6,33 euro per azione, in contanti per ogni carta Autocrill. In risposta all’annuncio, le azioni Dufry sono aumentate del 5,6% in borsa, mentre Autogrill ha perso l’8%.

READ  Qualificazioni Mondiali: la Svizzera in Qatar per vincere la vittoria di Ferdinand sull'Italia

“Riteniamo che il prezzo di acquisizione sia ragionevole”, ha affermato Reto Lötscher, analista della Luzerner Kantonalbank. Nella prima metà del 2022, Dufry ha aumentato le vendite del 145% rispetto all’anno precedente. Anche se misurato rispetto all’anno pre-crisi 2019, il trimestre era ancora negativo. Entrambe le società prevedono di risparmiare circa 85 milioni di franchi svizzeri (circa 85,4 milioni di euro) in costi annuali a seguito della fusione.