Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crisi creditizia: il dott. Dom Nouriel Roubini: Ecco quanto scenderà il mercato azionario durante la prossima recessione | notiziario

• Nouriel Roubini prevede una recessione – un inevitabile “hard landing”.
• I mercati obbligazionari inviano segnali di allarme
• I mercati del credito saranno probabilmente i primi ad essere colpiti dalla crisi

Dott. Nel corso degli anni, Nouriel Roubini si è guadagnato la reputazione di noto pessimista con molte affermazioni negative. Ad esempio, “Dr. Doom” ha recentemente avvertito la moderatrice Francine LaQua su “Bloomberg Service Early Edition” di Bloomberg che una recessione potrebbe essere imminente negli Stati Uniti. Questa volta, tuttavia, l’economista non era solo nella sua valutazione; Anche molti altri osservatori del mercato valutano una recessione economica a causa di vari fattori.

Un mix tossico di alta inflazione e bassa disoccupazione

Uno di questi fattori è l’inversione della curva dei rendimenti dei Treasury USA a 10 e 2 anni, che si è vista più volte negli ultimi mesi. Una curva dei rendimenti invertita è considerata dagli osservatori un’indicazione di una recessione imminente. Tuttavia, Roubini-Lacqua avverte che mentre questa curva è un indicatore utile, non sempre prevede una recessione. Tuttavia, ciò che lo ha convinto dell’imminente deflazione è stato uno sguardo all’inflazione e al tasso di disoccupazione: “Negli ultimi 60 anni di storia degli Stati Uniti, non c’è mai stato un caso in cui l’inflazione fosse superiore al 5% (attualmente a 7,7), la disoccupazione meno di 5 centesimi (attualmente a 3,7) e l’inizio dell’aumento dei tassi da parte della Fed ha provocato un “atterraggio morbido”.

Nel gergo degli affari, un “atterraggio duro” significa una situazione in cui la Federal Reserve statunitense tenta di frenare l’inflazione dilagante aumentando i tassi di interesse, ma così facendo soffoca la crescita economica e quindi provoca una recessione.

READ  Netflix pianifica una svolta di 180 gradi: l'idea apparentemente rivoluzionaria ha 81 anni

I mercati obbligazionari stanno inviando segnali di allarme

I mercati obbligazionari mostrano già i primi segnali di recessione. Ad esempio, gli spread di credito per le obbligazioni ad alto rendimento stanno già aumentando in modo esponenziale, il mercato statunitense dei prestiti con leva finanziaria e il mercato delle obbligazioni di prestito garantite (CLO) stanno mostrando segni di contrazione, “eccessi che si sono verificati non nel sistema bancario ma nel sistema bancario ombra come debito personale e CLO, prestiti con leva finanziaria, angeli caduti, rendimenti elevati, queste cose stanno mostrando sempre più segni di stress nel tempo”.

Quando Laquacque gli ha chiesto quale regione potrebbe crollare per prima entro la fine dell’anno, Roubini ha fatto riferimento ai mercati del credito. Nouriel Roubini ha affrontato questo aspetto all’inizio di dicembre in un articolo per Project Syndicate intitolato “The Inevitable Collapse”. “Dopo anni di politiche fiscali, monetarie e creditizie molto accomodanti e l’inizio di forti shock avversi dell’offerta, le pressioni stagflazionistiche stanno ora pesando sul massiccio debito del settore pubblico e privato”, afferma. Quello che viene dopo, ha detto l’economista nell’articolo, è “la madre di tutte le crisi economiche e non c’è molto che i politici possano fare al riguardo”.

Le corporazioni di zombi periranno

Ad esempio, l’eccessivo prestito di denaro a condizioni molto favorevoli avrebbe potuto mantenere artificialmente in vita “aziende zombie insolventi” durante la crisi finanziaria del 2008 e all’indomani della recessione del COVID-19. Ora che i tassi di interesse e l’inflazione sono aumentati, le cose si mettono molto male per questi “zombi”: “Lo stesso vale per società, istituzioni finanziarie e governi deboli e fortemente indebitati: devono affrontare costi di prestito in aumento, redditi e ricavi in ​​calo e attività in calo. ”

READ  Il DAX è troppo forte: gli investitori non sono nudi

Ci sono ancora molti aspetti negativi del mercato azionario

Come spiega Roubini in un’intervista a Bloomberg, questa pressione del mercato del credito potrebbe ripercuotersi anche sui mercati azionari: “Se abbiamo qualcosa di peggio di una recessione breve e superficiale, ma non grave come la crisi finanziaria globale, potremmo avere un altro ribasso del 25% in i mercati.” , poiché questa previsione si riferisce all’indice S&P 500 a livello di mercato statunitense. Se il Dr. Il tormento avrà ragione nella sua valutazione resta da vedere.

redazione di finanzen.net

Credito fotografico: Vivien Killilea/Getty Images per Berggruen Inst., BEST-BACKGROUNDS/Shutterstock.com