Novembre 28, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Confronto del tasso di infezione a sette giorni: stiamo davvero assistendo a una pandemia vulnerabile? – Politica

La Germania sta vivendo una “pandemia non vaccinata”. Questo termine è controverso, in politica, tra i virologi, tra la popolazione. Anche le persone vaccinate non possono trasmettere il virus? Non ci sono sblocchi negli impulsi? I test regolari non sono sufficienti?

Tuttavia, i numeri sono semplici: il tasso di infezione a sette giorni tra coloro che sono stati vaccinati è molto inferiore a quello di coloro che non lo hanno fatto. In Baviera il numero di persone non vaccinate è dieci volte superiore, e in Sassonia circa quindici volte. Ad Amburgo la differenza è più di venti volte.

[Wenn Sie alle aktuellen Nachrichten live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Coloro che non vogliono essere vaccinati, che non lo sanno e che si rifiutano di abbandonare la Germania, stanno portando la Germania in una situazione più difficile rispetto allo scorso inverno? Una cosa da notare qui: i casi elevati tra le persone non vaccinate sono dovuti anche al numero molto elevato di casi tra i giovani adulti non vaccinati in generale (bambini) o, in misura minore, come gli adolescenti fino a 18 anni di età. età.

Secondo i dati del Robert Koch Institute (RKI), il tasso di infezione è più alto a livello nazionale tra i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni, con un tasso di infezione di 532 per 100.000 abitanti entro sette giorni. Dall’età di 60 anni, per le persone anziane con un alto tasso di vaccinazione, è 144. Nelle regioni con tassi molto alti di tutte le fasce di età – Sassonia, Turingia, Baviera – il gran numero di casi è dovuto ad adulti non vaccinati.

READ  Presenza di oltre 500: nuovi casi di corona diffusi a Odenwald | hessenschau.de

In generale vale quanto segue: negli stati federali con tassi di vaccinazione più elevati, la situazione è generalmente meno tesa rispetto ai tre stati ad alta incidenza di Sassonia, Turingia e Baviera. Ciò è particolarmente vero per Schleswig-Holstein, Amburgo e Brema. Come è sempre stato dall’inizio della pandemia, i tassi di infezione regionali sono variati, ma raramente così distanti come lo sono ora.

Nuovi piani nel Bundestag

Da lunedì in poi, il Bundestag si occuperà di quanto sia forte la lotta della Germania contro l’epidemia con le condizioni delle persone non vaccinate. Anche prima della formazione del governo, il Partito socialdemocratico, il Partito dei Verdi e il Partito democratico libero avevano concordato in Parlamento di modificare la legge sulla protezione dalle infezioni.

Il fatto che i bordi dei semafori presuppongano anche una pandemia vulnerabile è dimostrato dalla formulazione e dalla logica del disegno di legge. Lì si legge: “Le persone vaccinate e sfollate hanno meno probabilità di essere infettate, e quindi meno probabilità di essere portatrici del coronavirus”. Inoltre, se si infettano nonostante la vaccinazione, diventano contagiosi per un periodo di tempo molto più breve. Il rischio di chi è stato vaccinato e di chi è guarito è molto più basso”.

Attualmente popolare con Tagesspiegel Plus:

Secondo l’RKI, il rischio di contrarre il coronavirus per coloro che non sono stati vaccinati è solo da due a tre volte superiore rispetto a coloro che sono stati vaccinati. Ma l’infezione non è un problema, è anche inevitabile in caso di pandemia.

Il problema principale è che gli adulti non vaccinati corrono il rischio di contrarre malattie gravi e quindi finiscono in clinica o addirittura in terapia intensiva, a differenza dei ragazzi che ne sono meno colpiti. Secondo l’RKI, questo rischio è da dieci a venti volte superiore a quello dei pazienti vaccinati.

READ  L'epidemia ti impedisce di muoverti: i medici temono l'ulteriore diffusione della malattia

Il 3G è obbligatorio nelle aziende

Resta da vedere se le misure che verranno prese avranno successo. Il 3G diventerà presto obbligatorio nelle aziende, ad esempio in Italia. Ciò significa che datori di lavoro e dipendenti possono venire in azienda solo se in possesso di un documento di vaccinazione, prova di guarigione o un test rapido con 24 ore di anticipo. Se il test PCR non supera le 48 ore, questo è sufficiente.

I test devono essere generalmente eseguiti da una terza parte o sotto supervisione. I controlli da parte dei datori di lavoro sono obbligatori. Negli ospedali, nelle case di cura e in altre strutture di assistenza, dovrebbe applicarsi un obbligo generale di test, così come per i dipendenti o i visitatori vaccinati.

[Lesen Sie auch: Diese Bars, Cafés und Restaurants prüfen die Corona-Impfnachweise (T+)]

I test sono indubbiamente utili, ma c’è sempre un problema: se i test PCR non sono relativamente sicuri, il rischio di infezione è maggiore negli eventi o nelle aziende a causa di test rapidi errati – “più persone non vaccinate, più probabilità tasso di infortuni”, scrive RKI.

Ministero degli interni, ma anche 2G plus?

Inoltre, viene reintrodotto l’obbligo dei datori di lavoro di consentire il lavoro nell’home office, a meno che non vi siano ragioni operative, ad esempio nell’organizzazione del lavoro, che lo impediscano. I dipendenti sono inoltre obbligati ad accettare l’offerta, a meno che non vi siano ragioni che non lo consentano: appartamenti angusti, interferenze di terzi, attrezzature insufficienti.

2G a Lipsia – un ristorante che attira l’attenzione sulla base.Foto: Sebastian Wilno / D

Anche il disegno di legge 2G-plus proposto venerdì dal ministro esecutivo della Sanità Jens Spahn (CDU) deve essere reso possibile dalla legge. Ciò significa che in alcuni casi anche le persone che sono state vaccinate o che sono convalescenti possono accedere solo agli eventi o alle stanze con il test in corso.

READ  Highlight astronomico: la cometa Leonard visibile ad occhio nudo?

La Baviera vorrebbe consentire apertamente questo anche alle sale da ballo. Resta da vedere se “2G plus” è legalmente difendibile – come sempre, la proporzionalità è ciò che conta. La semplice regolamentazione 2G già pianificata a Berlino e altrove non è interessata dai piani a livello federale.

Le feste al semaforo stringono i loro piani per Corona

Nel frattempo, sono stati aperti potenziali partner di coalizione SPD, Verdi e FDP È stato approvato un inasprimento significativo del previsto emendamento alla legge sulla protezione dalle infezioni. Alla luce del massiccio aumento dei contagi da coronavirus, ora dovrebbe essere possibile anche imporre restrizioni ai contatti, come dimostra un accordo tra i rappresentanti dei tre blocchi parlamentari messo a disposizione dell’agenzia di stampa tedesca. Riguarda le persone che non sono immuni, ha osservato in precedenza il leader del Partito dei Verdi Robert Habeck in ARD. Inoltre, le persone che non sono immuni non dovrebbero più essere autorizzate a utilizzare autobus e treni senza un test negativo, indipendentemente dai requisiti di maschera ancora applicabili.

I partner del cosiddetto Consorzio Semaforo hanno convenuto che “all’elenco delle misure va aggiunta la possibilità di poter imporre restrizioni alla comunicazione in luoghi privati ​​e pubblici”. Senza questa enfasi sui piani precedenti, le restrizioni alla comunicazione non saranno possibili dopo la scadenza dello status giuridico della situazione epidemica del dominio nazionale il 25 novembre. Tuttavia, i tre partiti che compongono la coalizione si attengono al piano per porre fine a questo status speciale. (con papà)