Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Brutte prospettive per Italia e Scandinavia

A meno di una profonda recessione il prossimo anno, l’inflazione rimarrà molto più alta di quanto previsto dalla Banca centrale europea (BCE) e rimarrà stabile. Un ciclo di aumento dei tassi tende a durare più a lungo dei prezzi di mercato. Uno shock commerciale dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia porta a un calo del 3-4% del prodotto interno lordo (PIL) nell’area dell’euro. Allo stesso tempo, la forte pressione sui redditi reali delle famiglie e sui margini di profitto delle imprese ha spinto il sentiment al livello più basso dalla crisi finanziaria globale del 2008-2009. Prevediamo che la zona euro scivolerà in una moderata recessione entro la fine dell’anno e il PIL si contrarrà dello 0,5% nel 2023..

Rischi al ribasso, ma sono possibili sorprese positive

Il tema dell’energia pone un rischio significativo nel 2023. È vero che il rischio di approvvigionamento di gas è diminuito notevolmente nei prossimi mesi. Ma rifornire le forniture di gas per il prossimo inverno sarà una sfida, soprattutto perché la Cina richiede più gas naturale liquefatto (GNL) quando riaprirà i battenti il ​​prossimo anno.

Tuttavia, c’è anche la possibilità di sorprese positive. In primo luogo, le condizioni finanziarie non sono strettee lo stimolo fiscale sarà positivo nella maggior parte dell’Europa nel 2023, in netto contrasto con altre economie sviluppate. Dall’inizio del 2022, i governi hanno annunciato l’equivalente di quasi 5 punti percentuali di PIL per sostenere le famiglie e le imprese. Inoltre, il prossimo anno verrà ampliato il pacchetto di stimolo economico NextGenerationEU (NGEU). In secondo luogo, l’Europa deve fare di più in termini di domanda e produzione. I libri degli ordini sono più pieni che mai. Le famiglie sono costrette a risparmiare l’equivalente di 6 punti percentuali del PIL disponibile. In terzo luogo, il canale del credito funziona bene per la prima volta in più di un decennio. Il credito netto agli individui è di mezzo punto percentuale del PIL ogni mese.

READ  Lo Stadio Olimpico di Roma sarà intitolato alla leggenda italiana?