Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alta Via del Sale in Italia: la strada più avventurosa d’Europa

SAppoggiarsi troppo fuori dalla finestra è raramente una buona idea. Ma qui e ora può finire particolarmente male, specialmente se la prendi alla lettera. Perché il fuoristrada è come camminare sul filo del rasoio sulla cresta sommitale del Monte Zaccarello nelle Alpi Liguri, dove il ripido pendio porta all’Italia a sinistra e la Francia a destra inizia all’estremità inferiore di una parete rocciosa verticale. . Qua e là ci sono solo pochi centimetri tra la gomma e la scanalatura. Ecco perché è naturale che tu voglia afferrare la maniglia della porta e il volante piuttosto che rischiare l’equilibrio con uno sguardo curioso. Benvenuto Alta Via del Salle, l’Alta Via del Sale nelle Alpi Liguri.

Costruita 150 anni fa per i militari lungo il confine tra Italia e Francia, la frastagliata strada sterrata fiancheggiata da numerosi forti e forti è oggi considerata una delle strade più spettacolari che si possano percorrere. Europa Può essere portato sotto le ruote. Una strada pubblica in teoria, ma in pratica nient’altro che un pendio pianeggiante, si snoda per lunghi tratti attraverso le Alpi Marittime oltre il limite del bosco, serpeggiando infiniti serpenti avanti e indietro lungo la valle. Il lato opposto è la prossima cresta da scalare, e con il suo percorso mozzafiato, la sicurezza moderata e la sicurezza di base garantiscono una scarica di adrenalina.

Quindi non c’è da stupirsi che nel periodo compreso tra lo scioglimento delle nevi e il primo inverno, centinaia di parapendisti da tutta Europa vengono qui per un’avventura con le loro Land Rover e Land Cruiser, autobus VW sollevati, Jeep e Jimny. Altrimenti devi essere sulle Ande o sull’Himalaya quasi alle porte dell’Europa Le Alpi.

READ  Milano o Madrid? Questo è eccitante solo in Italia

Il traffico in arrivo è imprevedibile

La nostra macchina per questo vertice speciale non era una delle solite sospettate. Prenderemo uno dei cumuli di confine Porsche 20 anni fa, quando il marchio di auto sportive di Stoccarda fece per la prima volta un serio passo indietro dalla pista, la Cayenne iniziò a flirtare con la vita di tutti i giorni e letteralmente conquistando nuovi terreni. Come noi qui tra Limon Piemonte e Monesi. Ovviamente, volevamo portare Cayenne nell’area di coltivazione del peperone per festeggiare il suo compleanno importante. Ma perché vagare lontano quando i buoni, in questo caso, sono selvaggi e avventurosi? E un po’ di pepe sulla strada del sale non farà male.