Ancora più significativo di quello che c'è nel film: la scioccante “scena del crimine” è basata su un modello reale

Date:

Share post:

Ersilia Toscani
Ersilia Toscani
"Tipico pioniere della birra. Appassionato del web adatto agli hipster. Fanatico dell'alcol certificato. Amante di Internet. Amante degli zombi incredibilmente umile."

Ancora più pronunciato che nel film
La scioccante “scena del crimine” ha un modello di vita reale

Scritto da Julian Vitten

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Alcune persone farebbero così tanto per così poca attenzione, che nella loro attuale “scena del crimine” ucciderebbero per questo. Chi pensa che questa sia una fantasia esagerata di uno sceneggiatore non conosce ancora il caso Magnotta.

“Look at Me” non è un normale thriller poliziesco, in cui un omicidio dovrebbe essere il gancio per mostrare lo splendido paesaggio in TV. La roba “Guardami” è davvero dura, e generalmente non è qualcosa che ti aspetteresti di vedere la prima domenica sera. La storia di un sadico affamato di attenzioni che pubblica online video di torture e omicidi è basata su una storia vera ed è più violenta della stessa serie televisiva poliziesca.

Nel 2012, Luca Magnotta ha fatto notizia per settimane perché ha pugnalato la sua ex amante con un rompighiaccio davanti alla telecamera, ha mangiato la sua carne e ha pubblicato online il video del delitto. La storia però era iniziata molto prima, con video apparentemente innocui che lo ritraevano. Ma il contenuto cambiò presto: apparvero video inquietanti in cui i gattini venivano torturati e uccisi. “Poiché la polizia non poteva o non voleva fare nulla al riguardo, migliaia di utenti e attivisti per i diritti degli animali in tutto il mondo si sono riuniti per scoprire l'identità dell'autore del reato con tendenze sadiche”, ricorda lo sceneggiatore e regista Christoph Stark riguardo al caso. , che è servito da modello per il servizio “Look at Me”.

“Durante mesi di lavoro, hanno valutato le foto, i video e i post online di Magnotta per trovarlo. Erano motivati ​​dal timore che la morte di qualcuno potesse essere vista in uno dei suoi prossimi video. Avevano ragione.” Ma Magnotta continuava a sfuggirgli, nascondendosi dietro identità mutevoli, percorsi digitali che non portavano da nessuna parte – e forze di polizia che restavano a guardare e non facevano nulla.

La comunità online dà la caccia all'assassino

Il caso di Luca Magnotta (m., qui nel 2012 quando fu arrestato) è servito a questo "Scena del crimine" Come ispirazione.

Il caso di Luca Magnotta (m., qui nel 2012 quando fu arrestato) è servito da ispirazione per “Crime Scene”.

(Foto: Alleanza fotografica / zuma.com)

Lo stalking digitale si è intensificato nel 2012, quando Magnotta ha ucciso e smembrato lo studente cinese Jun Lin, il suo ex amante, a Montreal, in Canada. Ha filmato il suo crimine, ha pubblicato il video online e solo allora le autorità sono intervenute, scatenando una caccia all'uomo internazionale contro Magnotta. Una comunità online che originariamente si era riunita per fermare un maltrattatore di animali ora sta dando la caccia a un assassino. Come nella “scena del crimine” di oggi, gli utenti hanno utilizzato i social media, l’analisi forense e il lavoro investigativo digitale per tracciare i movimenti di Magnotta, scoprire la sua identità e, infine, fornire alle autorità prove preziose.

L'arresto di Magnotta in un Internet café di Berlino mentre leggeva notizie su di lui ha segnato il punto finale di una caccia all'uomo digitale senza precedenti. È stato estradato in Canada, dove è stato assicurato alla giustizia e condannato all'ergastolo per l'omicidio di Jun Lin.

Il regista di “Tatort”, Stark, tenta di spiegare l'impensabile crimine: “I serial killer e i serial killer agiscono per molte ragioni: frustrazione, solitudine, disperazione, odio. Ma il loro obiettivo è spesso lo stesso: vogliono essere al centro per una volta”. Le loro vite vengono sotto i riflettori e diventano così indimenticabili, persino immortali.

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:07Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

Ecco perché hanno le maniglie ai piedi

Molte bottiglie di birra o altre bottiglie hanno creste nascoste. È questo Braille?La prossima volta che acquisti...

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?

Mike Heater si è davvero innamorato di Layla nel bosco?bromflashI piccioncini ora vogliono fare i passi successivi nella...

Vaccinazione contro le zecche: un grande successo per gli open day

Sabato 20 luglio 2024 l'Azienda Medici dell'Alto Adige ha invitato i cittadini ad una vaccinazione gratuita contro l'encefalite...