Boehmermann estorce una confessione alle autorità

Date:

Share post:

Ersilia Toscani
Ersilia Toscani
"Tipico pioniere della birra. Appassionato del web adatto agli hipster. Fanatico dell'alcol certificato. Amante di Internet. Amante degli zombi incredibilmente umile."
  1. Home page
  2. cultura
  3. Televisione e cinema

Jan Böhmermann affronta la polizia di Francoforte sulla rivista ZDF Royale e parla di “NSU 2.0”. Estrae nuovo riconoscimento dalle autorità. Recensione televisiva.

“Che diavolo c’entra tutto questo con il sarcasmo?” chiede Jan Böhmermann, chiaramente scoraggiato, alla fine di ZDF Magazin Royale. Poco prima aveva pronunciato la sua grande battuta nel “primo doppio episodio” del suo programma satirico, che in questo caso aveva le qualità di una rivista investigativa: “NSU 2.0”. Non era solo. Questo è anche l’indirizzo del gateway Chiedi allo StatoCon chi ha lavorato il team Bommermann.

Molti messaggi minacciosi sono stati inviati utilizzando “NSU 2.0”. In questo caso, nel novembre 2022, il tribunale regionale di Francoforte ha condannato al carcere Alexander M., 54 anni. Tuttavia, le persone colpite e gli osservatori del processo dubitavano che M. È un delinquente individuale. Sospettavano della polizia, dai cui computer provenivano i dati dei messaggi minacciosi. A questo proposito, le scoperte di Böhmermann non furono per loro una vera sorpresa. Tuttavia, il tribunale regionale di Francoforte e le autorità inquirenti ritengono che Berlini sia l’unico colpevole. Almeno questa era la linea ufficiale.

Il team di Jan Böhmermann della ZDF Magazin Royale e del portale FragDenStaat ha potuto valutare i fascicoli dell’indagine su “NSU 2.0”. (Schermata) © ZDF

Jan Böhmermann presenta le nuove scoperte dell’indagine della Procura “NSU 2.0” nella rivista ZDF Royale

Il team Böhmermann ha lavorato insieme Chiedi allo Stato Ho contattato la Procura della Repubblica. Inizialmente l’ufficio del procuratore distrettuale non ha risposto, spiega Böhmermann. Alle domande è stata data risposta solo attraverso la minaccia di azioni legali. “Chi avrebbe mai pensato che le email minacciose avrebbero avuto un tale impatto”, scherza Boehmerman.

Più importante del piccolo colpo è questa intuizione: “La Procura di Francoforte non vuole parlare della questione pubblicamente, ma sebbene sia ufficialmente convinta che l’unico autore Alexander M. abbia inviato anche il primo fax minaccioso del tipo NSU 2.0 “stanno anche indagando sullo stesso identico crimine. […] Giovanni S.

Rivista reale ZDF
Jan Böhmermann
Cosa c’entra la polizia con NSU 2.0
#branco di lupi solitari
6 ottobre 2023
5 ottobre 2024

Il commissario di polizia Johannes S. non è estraneo al pubblico abituale di ZDF Magazin Royale. Era già uno degli eroi dell’episodio precedente, quando Böhmermann pubblicò conversazioni di estrema destra di agenti di polizia di Francoforte. Quando il 2 agosto 2018 a Francoforte è stato inviato un fax minaccioso all’avvocato Seda Basay Yildiz, l’attenzione si è concentrata sul distretto di Zell. I dati protetti sono stati recuperati lì. Al momento dell’indagine erano in servizio gli agenti del gruppo di chat. Il gruppo di chat è stato scoperto solo attraverso l’indagine “NSU 2.0”.

Böhmermann trasforma ZDF Magazin Royale in un thriller poliziesco e indaga sulla polizia per “NSU 2.0”.

Jan Böhmermann continua la sua indagine interna della polizia su ZDF Magazin Royale. Ma questa volta non è travestito da agente di polizia in uniforme, ma da detective civile. Boomerman indossa il segno distintivo di tutti i famosi investigatori della “scena del crimine”: una giacca di pelle. “Costa il doppio di quanto guadagna il regista”, dice Boehmerman, che non può fare a meno di sottolineare la controversia che circonda il suo stipendio. Rimane una delle poche battute in corso nello show. L’argomento semplicemente non offre molto di più. .

Böhmermann offre invece all’emittente pubblica ciò che di solito conoscono da ARD e ZDF: un thriller poliziesco. Ma lo combina con qualcosa di sconosciuto al pubblico tranne che in relazione agli autovelox: la critica alla polizia e uno sguardo sulle debolezze del potere.

Così Böhmermann punta ancora una volta gli occhi sulla prima stazione di polizia di Zell a Francoforte. La base sono i file investigativi su “NSU 2.0”, condivisi da ZDF Magazine Royale Chiedi allo Stato Valutato. In definitiva, gran parte di ciò è già noto attraverso le dichiarazioni dei testimoni e le informazioni fornite da Antonia von Behrens, l’avvocato di Basay Yildiz.

ZDF Magazine Royale riassume i risultati sul ruolo della polizia in “NSU 2.0”.

Alla fine Böhmermann riassume bene le prove che portano ai membri della chat della polizia: Miriam D. era registrata. Al computer da cui sono stati recuperati i dati. Secondo gli atti dell’indagine, Johannes S., attirato da colleghi in uniforme nazista, ha cercato Seyda Basay Yildiz e il suo indirizzo prima del delitto, ha scoperto un caso in cui lavorava come avvocato ed è stato alluso nelle minacce lettera, aveva le competenze e i mezzi necessari per inviare un fax tramite il browser Tor e si è comportato in modo sospetto vendendo il suo iPad, che disponeva di due browser di questo tipo, pochi giorni dopo l’invio del fax.

ZDF Royale Magazine nella libreria multimediale

La rivista ZDF Royale con Jan Böhmermann da venerdì 6 ottobre 2023 è arrivata Mediateca ZDF disponibile.

Ciò che Böhmermann non ha menzionato e potrebbe anche essere una prova incriminante: Ze Johannes S. Ricopre il grado di “Obersturmbannführer”. Il mittente dei messaggi minacciosi “NSU 2.0” si è ripetutamente definito “Obersturmbannführer”.

Böhmermann solleva interrogativi sull’indagine “NSU 2.0” e sulle azioni della polizia

Come è noto, ad essere condannato non è stato il poliziotto, bensì Johannes S. Solo un testimone ma si è rifiutato di testimoniare, ma Alexander M. Ciò ha portato sollievo ai politici dell’Assia. “Se ti piacciono i casi individuali, ti piaceranno i singoli autori”, dice Böhmermann. “Possiamo tutti finalmente fidarci di nuovo della polizia di Francoforte, come abbiamo sempre fatto”.

Böhmermann spiega che questo non è del tutto vero in molti modi. Da un lato li cita il padre, secondo cui la polizia avrebbe manomesso le prove nel caso “NSU 2.0”, e descrive le fasi inquietanti del processo: la lunga pausa prima che la LKA subentri nelle indagini, così come l’investigatore privato con un passato a Francoforte. Il secondo punto è che anche il giudice ha dubbi sul fatto che Alexander M. Era stato lui a mandare il primo messaggio minaccioso. Sebbene Alexander M. In detenzione continuano a pervenire messaggi minacciosi da parte di “NSU 2.0”.

Attraverso la ricerca della rivista ZDF, le persone colpite da “NSU 2.0” hanno scoperto il nuovo stato dell’inchiesta

A questo punto Böhmermann dà una risposta alla Procura della Repubblica, che prosegue le indagini su Johannes S. Per quanto riguarda le minacce. Un fatto che gli stessi interessati sembravano non sapere fino a questa rivista ZDF Royale, come spiegato da Basay Yildiz e Janine Wiesler su X (ex Twitter). L’autore satirico crea nuovamente trasparenza.

Nonostante le prove indichino Etieuten a Francoforte, ciò che Böhmermann alla fine ha detto è vero: “Non sappiamo se Johannes S. avesse un legame con NSU 2.0 e, in caso affermativo, quale fosse questo collegamento”. “Inoltre non sappiamo chi ha inviato il primo messaggio minaccioso da NSU 2.0 il 2 agosto 2018 alle 15:41 “A differenza dei soliti drammi su ARD e ZDF, il detective Böhmermann – nonostante indossi un’elegante giacca di pelle – non può presentare lo spettacolo . il criminale. Ma quello è comunque il lavoro di qualcun altro. (Max Schaefer)

Related articles

Gli alpinisti in Italia hanno bisogno di essere salvati dalla neve sulle Dolomiti

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 14 luglio 2024, 19:28Da: Martina LieblPremeredivisoUn tour delle Dolomiti si conclude in modo drammatico...

I prezzi delle auto piccole sono aumentati notevolmente e l’acquisto di una nuova auto è diventato quasi impossibile

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 22:27da: Marco HofstetterInsisteDivideSecondo uno studio dell'ADAC, le nuove utilitarie con...