Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Attacchi alla centrale nucleare di Zaporizhia: Zelensky avverte l’Europa di un pericolo nucleare

Stato: 14/08/2022 09:34

Sulla scia degli attacchi alla centrale nucleare di Zaporizhia, il presidente ucraino Zelensky ha avvertito della crescente minaccia nucleare per l’Europa. Ha chiesto l’imposizione di nuove sanzioni all’industria nucleare russa.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avvertito l’Europa di una crescente minaccia nucleare. Alla luce dei combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhia, ha avvertito in un videomessaggio che “la minaccia radioattiva per l’Europa sta aumentando a un livello mai visto nemmeno nei momenti più difficili dello scontro durante la Guerra Fredda”.

La Russia è stata nuovamente accusata di ricatto. Silinsky ha detto che gli “occupanti” hanno usato la centrale nucleare per diffondere la paura “in modo molto cinico”. Le forze russe si “nasconderanno” dietro una centrale nucleare per bombardare le città di Nikopol e Maranits controllate dall’Ucraina.

Zelensky: Sanzioni contro l’industria nucleare a Mosca

Zelensky ha invitato l’Occidente a imporre sanzioni all’industria nucleare russa. Le misure punitive dovrebbero danneggiare l’industria nucleare russa. Diplomatici ucraini e rappresentanti dei paesi partner stanno ora facendo del loro meglio per sconvolgere l’industria nucleare russa. Inoltre, i responsabili dello “stato di terrorismo” devono essere ritenuti responsabili dal sistema di giustizia penale internazionale. Secondo Zelensky, ogni soldato russo che spara a una centrale nucleare o si nasconde lì diventa il bersaglio di agenti segreti e militari ucraini.

Mosca e Kiev si incolpano a vicenda per gli attacchi nei pressi della più grande centrale nucleare d’Europa, con sei reattori e una produzione netta di 5.700 megawatt. La struttura è stata occupata dall’esercito russo dall’inizio di marzo. La dirigenza a Mosca e le autorità di occupazione a Zaporizhia hanno respinto la richiesta di riportare la centrale nucleare sotto il controllo ucraino.

READ  Mosca condanna l'adesione dell'Ucraina all'Unione europea come un "atto aggressivo"

Dopo i primi attacchi del 5 agosto, uno dei reattori è stato spento. Una stazione di pompaggio e sensori di radiazioni sono stati danneggiati negli attacchi di giovedì scorso. Le autorità ucraine ei loro alleati occidentali chiedono una zona smilitarizzata intorno alla centrale nucleare e il ritiro delle forze russe.

La situazione nell’est è ancora difficile

Zelensky ha anche affermato in un discorso che la situazione nell’Ucraina orientale rimane difficile, ma senza cambiamenti significativi. La regione di Kharkiv in particolare è attaccata frequentemente, ma la difesa è ancora in piedi. Nel frattempo, la Russia ha dispiegato “risorse enormi” in termini di artiglieria, personale ed equipaggiamento nel Donbass. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Parti in conflitto come fonte

Le informazioni sull’andamento della guerra, sui bombardamenti e sulle vittime fornite dagli organi ufficiali delle parti in conflitto russa e ucraina non possono essere verificate direttamente da un organismo indipendente nella situazione attuale.

Ma ci sono buone notizie anche al sud. Lì, secondo Zelensky, l’esercito ucraino è riuscito più volte a colpire l’esercito russo. Secondo fonti ucraine, il ponte carrabile presso la diga di Nowa Kakhovka nella regione di Cherson non è più impraticabile a causa di diversi attacchi. Il comando dell’esercito ucraino meridionale ha annunciato su Facebook che il ponte è stato intenzionalmente reso inutilizzabile da unità missilistiche e di artiglieria.

Secondo l’intelligence britannica, l’esercito russo vuole rafforzare le sue forze nell’Ucraina meridionale. Il Ministero della Difesa di Londra ha dichiarato su Twitter di essersi probabilmente concentrato sul rimontaggio delle unità la scorsa settimana.

Attacchi a Donetsk

A est, le forze separatiste sostenute dalla Russia hanno continuato a lanciare attacchi contro la capitale regionale di Donetsk da nord. Qui, il sobborgo di Pesky, vicino all’aeroporto di Donetsk, è al centro di combattimenti particolarmente aspri.

La Russia sta anche cercando di ottenere il controllo dell’autostrada M04 e quindi il principale accesso a Donetsk da ovest. Il villaggio di Pisky è da tempo oggetto di accese controversie. E la Russia ha annunciato ancora sabato solo di aver preso completamente il potere, cosa che l’Ucraina ha immediatamente negato.

Kiev: distrutto l’ultimo attraversamento del fiume

Di conseguenza, l’esercito ucraino è ora riuscito a distruggere l’ultimo dei tre attraversamenti del fiume utilizzando sistemi missilistici a lungo raggio. Ciò ha lo scopo di impedire all’esercito russo di rifornirsi sulla riva destra del fiume Dnipro e di consentire il ripristino. Gli ucraini avevano reso inutilizzabili il ponte ferroviario e il ponte terrestre a Cherson.

Le forze russe hanno costruito un servizio di traghetti civili attraverso il fiume e, secondo quanto riferito, anche diversi ponti di barche dell’esercito. L’amministrazione degli occupanti russi ha confermato il bombardamento del ponte della diga. Allo stesso tempo, ha avvertito di danni al muro della diga, che potrebbero portare a un disastro. Secondo gli operatori, la produzione della centrale idroelettrica collegata è stata ridotta a un’emergenza. “Stiamo lavorando in una situazione molto pericolosa”, ha affermato il vice capo della centrale elettrica, Arseny Zelensky, dall’agenzia di stampa russa TASS.

16 navi con cibo in corso

Zelensky ha anche descritto come una buona notizia il trasporto di grano e generi alimentari ucraini attraverso i porti del Mar Nero. Nel frattempo, 16 navi sono partite con mais, grano, semi di soia, olio di girasole e altri prodotti per alleviare la situazione nel mercato alimentare globale. Il ricavato della vendita andrà a beneficio dello stato e degli agricoltori, che ora possono seminare i nuovi semi, ha affermato Zelensky.

READ  Primo processo per atrocità: ergastolo per i soldati russi

Le esportazioni agricole attraverso i porti ucraini sul Mar Nero sono state interrotte per diversi mesi a causa della guerra. Il 22 luglio, i rivali di guerra Ucraina e Russia hanno firmato un accordo con la Turchia attraverso la mediazione delle Nazioni Unite, per consentire nuovamente le esportazioni di grano dall’Ucraina.