Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A quanto pare non ci sono più perdite di gas da entrambi i gasdotti Nord Stream | NDR.de – Notizie

Stato: 02.10.2022 15:13

Apparentemente, non c’è più alcun flusso di gas dai due gasdotti Nord Stream danneggiati al largo di Bornholm. La Procura federale di Karlsruhe può indagare sul presunto sabotaggio degli oleodotti del Mar Baltico. Lo ha affermato il ministro federale della Giustizia Marco Buschmann (FDP).

Secondo le informazioni danesi, sembra che anche la fuga di gas dal gasdotto Nord Stream 1 danneggiato si sia interrotta. Ciò significa che il gas naturale non sfuggirà alle quattro perdite nei due gasdotti. L’Autorità per l’energia danese è basata su Nord Stream AG. Era già stato annunciato sabato che la fuga di gas dal Nord Stream 1 si era prosciugata.

Indagini su possibili perdite al termine della fuga di gas

Per diversi giorni dalle quattro perdite nei due gasdotti sono fuoriuscite grandi quantità di gas: secondo la casa madre russa Gazprom, sono fuoriusciti in totale 800 milioni di metri cubi di gas naturale. Sebbene le due linee non fossero operative di recente, sono state riempite di gas per motivi tecnici. Gli esperti si aspettavano che la fuga di gas finisse entro la fine di questa settimana. Questo è un prerequisito per poter ispezionare da vicino le perdite e scoprire la causa del danno.

Maggiori informazioni

Danimarca e Svezia presumono impatti climatici “probabilmente molto significativi” e implicazioni preoccupanti per la vita marina nel Mar Baltico. Di più

Bushman: Il procuratore generale può indagare sulla causa del sabotaggio

Intanto il ministro federale della Giustizia Marco Buschmann (FDP) ha affermato in un’intervista a “Bild am Sonntag” che era possibile che fosse stato commesso un reato al largo di Bornholm sul fondo del Mar Baltico: un sabotaggio anticostituzionale con ripercussioni sulla Germania. Perdite nelle zone economiche speciali di Danimarca e Svezia. Ma da quando l’oleodotto è arrivato in Germania, il reato di provocare un’esplosione esplosiva potrebbe essere messo in discussione, secondo Buschmann. Buschmann ha affermato che l’obiettivo sarebbe identificare gli autori e assicurarli alla giustizia in Germania attraverso il procuratore Peter Frank.

Secondo Gazprom, le quattro perdite hanno rilasciato una quantità di gas pari alla quantità di gas che sarà consegnata in Danimarca entro tre mesi. Ha aggiunto che, poiché non si presume alcun danno di questo tipo durante la costruzione della conduttura, non ci sono valvole di intercettazione che possono essere utilizzate per fermare il flusso di gas. Gazprom studia la possibilità di una riforma. Da un punto di vista tecnico, un portavoce dell’azienda ha affermato venerdì sera tramite collegamento video davanti al Consiglio di sicurezza dell’ONU a New York che il compito è “estremamente stressante”. Su istigazione della Russia, le Nazioni Unite si sono occupate del presunto attacco ai gasdotti. Il Comitato per l’ambiente delle Nazioni Unite ha descritto le emissioni di metano come un disastro ambientale. Il metano è un gas serra dannoso per il clima, in quanto è il principale componente del gas naturale.

Agenzia per l’ambiente: l’uno per cento delle emissioni annuali totali della Germania

L’Agenzia federale dell’ambiente (UBA) era già preoccupata per l’impatto climatico delle emissioni di metano mercoledì. L’agenzia ipotizza la presenza di circa 7,5 milioni di tonnellate di cosiddette anidride carbonica equivalenti. Ciò equivale a circa l’1% delle emissioni annuali totali della Germania. Per migliorare il confronto, i gas serra vengono convertiti in equivalenti di anidride carbonica. Lo standard è il loro contributo al riscaldamento globale rispetto all’anidride carbonica. UBA presume che le perdite rilasceranno 0,3 milioni di tonnellate di metano nell’atmosfera. L’organizzazione ambientale Deutsche Umwelthilfe (DUH) è giunta a conclusioni simili, parlando di “danni indebiti” alla protezione del clima.

READ  Conversazione telefonica tra Putin ed Erdogan

Le speculazioni continuano su chi abbia causato le perdite

Le perdite sono state scoperte poco meno di una settimana fa. Non c’è dubbio ora che siano stati causati da bombardamenti intenzionali. La fonte delle eruzioni rimane poco chiara. Secondo un rapporto danese-svedese al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, le perdite sono state causate da esplosioni subacquee con una forza esplosiva equivalente a “centinaia di chilogrammi” di esplosivo. La Russia aveva richiesto una sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e indirettamente ha incolpato gli Stati Uniti per le fughe di notizie. Gli americani hanno ripetutamente negato tali accuse. Il sovrano russo, Vladimir Putin, ha apertamente descritto gli Stati Uniti e i suoi alleati occidentali come gli artefici delle fughe di notizie. D’altra parte, molti esperti occidentali affermano che la Russia ha dei motivi per un simile attacco, ad esempio per creare più incertezza in Occidente. Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha affermato che era troppo presto per speculare sulle fughe di notizie fino a quando l’incidente non fosse stato indagato a fondo.

Visser: Gruppo investigativo congiunto, pattuglie aumentate

Nel frattempo, il cancelliere Olaf Scholz (Partito socialdemocratico) ha assicurato alla Danimarca e alla Svezia il loro sostegno nell’indagine sulle fughe di notizie. I siti dei gasdotti danneggiati si trovano nelle zone economiche esclusive dei due paesi scandinavi. Sabato, il ministro federale dell’Interno Nancy Visser ha annunciato un gruppo investigativo congiunto di Germania, Danimarca e Svezia. Si tratta di chiarire lo sfondo. Ciò richiede competenze navali, di polizia e di intelligence. Visser ha parlato anche di controlli navali congiunti con Polonia, Danimarca e Svezia. Saranno schierate tutte le forze e le navi a disposizione della Polizia Federale.

READ  Nuovo vaccino Corona: Approvazione del vaccino "convenzionale" a base di proteine ​​che è stato richiesto

“Il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream rappresenta una minaccia per l’Unione Europea”

Schulz ha affermato che la Germania ei suoi partner della NATO e dell’Unione Europea “aumenteranno anche le precauzioni e la protezione contro il sabotaggio delle infrastrutture critiche”. Il ministro delle Infrastrutture Volker Wessing (FDP) vuole che le infrastrutture moderne e sostenibili siano integrate nella Legge fondamentale. I capi di stato e di governo dell’Unione europea vogliono discutere la sicurezza delle infrastrutture la prossima settimana. Il presidente del Consiglio dell’Unione europea Charles Michel ha dichiarato sabato che “il sabotaggio dei gasdotti Nord Stream è una minaccia per l’Unione europea. Siamo determinati a proteggere la nostra infrastruttura critica”.

Lubmin: Gascade sta aggiornando le strutture a terra

A Lubmin, vicino a Greifswald, presso il punto di atterraggio del gasdotto sulla terraferma tedesca, l’operatore della rete del gas Gascade ora vuole espandere e trasformare i suoi sistemi per consentire connessioni flessibili dei gasdotti come hub. In precedenza, l’impianto era progettato per trasportare internamente solo gas dai Nord Stream 1 e 2.

Maggiori informazioni

Boris Pistorius (SPD), ministro dell'Interno della Bassa Sassonia, davanti a un camion dei pompieri.  © picture alliance / dpa |  Foto di Julian Stratensholt: Julian Stratensholt

Il ministro dell’Interno rileva l’accresciuta pericolosità della situazione. I terminali di stoccaggio di gas e GNL possono essere al centro. Di più

La foto mostra una piccola fuga di gas del Nord Stream 2 nel Mar Baltico, ripresa da un aereo della guardia costiera svedese.  Ci sono un totale di quattro perdite sui gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico invece delle tre precedentemente note.  © Guardia costiera svedese / dpa Foto: Guardia costiera svedese / dpa

Una quarta perdita è stata scoperta negli oleodotti del Nord Stream vicino a Bornholm. Per gli esperti, nel frattempo, ci sono prove crescenti dell’origine delle perdite. Di più

Fuga di gas del Nord Stream 1 nel Mar Baltico ripresa da un aereo della guardia costiera svedese.  © Guardia costiera svedese / dpa Foto: Guardia costiera svedese / dpa

L’aiuto ambientale tedesco presume che oltre 350.000 tonnellate di metano dannoso per il clima stiano fuggendo. Di più

Una fuga di gas dal Nord Stream nel Mar Baltico è stata fotografata dal satellite dallo spazio.  © Planet Labs PBC Foto: Planet Labs PBC

L’Unione Europea considera il sabotaggio una possibilità e minaccia di imporre sanzioni. A Lubmin è stata rafforzata la protezione delle stazioni di atterraggio. Di più

Questo argomento è nel programma:

Radio NDR 1 MV | Notizie dal Meclemburgo-Pomerania Anteriore | 02.10.2022 | Sono le 11:00

NDR.logo