Campione NBA Denver Nuggets: il trionfo di Nikola Jokic

Date:

Share post:

Benigna Baresi
Benigna Baresi
"Totale drogato di caffè. Ninja della TV. Risolutore di problemi impenitente. Esperto di birra."

È sempre interessante vedere cosa fanno gli atleti nel momento del loro più grande trionfo. Ci sono lanciatori sul pavimento, tamburini, corridori allegri – e ovviamente quelli che si arrampicano da qualche parte, si bagnano nel mare di ventagli e fingono con le braccia tese come se avessero appena raggiunto qualcosa di trascendente. Tuttavia, Nikola Jokic, il giocatore di basket serbo, è stato fonte di consolazione lunedì sera quando i Denver Nuggets hanno vinto il loro primo titolo per il club.

Jokic non è andato dai suoi compagni di squadra. Non per sua moglie, Natalia, che conosce dai tempi della scuola e che salta felice con in braccio la figlia di 21 mesi, Eugene. Non per il fratello Strahinia, la forza della natura individuale che ha recentemente schierato l’attore e fanatico dei Lakers Jack Nicholson e ora urla di emozione. Non per i fan dei Nuggets che esultano dopo una vittoria per 94-89 in Gara 5 della serie al meglio delle sette. Non per celebrità come la cantante Ciara e il calciatore Russell Wilson o gli inventori di South Park Trey Parker e Matt Stone. Jokic si è avvicinato a ciascun giocatore dell’eventuale avversario Miami Heat, ha stretto la mano o li ha abbracciati e ha pronunciato alcune parole tenere.

Dopo che Jokic ha ricevuto alcuni ringraziamenti dalla sua squadra, era già monopolizzato dalle persone delle pubbliche relazioni. Se vinci un titolo negli sport americani, puoi tifare solo per pochi secondi, poi vieni portato davanti alla telecamera e devi spiegare come ti senti. La risposta di Jokic conteneva la parola “team” cinque volte in una frase.

Alla fine di una stagione come questa, c’è sempre un’analisi del perché chi ha vinto e cosa significa in un contesto più ampio per giocatori, club, campionato e sport. La risposta ovvia ora sarebbe quella di annunciare Nikola Jokic, 28 anni, come un giocatore eccezionale che, dopo due premi individuali di Most Valuable Player (2021 e 2022), ha continuato la sua carriera ancora molto giovane – ha appena completato la sua ottava stagione in NBA – con il titolo lucidato.

Ha battuto il record di 57 anni di Wilt Chamberlain per la maggior parte delle triple doppie in questo playoff. Ha ottenuto dieci volte valori a due cifre in tre categorie statistiche. Nella terza partita, ha ottenuto 30 punti, 20 rimbalzi e dieci assist, il primo 30-20-10 finale nella storia della NBA.

Il Ringraziamento: dopo la fine della partita, il centro dei Nuggets si è avvicinato allo staff e ai giocatori degli Heat e ha accarezzato i perdenti.

(Foto: Justin Edmonds/AFP/Getty)

Jokic sembra spesso un giocatore d’azzardo che può permettersi di venire dalla spiaggia alla sala poiché è naturalmente benedetto con un’altezza di 2,11 metri, un talento per il movimento e un senso per la palla. Ma questo non è vero. Come il giocatore di basket Michael Jordan, il pugile Muhammad Ali o il tennista Roger Federer, Jokic è un esempio di quanto duro lavoro ci vuole per far sembrare così facile qualcosa di difficile: il paragone con il più grande dello sport è deliberato. Jokic sta arrivando lì.

“Semplicemente non si fa vedere e fa quelle cose”, ha detto l’allenatore dei Nuggets Michael Malone della facilità di interpretare la posizione. Come mettere una palla nel canestro con sentimento. Come trova i suoi compagni di squadra, come se avesse gli occhi dietro la testa. Come inganna gli avversari premendo la palla nello stomaco quando sono fuori campo per assicurarsi una rimessa in gioco per la sua squadra. “Non mi è stato detto abbastanza della quantità di tempo che investe nell’affinare la sua arte”, ha affermato l’allenatore: non ha detto talento, ha detto arte.

Forse si dovrebbe descriverlo in questo modo: in un’era della NBA in cui regole come il tetto salariale consentono ai migliori di muoversi dove promettono un facile percorso verso i titoli o trascorrono la maggior parte del loro tempo al di fuori delle attività sportive, i Nuggets hanno una sorta di destino -match status raggiunto da soli Cover con Jokic – proprio come i Dallas Mavericks hanno fatto una volta con Dirk Nowitzki. Nella relativamente tranquilla Denver, Nowitzki una volta descrisse la sua situazione, “non viene trascinato per la città come un toro dall’anello al naso”. È affiancato da persone che sanno che se permetteranno a Jokic di essere quello che è, ne trarranno beneficio come squadra e come individui. Come dice lui stesso: “Non è necessario segnare gol per formare un gioco”.

L’ultima partita della stagione ne è stata l’esempio migliore. I Nuggets, noti per la loro giocosa offensiva, hanno lottato contro la veloce difesa Heat. Sono rimasti indietro per la maggior parte del tempo. Jokic ha detto in seguito: “Ecco perché il basket è così divertente. Non puoi pianificare tutto, ea volte devi reagire e dimostrare che puoi vincere anche se la partita non va come avevi immaginato”. Denver ha preso piede lentamente, è stato emozionante fino alla fine. I compagni di squadra di Djokic come Jamal Murray (14 punti totali), Michael Porter (16), Kentavious Caldwell-Pope (undici) e Bruce Brown (dieci punti) hanno segnato.

Il contributo di Jokic è stato illimitato nonostante la sua esitazione nelle fasi finali. Proprio perché era sotto canestro i valori statistici (28 contropiedi e 16 rimbalzi) erano comunque straordinari.

Proprio come non si sarebbe mai immaginato che Nowitzki avrebbe giocato in un posto diverso da Dallas, Jokic probabilmente rimarrà a Denver. Naturalmente, questo porta alla domanda: ce ne saranno altri in arrivo, come gli Showtime Lakers degli anni ’80, i Bulls degli anni ’90 o i Golden State Warriors più recentemente? Jokic ha 28 anni, Murray 26 e Porter Jr. 24. Tutti e tre sono legati ai Nuggets almeno fino al 2025, momento in cui Murray probabilmente allungherà Denver. In modo che possano restare uniti, possono modellare questo campionato come un allontanamento dai batteristi del petto e dagli allargatori di braccia del recente passato, insieme a Giannis Antetokounmpo dei Milwaukee Bucks, che gestisce tranquillamente i paraocchi, le vittorie e le sconfitte.

Quando a Jokic è stato chiesto subito dopo aver consolato lo sconfitto come si sente ora, questo primo titolo NBA nella sua vita, ha detto solo: “Bene, abbiamo fatto il nostro lavoro, ora possiamo finalmente tornare a casa”.

Related articles

Turista italiana prima salvata dalle lavoratrici stagionali, poi violentata?

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 21 luglio 2024, 22:39Da: Moritz BlitzingerPremeredivisoDue uomini avrebbero prelevato un turista dalla strada a...

Audi riporta le auto elettriche rottamate e taglia i prezzi delle auto elettriche

Home pageun lavorostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:14da: Patrick FreewahInsisteDivideTuttavia, il nuovo modello Audi Q4 non è...

Questi sono i vincitori di quest’anno del premio di gioco da tavolo più prestigioso al mondo

I vincitori delle tre categorie Gioco dell'anno sono stati annunciati ufficialmente domenica a Berlino. Ogni estate viene assegnato il...

L’atmosfera terrestre ha dimostrato di essere il miglior scudo protettivo contro le supernove vicine

Home pageLo sappiamostava in piedi: 21 luglio 2024, 19:13da: Giuliano MayerInsisteDivideIn teoria, una supernova potrebbe rappresentare una grave...