Che vita!: Lee Miller – Modella, fotografa, corrispondente di guerra

Date:

Share post:

Ersilia Toscani
Ersilia Toscani
"Tipico pioniere della birra. Appassionato del web adatto agli hipster. Fanatico dell'alcol certificato. Amante di Internet. Amante degli zombi incredibilmente umile."

Viene spesso definita “la donna nella vasca da bagno di Hitler” o la musa ispiratrice di Man Ray e Picasso, ma questo non rende giustizia a Lee Miller. Dapprima una delle modelle più famose degli anni ’20, divenne in seguito una grande fotografa e autrice, scattando fotografie di moda e ritratti, ma catturando anche l’orrore della guerra.

La violenza sessuale e l’autodeterminazione sessuale, il glamour di Vogue e l’essere una modella, il surrealismo e l’arte della fotografia, gli orrori della guerra mondiale e le morti nei campi di concentramento, l’amore libero e la vita matrimoniale, la maternità e la gastronomia, il perfezionismo e la ribellione: come nasce tutto questo rientra in una vita? Forse la vita di Lee Miller è stata possibile solo nel ventesimo secolo. Con le sue guerre mondiali, i “ruggenti anni Venti” nel mezzo e il cambiamento dell’immagine delle donne. Anthony Penrose, figlio di Lee Miller, ha descritto la sua straordinaria vita in una biografia del 1985 – ora pubblicata anche in tedesco con il titolo Preferirei sempre andare da qualche altra parte – La vita di Lee Miller.

Utilizzando lettere, annotazioni di diario e ricordi di familiari e amici e riccamente illustrati con 116 fotografie, Penrose ha scritto un ritratto di sua madre che la avvicina molto a te – lui che non è mai stato particolarmente vicino a sua madre in tutta la sua vita. Avevano una relazione piuttosto difficile, ma nel libro non si sente questo. È molto gentile, pieno di rispetto e ammirevolmente espresso, ma non esente da critiche. Sorprendentemente, nel libro si mantiene molto discreto, non scrivendo mai “io”, ma riferendosi sempre a se stesso come “Tony”.

Ribelle, libera, indipendente

Lee Miller, nata nel 1907, è cresciuta nella città di Poughkeepsie, vicino a New York, ed è stata esposta alla fotografia da bambina: suo padre, Theodore, era un appassionato fotografo amatoriale con la sua camera oscura. Oltre alla tecnologia moderna, la sua materia preferita: sua figlia Elizabeth, di nome Lee. Le scatta anche foto nuda nella sua giovinezza e nell’età adulta. All’età di sette anni ha vissuto un’esperienza traumatica: un “amico di famiglia” l’ha aggredita sessualmente e le ha trasmesso una malattia a trasmissione sessuale. Quando è adolescente, il suo amore d’infanzia muore davanti ai suoi occhi – in risposta, i suoi genitori la coccolano in privato. Forse è a causa della sua natura ribelle e della sua convinzione di poter fare qualsiasi cosa.

Anthony Penrose ad una mostra davanti ad un ritratto di Man Ray: “Lee Miller (neck)”.

(Foto: Picture Alliance/DPA)

Questo tema libero, selvaggio e indipendente attraversa tutta la vita di Lee Miller: lei lo vive come vuole. Anche se fa impazzire familiari, amici, colleghi e uomini. Di eccezionale bellezza, Miller divenne una modella di successo negli anni ’20, e fu forse la modella più famosa del suo tempo: poco dopo essere stata scoperta alla fine del 1926 dal famoso editore Condé Nast, apparve sulla copertina di Vogue nel 1926. marzo 1927.

In seguito divenne una fotografa famosa e di successo e visse e lavorò con l’icona del surrealismo Man Ray; Creano straordinari lavori fotografici e sviluppano nuove tecniche, come la solarizzazione. Successivamente, ha aperto il suo studio fotografico a New York con suo fratello Eric. All’inizio fu difficile, poiché riuscivano a mantenersi a galla in lavori come la fotografia pubblicitaria, ma in seguito “l’élite sociale e intellettuale di New York” chiese di essere fotografati da loro. Anche se ci vogliono ore, Miller è un perfezionista e raramente è soddisfatto.

Lee Miller nell'Autoritratto, 1930.

Lee Miller nell’Autoritratto, 1930.

(Foto: Associated Press)

È stata sposata due volte e ha avuto innumerevoli relazioni e amanti prima e durante quel periodo. Si prende le libertà che si prendono gli uomini. Non tutti riescono a gestirlo in modo confortevole; Man Ray, ad esempio, è arrabbiato per gelosia: il principio dell’amore libero dovrebbe applicarsi a lui, ma non a lei.

Cronache di guerra e la vasca da bagno di Hitler

L’orrore della Seconda Guerra Mondiale esplode nella vita esilarante di una fotografa, artista, viaggiatrice assidua, giramondo e festaiola di successo. Miller non cerca sicurezza nella sua terra natale, gli Stati Uniti d’America – no, risiede in Europa e lavora come corrispondente di guerra per la rivista Vogue e come corrispondente militare per l’esercito americano. Oltre a scattare foto, ho iniziato a scrivere. I suoi reportage: meravigliosi come le sue fotografie.

Lee Miller è spesso associata a questa foto (in posa): di lei il 30 aprile 1945 nella vasca da bagno di Hitler nel suo appartamento di Monaco.

Lee Miller è spesso associata a questa foto (in posa): di lei il 30 aprile 1945 nella vasca da bagno di Hitler nel suo appartamento di Monaco.

(Foto: immagine Allianz/DPA)

Poco prima della fine della guerra, il fotografo di Life David E. Sherman scattò la foto più famosa di Lee Miller: il 30 aprile 1945, lei seduta nella sua vasca da bagno nell’appartamento privato di Adolf Hitler a Monaco. Il giorno in cui Hitler si suicidò a Berlino. Davanti alla vasca ci sono i suoi pesanti stivali che, secondo la leggenda, contengono ancora il fango del campo di concentramento di Dachau dove è stata recentemente rinchiusa. Difficilmente puoi trovare più storia e forza simbolica in un’immagine.

Ma ancora più impressionanti sono le fotografie che Miller scatta nei campi di concentramento di Buchenwald e Dachau e in altre parti della Germania, prima e dopo la fine della guerra. Ha chiesto ad American Vogue di stampare le sue foto, cosa che non si aspettava di vedere su questa rivista. Non è un freddo documentario: si avvicina e cattura i volti dei morti, pieno di simpatia per le vittime, pieno di profondo disprezzo per i tedeschi. Non si risparmia, lavorando duro, nella terra, nel fango e nella rovina. Ma lì trova anche bellezza e speranza, ad esempio nell’immagine di una cantante all’Opera di Vienna bombardata.

Depressione, alcol, maternità e cucina

Pablo Picasso e Lee Miller nel suo studio a Parigi nell'agosto del 1944, durante la liberazione della città.  Dopo averli accolti, Picasso disse: "Il primo soldato alleato che vedo sei tu!"

Pablo Picasso e Lee Miller nel suo studio a Parigi nell’agosto del 1944, durante la liberazione della città. Dopo averli accolti, Picasso disse: “Il primo soldato alleato che vedo sei tu!”

(Foto: immagini immagini/Zuma Press)

Ma l’esperienza ha lasciato effetti profondi su Miller. Forse si potrebbe parlare del trauma della guerra. Negli anni successivi cadde in una depressione sempre più profonda e l’alcol, che non aveva mai odiato prima, ebbe il sopravvento.

Nel 1947 divenne mamma e, all’improvviso e inaspettatamente, nacque Anthony. Miller scrive o fotografa ormai raramente e poi mai più: dopo anni difficili e bui trova finalmente una nuova passione alla quale si dedica con tutto il cuore: la cucina. Miller colleziona migliaia di libri di cucina, sperimenta ricette provenienti da tutto il mondo, le fa sue e diventa una nota chef, partecipando a gare di cucina (con successo) e intrattenendo gli ospiti nella sua Farley Farley Farm nell’East Sussex. Ospiti luminosi come Pablo Picasso, che la fotografò molte volte e che lei ritrasse spesso, lo scultore Henry Moore e il fondatore del MOMA Alfred Barr.

Morì il 21 luglio 1977, all’età di 70 anni. Anthony Penrose ha scritto: “Ha affrontato la morte senza paura, con cura e franchezza, come l’inizio di una nuova grande avventura”.

Lee Miller e Man Ray all'ingresso della mostra a Venezia nel marzo 2023.

Lee Miller e Man Ray all’ingresso della mostra a Venezia nel marzo 2023.

(Foto: Andrea Pugh)

Che vita! Durante la lettura, inevitabilmente viene in mente un pensiero: perché questa donna straordinaria e incomprensibile non era più conosciuta? Sembra che la situazione stia cambiando, almeno lentamente. L’edizione tedesca del libro arriva in un momento in cui Miller e i suoi lavori fotografici sono ampiamente apprezzati, anche grazie agli sforzi di suo figlio, direttore degli Archivi Lee Miller. Ad esempio, in primavera a Venezia si è tenuta una grande mostra “Lee Miller – Man Ray. Moda. Amore. Guerra” a Palazzo Franchitti; La mostra “Lee Miller – Fotografo tra guerra e magia” si è conclusa al Bucerius Art Forum di Amburgo. Solo pochi giorni fa.”

Il film biografico “Lee” con Kate Winslet nel ruolo principale (che legame meraviglioso!) è stato presentato in anteprima all’inizio di settembre al Toronto Film Festival e speriamo che venga presto proiettato nei cinema tedeschi. Fino ad allora, puoi immergerti nella vita di Lee Miller con il libro.

Related articles

Turista italiana prima salvata dalle lavoratrici stagionali, poi violentata?

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 21 luglio 2024, 22:39Da: Moritz BlitzingerPremeredivisoDue uomini avrebbero prelevato un turista dalla strada a...

Audi riporta le auto elettriche rottamate e taglia i prezzi delle auto elettriche

Home pageun lavorostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:14da: Patrick FreewahInsisteDivideTuttavia, il nuovo modello Audi Q4 non è...

Questi sono i vincitori di quest’anno del premio di gioco da tavolo più prestigioso al mondo

I vincitori delle tre categorie Gioco dell'anno sono stati annunciati ufficialmente domenica a Berlino. Ogni estate viene assegnato il...

L’atmosfera terrestre ha dimostrato di essere il miglior scudo protettivo contro le supernove vicine

Home pageLo sappiamostava in piedi: 21 luglio 2024, 19:13da: Giuliano MayerInsisteDivideIn teoria, una supernova potrebbe rappresentare una grave...