Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le sagre paesane propongono l'”altra” Sardegna

È risaputo che la Sardegna ha spiagge da sogno e una qualità dell’acqua impeccabile. La situazione è diversa con i tesori che si trovano all’interno della seconda isola più grande del Mediterraneo: specialità culinarie e un ricco patrimonio culturale. Una nuova serie di eventi è destinata a stuzzicare l’appetito per l'”altra” Sardegna.

L’autunno in Barbagia con i suoi cortili aperti, dove c’è molto da gustare e gustare, è diventato negli ultimi anni una calamita per i visitatori e una zona un tempo impervia nel centro montano dell’isola, è diventata molto conosciuta. Ora la Traxenta a nord del capoluogo Cagliari e l’altopiano del Sarcidano nella Sardegna centrale attirano visitatori con una serie di eventi volti a far conoscere agli interessati, vicini e lontani, l’artigianato, la cultura ei prodotti locali ei loro produttori. abitudini. Le feste paesane si chiamano Saporis Antigus e, dai primi di novembre a dicembre, vi invitano diverse comunità. In un fine settimana, le case e i cortili si trasformano in ristoranti temporanei. Gli ospiti possono concedersi le delizie culinarie, ma possono anche assistere alla cottura, al forno, alla tessitura, alla forgiatura e all’annodatura nelle cucine e nei laboratori – e persino prendere parte ad alcuni.

E nel 2023 si celebrerà Saporis Antigus

Saporis Antigus 2022 si conclude in questi giorni. È già chiaro che ci sarà un’altra versione della serie di eventi nel 2023. Secondo gli organizzatori, molti visitatori si sono divertiti a provare “Sa Mullitura”, una colazione a base di latte appena munto, come la preparano da sempre i pastori della regione. Il pubblico di Kerji ha assistito con grande entusiasmo a “Su Sesinetu”. I residenti della comunità di 1000 persone rivolgono questa pia intercessione a San Piaggio, sperando che da lui ricevano sostegno nei momenti difficili. A Cyurgus Donegala, uno dei villaggi di Saporis Antichus, i curiosi potranno apprendere che “Scruzonis”. È il nome delle maschere spettrali scolpite dai peri selvatici per allontanare il male dagli abitanti del villaggio e dai loro averi.
Danze e canti, lanette, strumenti a fiato realizzati secondo modelli antichi, tutto questo non manca mai quando i sardi celebrano le loro feste. Le feste di Saporis Antichus non fanno eccezione. In ogni villaggio partecipante, piazze e strade diventano palcoscenici. Impressionanti costumi tradizionali, melodie malinconiche e ritmi allegri rendono ogni spettacolo un’esperienza per le orecchie, gli occhi e il cuore. Poiché sono molte le scoperte fuori dai centri abitati, gli organizzatori di Saporis Antigus organizzano, tra le altre, escursioni sapientemente guidate attraverso i vicini insediamenti nuragici. Qui i visitatori ripercorrono le orme di una cultura dell’età del bronzo, le cui tradizioni rupestri plasmano ancora il carattere del paesaggio, soprattutto nelle parti più remote dell’isola.

READ  Parigi ha lanciato il satellite militare di ultima generazione

Maggiori informazioni: https://www.sardegnaturismo.it/it