Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dominos”: la catena americana di pizzerie esce dall’Italia | notizia

“Dominos” voleva conquistare la penisola |

La catena americana della pizza si ritira dall’Italia

Chi cerca di servire la pizza all’ananas nella terra del cibo gourmet si perde…

La catena americana di pizzerie “Domino’s” ha fallito nei suoi piani di espansione in Italia. Come Annibale, Domino voleva attraversare le Alpi e fondare un impero della pizza sulla penisola. Ma dopo 29 punti vendita – che hanno già chiuso tutti – il forno è ormai freddo.

L’idea era già molto ambiziosa sette anni fa: nel 2015 è stato aperto il primo negozio “Domino’s” a Milano, ed entro il 2030 dovrebbero essere 880 in tutto il Paese. Il generale della pizza Alessandro Lazzaroni credeva nei suoi ragazzi delle consegne: gli italiani sono molto esigenti riguardo al cibo, ma ha detto che Domino’s potrebbe convincere con una combinazione di “qualità italiana” e “velocità di consegna americana”.

Ma al posto della pizza, Lazzaroni aveva solo le sfoglie. Dopo le aperture a Torino, Bologna, Birmania e Roma, il progresso di “Domino” si ferma. La franchigia americana non ha osato visitare Napoli, la città madre di Margherita.

“Sarebbe stato molto strano se Domino’s avesse lavorato qui”, ha detto il pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo.GuardianiPerché: “Napoli è un mercato speciale, qui si vince con tradizione e identità. Se l’unico obiettivo è fare soldi, non funzionerà”.

Insomma: gli italiani non mordono. Questo potrebbe essere dovuto alle offerte, come pizza con salsiccia, cheeseburger o ananas, o al prezzo: nei ristoranti italiani una pizza fatta a mano spesso costa meno di cinque euro. Le pizze di produzione industriale “Domino’s” sono appena iniziate.

READ  Ricette per Gütersloh, Ecco che sapore ha l'Italia, Gütsel Online, OWL Live

Secondo la compagnia, la campana a morto per l’azienda americana è stata il virus corona. Durante il blocco, Domino ha dovuto affrontare “una concorrenza senza precedenti” da parte di rivali come Deliveroo. Nel primo anno di pandemia se ne andò anche il generale della pizza Alessandro Lazzaroni, giurando invece fedeltà a “Burger King”.

A fine luglio di quest’anno l’ultimo negozio “Domino’s” ha chiuso e invece di mangiare pizza all’ananas gli italiani ora si chiedono: ami pizza? C’era qualcosa?