Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Domanda da 25.000 euro: Non c’è motivo per l’aumento di fine anno

Domanda 25000 euro
Non c’è motivo di riunirsi alla fine dell’anno

Contributo degli ospiti di Andreas Enke

Improvvisamente i mercati azionari sono saliti senza una vera ragione. Al contrario, sono attesi ulteriori rialzi dei tassi di interesse in caso di cessazione dell’inflazione. Gli investitori troppo ottimisti dovrebbero stare attenti.

Dal suo declino a metà ottobre, l’indice S&P 500 statunitense, che include le 500 maggiori società quotate negli Stati Uniti, è aumentato di circa il 13%. Ciò equivale al valore che Wall Street creerebbe normalmente in due anni interi. L’indice azionario tedesco Dax è salito ancora di più. Alcuni investitori sperano ora in un rally di fine anno. Ma le delusioni qui sono inevitabili.

Andreas Enke è uno dei proprietari e membri del consiglio di Geneon Vermögensmanagement.

I trader ottimisti del mercato azionario sperano che la Federal Reserve statunitense smetta di aumentare i tassi di interesse prima del previsto. È probabile che la Fed allenterà nuovamente la politica monetaria il prossimo anno a causa di una recessione incombente per sostenere l’economia.

Dopo il recente aumento dei tassi di interesse chiave, negli Stati Uniti è attualmente compreso tra il 3,75 e il 4%. I mercati azionari si aspettano un aumento del 4,4%, che dovrebbe essere la fine. Ma i recenti commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell puntano in una direzione diversa. Il capo della Fed ha recentemente affermato: “Continueremo a operare per tutto il tempo necessario per ridurre l’inflazione”. Ma questo punto non è ancora stato raggiunto.

Il tasso di inflazione negli Stati Uniti è recentemente sceso al 7,7%. Tuttavia, la Fed può abbassare il tasso di inflazione in modo veramente sostenibile solo se i tassi di interesse chiave superano l’inflazione. Poiché l’inflazione core, ovvero l’inflazione al netto dei costi energetici e alimentari, è stata recentemente del 6,3%, i tassi di interesse chiave dovrebbero salire al 7%.

Nessun effetto rapido

Inoltre, la politica monetaria interagisce con uno sfasamento temporale. Nella prima fase, un aumento dei tassi di interesse principali aumenta il costo dei prestiti, riducendo la domanda corrispondente. Questo può essere visto molto chiaramente nei mutui ipotecari in Germania, ad esempio. Quando il credito totale si riduce, circola poco nuovo denaro, mentre l’offerta rimane invariata. Il risultato è una minore pressione sui prezzi. Ma tutto questo richiede tempo.

Uno sguardo al passato mostra che la Fed non dovrebbe togliere i freni troppo presto nella lotta contro l’inflazione. Questo è esattamente ciò che è successo due volte negli anni ’70. Nel 1970-71, l’inflazione core negli Stati Uniti era del 6,5%, che è in gran parte quella che è oggi. La banca centrale ha alzato il tasso di interesse di riferimento al 9%. In effetti, il tasso di inflazione è sceso in seguito, il che ha spinto la Federal Reserve a tagliare i tassi di interesse.

Ma il primo shock del prezzo del petrolio spinse l’inflazione core all’11% nella primavera del 1975, dopodiché la Federal Reserve aumentò i tassi di interesse al 12%. Il deprezzamento della moneta si è nuovamente attenuato, accompagnato ancora una volta dalla Federal Reserve con tassi di interesse più bassi, prima che il tasso di inflazione salisse a oltre il 13 per cento nella primavera del 1980. Questa volta la banca centrale ha reagito con tassi di interesse record superiori a 19 percento. . Sebbene abbia controllato l’inflazione, ha anche causato una profonda recessione.

Naturalmente, il presidente della Fed Powell oggi è a conoscenza di quello che è successo allora. Se avesse imparato da questo, probabilmente continuerebbe a cercare di ridurre l’inflazione con una politica monetaria restrittiva e non ad allentarla prematuramente. Per gli investitori, questo significa: non combattere mai la Fed. Non dovresti opporti alla Federal Reserve statunitense. Gli alti tassi di interesse sono veleno per i mercati azionari. Questo sembra meno un rally di fine anno e più un’altra correzione.

Domanda 25000 euro

Per gli investitori che si trovano ad affrontare il problema del lusso di dover investire una somma maggiore – diciamo 25.000 euro – questo significa: non bisogna investire nel vasto mercato azionario. Attualmente non è consigliabile investire in fondi indicizzati (ETF) in Dax, Dow and Co. Se ciò è necessario, è necessario garantire almeno gli investimenti corrispondenti.

D’altra parte, investimenti selezionati su temi speciali possono essere interessanti in prospettiva, indipendentemente dall’ambiente attuale e dal momento. Questi includono i settori delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica e dell’economia circolare, che beneficiano tutti dell’aumento dei costi energetici e degli sforzi per proteggere il clima. Il denaro rimanente può essere investito in obbligazioni societarie a breve termine, che offrono almeno una piccola compensazione dell’inflazione. Inoltre, gli investitori dovrebbero detenere liquidità in modo da poter ottenere un risparmio in caso di possibili correzioni.

Andreas Enke è uno dei proprietari e gestori di Asset Management Gestione patrimoniale Geneon. Il laureato in economia ha più di 25 anni di esperienza professionale nella consulenza di ricchi clienti privati ​​e aziendali in varie importanti banche.

READ  Cambiano i termini e le condizioni generali di Paypal: gli utenti devono sapere