Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dalla decisione di mezzanotte sull’ingresso in Australia – resa dei conti in tribunale a Novak Djokovic – Athletic Mix

Ora tocca a Novak Djokovic (34)!

Il processo alla stella del tennis serba inizia lunedì a Melbourne alle 12 (le 10 locali). Quindi il “Federal Circuit and Family Court of Australia” decide se il numero uno del mondo sarà ammesso o se deve tornare di nuovo a casa.

sessione (da 90 a 120 minuti) generale che riguarda questo connessione Trasmissione in diretta online. Ovviamente molti vorrebbero continuare l’audizione in rete, il server è sovraccarico. Il tribunale sta cercando di risolvere i problemi tecnici. Ha iniziato ad ascoltare il tennista professionista.

BILD viene trasmesso sul posto nel thriller poliziesco!

È più tranquillo del previsto davanti all’aula. Circa 30 sostenitori del numero 1 al mondo si sono riuniti abbastanza pacificamente. L’interno è solo la corte. Gli avvocati sono online e Djokovic è rappresentato da Nikola Wood. Djokovic si siede nell’hotel staffetta di fronte alla trasmissione in diretta.

Qual è il motivo della battaglia legale?

Djokovic, apparentemente non vaccinato, afferma di soddisfare i criteri per l’esenzione dall’ingresso e che i documenti che ha fornito lo autorizzano a farlo.

Tuttavia, le guardie di frontiera australiane vedono la questione in modo diverso, poiché l’atleta non è stato autorizzato a entrare nel paese il 5 gennaio e voleva espellerlo di nuovo. Gli avvocati di Djokovic si sono opposti a ciò, motivo per cui il 20 volte vincitore del Grande Slam è attualmente bloccato in un hotel a staffetta.

Sua madre ha descritto le condizioni lì come “disumane” durante le proteste di domenica a Belgrado. Suo figlio non aveva nemmeno fatto colazione e poteva solo fissare il muro, senza vedere il giardino di fronte a lui o lasciare la stanza.

READ  Schalke 04: Ecco come vuole rimediare: Grammozes e il suo errore da 500.000 euro - Bundesliga

Quali argomenti ha Djokovic?

Nella loro opposizione all’espulsione, gli avvocati hanno citato tre punti che dovrebbero convincere i giudici. Djokovic presumeva di avere il diritto di recarsi in Australia e nello stato del Victoria per giocare il primo torneo del Grande Slam di quest’anno, l’Australian Open, per i seguenti motivi:

► 1. Essere in possesso di un visto illimitato con una condizione speciale.

► 2. Ha ricevuto un certificato di esenzione dalla vaccinazione medica dall’organizzatore del torneo che è stato rilasciato dopo la revisione da parte di un’agenzia governativa del Victoria.

► 3. Ottenere un documento dal Ministero dell’Interno che lo informa che ha soddisfatto i requisiti di ingresso senza essere messo in quarantena.

Cosa dice l’altra parte?

L’avversario di Djokovic questa volta non è altro che il governo australiano. Una dichiarazione di 13 pagine recita: “Non esiste una conferma dell’ingresso di un non australiano in Australia. (…) il richiedente interpreta parole che non si trovano nella legge”. Significato: solo la nazione dell’Australia decide chi può entrare.

Tuttavia, il martello arriva alla fine del documento. Il governo spiega: se Djokovic ha ragione, lo stato ha il diritto di arrestare di nuovo immediatamente il tennista professionista! Quindi è possibile che una vittoria in campo sia una vittoria di tappa per Djokovic – e l’attacco continuerebbe ancora di più.

Il governo australiano in realtà voleva avere due giorni in più per prepararsi, quindi non voleva che l’udienza si svolgesse fino a mercoledì. Questo è stato respinto dal tribunale. Domenica sera (ora locale), il governo ha presentato documenti che indicavano che Djokovic si riferiva a vecchi regolamenti che non sono più in vigore.

READ  Snowboard nel video live di oggi: Karl Geiger lotta per il giallo a Bischofshofen

L’ex giudice neozelandese ed esperto di diritto dell’immigrazione Michael K. Todd (59) per BILD: “Ci sono tre modi per entrare in Australia senza essere vaccinati: primo, la prova medica che non puoi essere vaccinato per motivi di salute. Secondo: non tollerare la prima o la terza vaccinazione: hai meno di dodici anni.

Todd continua: “In realtà, Djokovic ha una sola scelta: deve dimostrare di non potersi permettere la prima vaccinazione possibile. Il fatto che sia stato presumibilmente infettato negli ultimi sei mesi non gli dà alcuna legittimità per entrare in Australia”.

Quali sono le differenze?

Il mandato straordinario di Djokovic per partecipare al campionato di seconda generazione si basa sull’affermazione degli avvocati secondo cui gli scettici del vaccino sono risultati positivi al virus Corona per la seconda volta il 16 dicembre 2021 e si ritiene quindi che si siano ripresi. Dopo poco tempo sono apparse diverse immagini che mettevano in dubbio questa storia:

Il giorno del presunto test, Djokovic è apparso in pubblico a un evento organizzato dal Serbian Post, abbracciando bambini senza maschera.

► Il 18 dicembre – due giorni dopo il suo presunto test di infortunio – ha realizzato un servizio fotografico di cerimonia di premiazione per il quotidiano francese L’Equipe – sempre senza mascherina.

I genitori di Djokovic hanno preso parte domenica a una marcia di protesta nel centro di Belgrado. “Oggi è un grande giorno. Oggi il mondo intero ascolterà la verità”, ha detto Madre Dijana. “Speriamo che Novak si dichiari un uomo libero. Crediamo in lui, ma anche nella magistratura indipendente di Melbourne”. Padre Sardjan ha aggiunto: “Siamo orgogliosi della gente. Non possono distruggerci”. Suo figlio è “l’incarnazione della libertà, tutto ciò che l’uomo porta dentro di sé”.

READ  Guardiola è stato responsabile dell'addio del Bayern nel 2015

Quindi le cose possono diventare calde in tribunale…