Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aldi Nord sta cambiando gli orari, anche Rewe, Edeka e Penny?


Il produttore alimentare Aldi Nord reagisce a una crisi energetica. © Foto Alleanza / d

momento della lettura

Il negozio di alimentari Aldi Nord chiuderà diverse filiali dal 1 novembre 2022 alle 20:00. Aldi Nord ha annunciato la decisione martedì (18 ottobre) tramite il suo canale Twitter. Aldi Nord non ha comunicato quali filiali sono state interessate dalle restrizioni sugli orari di apertura. “ALDI Nord è il primo rivenditore di generi alimentari in Germania ad adeguare gli orari di apertura di molti negozi, contribuendo così efficacemente al risparmio energetico”, ha affermato l’azienda su Twitter.

La misura dovrebbe applicarsi inizialmente fino all’inverno 2022/23. Un portavoce della società ha dichiarato mercoledì che le filiali interessate chiuderanno alle 20:00 a partire da novembre invece che alle 21 o alle 22:00. Tuttavia, i mercati che hanno orari di lavoro più lunghi sono esentati da questo. “Ciò interessa, ad esempio, i mercati dei centri commerciali e delle filiali in cui la frequenza dei clienti è particolarmente elevata tra le 20:00 e le 21:00.”. I clienti saranno informati dei cambiamenti significativi nei mercati e online.

Le filiali devono rimanere aperte più a lungo come previsto dal contratto, ad esempio nei centri commerciali. Lo sconto vuole anche escludere le filiali dove la frequenza del cliente è particolarmente alta tra le 20:00 e le 21:00. La società ha confermato che la mossa non avrà alcun impatto sul numero dei dipendenti. La norma si applica inizialmente alla stagione invernale 2022/23.

READ  McFit è rimasto scioccato dal massiccio aumento dei prezzi e ha causato reazioni arrabbiate da parte dei clienti

L’energia è un costo al dettaglio significativo. Secondo la società, i supermercati Rewe da soli consumano fino a 750.000 elettricità delle famiglie, circa la metà per il raffreddamento e un altro quarto per l’illuminazione. Lionel Sock, presidente di Rewe a Düsseldorf, ha affermato all’inizio di settembre che i costi energetici medi per un supermercato di 1.000 metri quadrati erano già aumentati da 80.000 euro all’anno a 140.000 euro a causa dei prezzi più elevati dell’energia. Tutte le altre grandi catene di vendita al dettaglio sperimenteranno probabilmente esplosioni di costi simili.

Reazioni contrastanti su Twitter

Le reazioni alla decisione di Aldi sono state contrastanti su Twitter. Alcuni utenti accolgono favorevolmente la decisione e considerano l’orario di lavoro fino alle 20:00 abbastanza sufficiente. Altri vedono l’argomento del risparmio energetico come una scusa per risparmiare sui costi del personale a causa delle minori vendite.

Secondo le informazioni di “Lebensmittel Zeitung”, l’amministratore delegato della catena di vendita al dettaglio Tegut, Thomas Gutberlet, ha scritto a settembre una lettera ai 16 governi statali per incoraggiare i tagli. Il regolamento in Baviera, dove i negozi dovrebbero chiudere al massimo alle 20, potrebbe essere un modello. “A breve termine, la riduzione aiuterà a risparmiare energia; a lungo termine, renderà di nuovo più attraente questo profilo professionale nel commercio al dettaglio”, ha detto Gottberlett alla rivista di settore.

Né Rewe né Penny vogliono seguire l’esempio di Aldi

Tuttavia, al momento, non sembra che i concorrenti seguiranno a pieni voti l’esempio di Aldi Nord. esattamente il contrario. Il gruppo Rewe ha annunciato che la riduzione delle ore di esercizio per risparmiare energia non è stata presa in considerazione né nei supermercati Rewe né nella catena di discount del gruppo, Penny. Un portavoce dell’azienda ha confermato che “i risparmi energetici ottenibili saranno marginali”. Perché più della metà del fabbisogno energetico dei negozi è calcolato dalla tecnologia di refrigerazione e non dipende dall’orario di lavoro.

READ  Tesla Model Y nel test: l'auto elettrica di Grünheide è davvero buona

Anche Edeka, Kaufland e Lidl non vogliono chiudere le filiali troppo presto

Edeka, il più grande rivenditore di generi alimentari della Germania, ha anche annunciato, con una giustificazione simile, che attualmente non vede alcun motivo per “offrire un servizio ridotto” ai propri clienti. Anche Kaufland ha rifiutato su richiesta. “Quando si impostano gli orari di apertura dei nostri negozi, le aspettative dei nostri clienti sono di fondamentale importanza. Gli orari lunghi sono particolarmente vantaggiosi per i dipendenti”. e Lidl.

Anche la catena di appartenenza Alnatura non vede alcun motivo per ridurre l’orario di lavoro. Dopotutto, i mercati sono sempre stati progettati per ottenere il miglior bilancio energetico possibile per ragioni di sostenibilità. Anche a Tegut, nonostante la lettera di fuoco del direttore generale, si è detto che non c’erano piani concreti per una riduzione dell’orario di lavoro.

Aldi-Süd è ancora coperta

Nel frattempo, la società sorella di Aldi Nord, Aldi Süd, ha mantenuto un basso profilo riguardo ai suoi piani. Gli orari di apertura si basano sulle esigenze dei clienti e, se necessario, vengono prese in considerazione le questioni sociali e politiche, afferma una vaga richiesta.

L’esperto di marketing Martin Vasnacht della WHU Business School di Düsseldorf può capire l’esitazione. L’abbreviazione degli orari dei negozi aiuta a superare due problemi che i rivenditori hanno attualmente: costi energetici alle stelle e carenza di personale. Tuttavia, un tale passaggio è associato a rischi significativi.

Pertanto, i rivenditori stanno aprendo le porte a una maggiore concorrenza online. Rischiano anche di far arrabbiare i clienti”. Perché dal punto di vista del cliente, ridurre l’orario di lavoro è un passo indietro. “Le persone sono abituate a orari di lavoro lunghi. Il commercio prende parte del loro sollievo”.

READ  Gli esperti avvertono del nuovo programma truffa "Alcom"

dpa / dpa