Settembre 28, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con un sovrapprezzo speciale, anche i locali saranno di più

Con un sovrapprezzo speciale, anche i locali saranno di più
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

“Condiviso” sul conto: Il prezzo di un euro in un ristorante di Lecce ha fatto scalpore in Internet. I critici definiscono la pratica “vergognosa”.

Lecce – il caso isolato in Italia da molto tempo – almeno se si crede a vari post sui social media. Ora, un servizio locale che comporta costi aggiuntivi che molti vacanzieri ma anche i locali danno per scontati ha suscitato indignazione nella città di Lecce, nel sud Italia.

La storia della Puglia corrisponde all’eccitazione alimentata da un sovrapprezzo di due euro per un piatto vuoto o da due euro in più per condividere un panino. Piace anche ai media internazionali I tempi E CNN Ha raccolto una storia sul costoso servizio di ristorazione sul Lago di Como.

Riduzione dei prezzi in Italia: spendere di più per dimezzare una crêpe sta suscitando scalpore

Mentre in Italia scoppia l’agitazione per una nuova regola sulla spiaggia, l’ultimo caso in Italia è incentrato sulla denuncia di un cliente che domenica (20 agosto) ha ordinato una crêpe in un famoso ristorante leccese. Il visitatore ha chiesto informazioni Repubblica di La A proposito di dimezzare le crêpes alla Nutella. Il cliente ha sperimentato la sua meraviglia blu quando ha consegnato il conto. “Division” è stato scritto nero su bianco al prezzo di 4,50 euro a dolce, il che significava pagare un euro in più. Il cliente ha chiesto che la crêpe fosse condivisa, quindi la ricevuta ha ricevuto un costo aggiuntivo.

A Lecce i residenti sono arrabbiati per la sovrattassa. I residenti sui social media definiscono una “vergogna” l’aumento dei prezzi per dimezzare la crêpe. © tramite imago-images.de

La ricevuta è stata pubblicata su un gruppo Facebook, oltre a sconvolgere gli operatori balneari italiani con il nuovo annuncio dell’UE VivereLecce Postato, un sito che raccoglie segnalazioni e proteste dei cittadini. Di conseguenza, nel gruppo è nata una discussione, il cui fulcro era la foto del disegno di legge. In un bar vicino a Piazza Sant’Oronzo nel capoluogo salentino, i commenti spaziavano dalla rabbia alla comprensione e alla difesa per l’aumento dei prezzi.

In Italia “tutto ha i suoi costi”: i costi aggiuntivi per dimezzare le crêpes sono “ragionevoli”

Alcuni si sono espressi a gran voce a favore dell’aumento del prezzo di una crêpe alla Nutella condivisa Repubblica di La Un sovrapprezzo con la necessità di un altro piattino comporta un costo aggiuntivo per l’acquirente. “Se la crêpe viene condivisa e messa in un piattino, è ragionevole che paghi un extra”, ha risposto un membro del gruppo, riferendosi agli aumenti “giustificati” dei prezzi in Italia.

“Non voglio creare polemiche, ma tutto costa, come lavare i piatti usando più elettricità.”

“Rubare” in Italia: costi aggiuntivi per dimezzare la “vergogna” delle crêpe

Mentre un piccolo sovrapprezzo ha causato scalpore in Italia per il cappuccino, il gruppo Facebook non ha avuto solo difensori, ma aspri critici che hanno criticato la pratica del ristorante subito dopo il lancio italiano. “Mi sento timido […]Conosco il Salento da oltre 40 anni ma non sono mai stati così mendicanti,” ha scritto un utente del gruppo.

Inoltre, altri si chiedono se sia stato utilizzato un piattino in più o se il dolce separato sia stato servito sullo stesso piatto. “In ogni caso”, si legge nella pagina, “si tratta di un furto, soprattutto se i costi non sono specificati in anticipo”. Su qualcuno sono piovute anche critiche. Cameriere mediterraneo, perché dà “solo” 500 euro di mancia a ospite O un ristorante di Saint-Tropez che inserisce nella lista nera i commensali “avari”.