Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cambiamento climatico e crisi energetica: l’idrogeno è la risposta a Hess? | hessenschau.de

Con l’idrogeno, il governo federale vuole rendere la Germania più indipendente e raggiungere i suoi obiettivi climatici. Uno dei produttori di carta di Wiesbaden ha già iniziato a trasformare la sua produzione. Tuttavia, l’idrogeno è tutt’altro che verde come suggerisce la sua reputazione.

Scritto da Jens Borchers, Oliver Gunther e
Michael Godmier

la mia ultima voce

La mia voce

03:36 minuti

Senza CO2 con idrogeno – Essity a Mainz-Kostheim

Fine del contributo vocale

La sede di produzione di uno dei maggiori produttori tedeschi di prodotti per l’igiene si trova a Mainz-Coestheim (Wiesbaden). Tovaglioli di carta e rotoli da cucina rotolano fuori dalla catena di montaggio in pile. Prodotti che utilizziamo ogni giorno e che inquinano il clima. Essity gestisce tre macchine continue nello stabilimento, che attualmente emettono circa 140.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno. La macchina continua emette circa l’uno per cento di tutte le emissioni a Wiesbaden, afferma il direttore dello stabilimento Thorsten Beecherer.

Per produrre in modo più rispettoso del clima, l’azienda vuole utilizzare l’idrogeno verde (H2) come fonte di energia in futuro. Questo perché non emette anidride carbonica dannosa per il clima durante la produzione o la combustione, a condizione che l’energia per la produzione provenga da fonti rinnovabili come il vento o il sole.


Produzione di carta igienica utilizzando rotoli di carta ingombranti.

Finora, Essity ha utilizzato gas naturale fossile, ad esempio per macchine che asciugano la carta. L’aria soffiata sulla carta da un “asciugacapelli” viene riscaldata a 500 ° C. In futuro, l’azienda vuole sostituire il gas con idrogeno verde e convertire i macchinari per farlo. Il progetto è iniziato nel 2018 e ora viene implementato passo dopo passo. Ma non è così semplice.

Quasi nessuna linea di idrogeno

I primi ostacoli sono l’origine e il trasporto dell’idrogeno, e per il progetto pilota – utilizzando una macchina continua – l’idrogeno proviene dal Mainz Energy Park. Lì, l’idrogeno verde viene prodotto con l’aiuto dell’energia eolica, che viene poi trasportato su camion a Essity. Funziona ancora nella fase beta.

Se Essity voleva convertire tutte e tre le macchine continue all’idrogeno verde, la quantità del Mainz Energy Complex non era più sufficiente. Successivamente, secondo il direttore dell’impianto Thorsten Becherer, l’azienda ha bisogno di accedere a una rete di condotte dell’idrogeno, paragonabile all’attuale rete del gas.

Ma prima del 2030, secondo il Dipartimento dell’Energia dello Stato dell’Assia, l’Assia non sarà in grado di fornirgli idrogeno verde, almeno non su scala più ampia. Perché né l’Assia né l’intera Germania hanno capacità di elettricità verde sufficienti per produrre H2 verde. Il ministro dell’Economia Tariq al-Wazir (i Verdi) afferma: “Dobbiamo espandere le energie rinnovabili a lungo termine”. “Questo ne fa parte.”

Maggiori informazioni

Come funziona con l’idrogeno?

L’idrogeno può immagazzinare energia, che può essere utilizzata in varie forme. L’idrogeno può essere bruciato come il gas, ma può anche essere utilizzato per alimentare il motore di un’auto o la turbina di un aeroplano. Il grande vantaggio: la sostanza può essere trasportata e utilizzata in forma liquida o come gas su lunghe distanze.

Il processo standard per la produzione di idrogeno è ciò che è noto come elettrolisi utilizzando elettricità, acqua e un dispositivo chiamato elettrolizzatore. Si distingue tra idrogeno verde (prodotto utilizzando energie rinnovabili), idrogeno grigio (prodotto utilizzando l’energia del gas o del carbone) e idrogeno neutro (qui si produce anidride carbonica durante la produzione, che viene immagazzinata o consumata altrove).

La fine di ulteriori informazioni


così chiamato "Quattro macchine per la carta" presso Essity a Magonza-Kostheim.

Molte aziende sono offline

“Abbiamo il vantaggio di essere relativamente vicini alla rete di distribuzione dell’idrogeno pianificata, estesa a tutta la Germania, persino transnazionale”, afferma Becherer di Essity. Ma questa rete non sarà pronta fino al 2034. “Certo che è troppo tardi”. Altre società non avranno affatto una rete per il prossimo futuro.

Al fine di colmare il periodo fino al 2034, Essity sta pianificando una rete regionale con produttori e acquirenti di idrogeno, e forse anche la produzione locale di idrogeno in loco. Ma i costi di ciò rappresentano una sfida per le aziende dell’Assia. Perché convertire la produzione in idrogeno spesso costa milioni.

I costi che Essity deve sostenere in gran parte da sola. Lo stato dell’Assia ha concesso un sussidio di circa 1,5 milioni di euro. Ma il governo federale non sostiene l’industria della carta quando si tratta di idrogeno, ma soprattutto l’industria siderurgica, del cemento e chimica, afferma il direttore dello stabilimento Becherer. Questi producono di gran lunga la maggior parte di anidride carbonica, quindi da un punto di vista politico, i finanziamenti qui hanno un impatto maggiore.

“Vorrei che il governo federale fosse più flessibile e dicessimo che supportiamo coloro che stanno aprendo la strada. Coloro che stanno davvero guidando la trasformazione. Non importa in quale settore si trovano”, chiede Becherer.

Treni a idrogeno per la regione del Reno-Meno

Oltre all’industria, l’idrogeno rivoluzionerà il settore dei trasporti. Come a Francoforte Industriepark Höchst. L’idrogeno è già prodotto qui. Da dicembre guiderà i primi treni a idrogeno sulle strade del Taunus nel Rhein-Main-Verkehrsverbund (RMV), sostituendo così i treni diesel.

Tuttavia, l’idrogeno di Höchst non è ancora verde. Il ministero dell’Economia ha detto in risposta a una piccola richiesta del FDP che nei primi anni verrà utilizzato quasi esclusivamente idrogeno grigio, cioè idrogeno prodotto dal gas o dal carbone.

la mia ultima voce

La mia voce

03:49 minuti

Treni e voli: esempi di idrogeno dall’Assia

Fine del contributo vocale

L’idrogeno deve essere importato.

L’idrogeno è ottenuto da un sottoprodotto di un’azienda chimica, spiega Joachim Kressing, amministratore delegato di Infraserv, che gestisce il parco industriale. Una stazione di rifornimento di idrogeno sarà costruita presso l’Industriepark Höchst per rifornire di carburante i treni.

In generale, avverte Kressing, il ritmo di conversione all’idrogeno è molto lento. “Non vediamo abbastanza della necessità di importare H2 su larga scala”, afferma. Almeno una soluzione è stata trovata per il complesso industriale. “Abbiamo la nostra rete di gasdotti”.

Ministro: L’idrogeno non è una soluzione a tutto

Per la costruzione di gasdotti in tutta l’Assia, lo stato è in trattative con gli operatori delle reti del gas a lunga distanza, afferma il ministro dell’Economia Tariq Al-Wazir (i Verdi). In futuro, ci sarà una rete simile al modo in cui si è sviluppata la rete di trasporto del gas naturale. “Ma stiamo parlando di molto più tardi del 2030 e penso che verrà dalla Germania nord-occidentale”.

Il ministro dice che l’idrogeno non può comunque essere la panacea del nostro tempo: “Molti guardano all’idrogeno come alla soluzione di tutto. A dire il vero, bisogna dire: non lo è”. Perché ci sono aree di applicazione e industrie per le quali l’idrogeno semplicemente non è adatto.

Ecco perché la strategia statale per l’idrogeno si limita solo ad alcune aree: “Dal punto di vista di Hess, questo è il trasporto aereo, e poi le applicazioni nel trasporto merci, ad esempio, o su rotaia, dove stiamo già facendo progressi. “

Maggiori informazioni

La fine di ulteriori informazioni

READ  Equilibra gli ormoni in modo naturale