Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conseguenze dell’aumento delle temperature: “Il cambiamento climatico fa star male dalla testa ai piedi”


un’intervista

Stato: 16/10/2022 03:04

I record di temperatura si sono formati questa estate. In un’intervista, la dottoressa ambientale Claudia Tridel Hoffmann spiega come e perché questo caldo fa ammalare le persone. Richiede sistemi di allerta precoce per i pazienti e trasforma le città.

tagesschau.de: Quali aspetti del cambiamento climatico influiscono più gravemente sulla nostra salute?

Claudia Tridel Hoffman: La cosa peggiore per il corpo in termini di effetti del cambiamento climatico è in realtà il calore. Il calore è ciò che ci infastidisce di più, ciò che ci fa ammalare e ciò che ci costa davvero la vita. A questo proposito, il calore è il più pericoloso. Ma ovviamente, il cambiamento climatico ha qualcosa di più del semplice riscaldamento, malattie e morte legate al caldo.

per qualcuno

Claudia Tridel Hoffmann dirige la medicina ambientale presso l’ospedale universitario di Augusta. Osservando l’interazione tra ambiente e persone. Uno dei suoi temi principali è l’impatto dei cambiamenti climatici sull’ambiente e sulla salute.

tagesschau.de: Cosa provoca il calore nel corpo? Quindi, quale lavoro extra deve fare il corpo quando fa troppo caldo, e a che punto può sommergerlo?

Sentiero Hoffman: Il compito principale del corpo è mantenere la temperatura interna a 37 gradi. E questo è importante per il corpo, per il cervello, dove lavoriamo meglio. Quindi, quando fuori fa caldo, il corpo deve spendere più energia. E la prima cosa che succede è: i vasi sanguigni si allargano ed è per questo che le persone fuori che sono in calore di solito hanno la faccia arrossata e iniziano a sudare. Quindi proviamo a sbarazzarci della temperatura corporea – attraverso la pelle, attraverso i vasi sanguigni. Poi la pressione sanguigna aumenta. E quando la pressione sanguigna aumenta, il cuore colpito alla fine sprofonda. O poi uno dei vasi sanguigni nel cervello alla fine si rompe e poi arriva un ictus o un infarto. E l’importante è: certo, questo accade con malattie pregresse, ma può succedere anche con persone assolutamente sane.

READ  Popolazione mondiale: otto miliardi - ma la fine dell'aumento è in vista

“La città diventa un gruppo chimico in una giornata calda”

tagesschau.de: Le persone in città sono più a rischio o le persone in campagna?

Sentiero Hoffman: Soprattutto in città abbiamo le cosiddette isole termali. A volte il tempo qui è di quattro o cinque gradi più alto che nel paese. Poi ci sono altri fattori ambientali in città. Questo è solo inquinamento ambientale, dovuto al peso del traffico, per esempio. E poi una città come Berlino, Amburgo o Monaco diventa un mattone chimico in una giornata calda. Si creano composti chimici completamente nuovi, che poi danneggiano i nostri polmoni, danneggiano la mucosa, danneggiano la pelle e poi tutto peggiora.

tagesschau.de: Esistono studi sull’incidenza di alcune malattie nei bambini o negli adulti?

Sentiero Hoffman: Sì, ti stai rivolgendo a questi gruppi vulnerabili. Soprattutto con queste malattie causate dai cambiamenti climatici o quando si parla di caldo, sappiamo che i bambini piccoli, ma anche gli anziani e i malati in generale, appartengono ai gruppi vulnerabili e vulnerabili. Soprattutto sottovalutiamo il problema del caldo. Non posso fare a meno di citare dal nostro giornale un titolo del Summer Sports Festival: “Misterioso. 20 studenti crollano”. Erano 35 gradi. Perché questo è confuso? Ciò significa che non associamo il calore al pericolo, associamo il calore al mangiare un gelato e al fare la doccia.

tagesschau.de: Ci sono altri problemi che il cambiamento climatico può sollevare in noi – i problemi mentali è uno di questi?

Sentiero Hoffman: Sì, in effetti, il cambiamento climatico ti sta facendo davvero male dalla testa ai piedi. Abbiamo malattie mentali, come le malattie del sistema nervoso, l’Alzheimer o la sclerosi multipla. Queste sono malattie che peggiorano durante le ondate di caldo. La dermatite atopica, ad esempio, è una malattia con buchi nella pelle. Diventa poroso dagli inquinanti ambientali che danneggiano la pelle. E poi queste persone diventano più suscettibili alle allergie. Il polline, ad esempio, può fare il suo lavoro attraverso questa pelle perforata e causare reazioni allergiche.

READ  Panoramica della corona: valori di infezione dell'Algovia martedì: aumento di 1 distretto e diminuzione di 1 distretto al di sotto di 100

E ora c’è l’impatto del cambiamento climatico, rendendo la stagione dei pollini ancora più lunga. Abbiamo più polline ogni giorno, abbiamo polline più aggressivo e abbiamo anche nuovo polline più aggressivo. A causa dell’inquinamento, abbiamo semplicemente più persone con allergie.

tagesschau.de: Cosa deve essere cambiato per poter affrontare meglio la situazione?

Sentiero Hoffman: Dobbiamo fare almeno due cose. In primo luogo, ovviamente, dobbiamo adattarci ai cambiamenti climatici. Questa si chiama resilienza climatica, perché il cambiamento climatico è qui. Dobbiamo sviluppare sistemi di allerta precoce per i pazienti. Tuttavia, allo stesso tempo, dobbiamo progettare le nostre città in modo diverso. Abbiamo bisogno di città verdi, città con un alto livello di biodiversità. Abbiamo bisogno di città che rendano le persone sane o le mantengano in salute e non le facciano ammalare. E la seconda cosa è molto importante: abbiamo dei limiti in questo adattamento. Da una temperatura corporea di 42 gradi la vita non è più possibile e poi si muore. Ciò significa che allo stesso tempo dobbiamo anche cercare di mitigare il cambiamento climatico, altrimenti non sarà possibile per le persone sopravvivere.

Intervistato da Anya Martini, tagesschau.de