Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Coruña: oleodotti e carri armati seguono Schulz in Spagna

all’estero Corona

Condutture e carri armati seguono Scholz in Spagna

Germania e Spagna vogliono l’oleodotto dei Pirenei

La Germania e la Spagna vogliono collaborare più strettamente sulle forniture energetiche. Il cancelliere Schulze e il primo ministro spagnolo Sanchez hanno deciso di voler continuare a costruire un gasdotto che colleghi la Spagna alla rete francese e quindi anche alla Germania.

Il cancelliere ei suoi ministri più importanti vanno in gita scolastica in Spagna. Lì regna un’alleanza di sinistra, poiché Schulze viene a sapere del proprio semaforo. Ma le domande che lo tormentano in Germania lo assillano anche sull’Atlantico.

TGli allenatori raccomandano il team building quando ci sono stati conflitti sul lavoro ultimamente. Perché non mandi i direttori del rock o dell’escursionismo? Il viaggio che il Cancelliere federale ha fatto mercoledì con i suoi ministri più importanti ha un effetto simile: stanno volando sulla costa atlantica spagnola, ad A Coruña, e poiché gli aerei dell’Air Service si guastano di nuovo o vengono utilizzati dal Presidente federale, che è più alto in termini di protocollo, Scholz, Habeck, Lindner e altri sei capi divisione per un semaforo in un insignificante vettore di truppe della Bundeswehr.

Il ministro delle finanze Lindner ha appena bloccato la decisione del governo di mantenere in funzione le centrali nucleari. Non durerà solo fino ad aprile, ma per un anno intero. Così facendo, rende le cose un po’ più difficili per il ministro dell’Economia Habek, che i Verdi sono comunque riluttanti a perseguire sulla questione nucleare.

Quindi c’è molto di cui parlare. Ma c’è una possibilità? Ufficialmente, l’incontro è una consultazione del governo tedesco-spagnolo. Il coordinamento era uno strumento stilistico dell’era Merkel. Idea: non solo i capi di governo di paesi amici, ma anche i ministri sono alla ricerca di progetti comuni e si incontrano una volta all’anno. Ma ultimamente tutto ha preso il sopravvento: l’ultima consultazione del governo tedesco-spagnolo si è svolta nel 2013.

Sanchez dovrebbe arrivare di nuovo a Berlino in ottobre

Schulze ora l’ha rianimata. Ama la Spagna. Soprattutto il suo governo e il suo capo di governo: Pedro Sánchez ha guidato i socialdemocratici da grande coalizione a coalizione di sinistra. Lascia ai suoi soci minori le guerre culturali che imperversano in Spagna e si concentra sulle questioni economiche: le chiama controllare chi lavora. Lo stesso Schulz lo ammette.

Questo è il terzo incontro dei due quest’anno. Sanchez dovrebbe arrivare di nuovo a Berlino in ottobre. Nel frattempo, la coppia reale spagnola sta visitando la Germania, quindi la Spagna è anche il paese ospite della Fiera del Libro di Francoforte. “È un anno tedesco-spagnolo, per così dire, non credo che sia un’esagerazione”, dice Schulz allegramente.

Leggi anche

Cancelliere federale Olaf Schultz (SPD)

Schulz e la crisi energetica

Sta succedendo davvero qualcosa? difficile da dire. Certo, due accordi firmati dal segretario al lavoro Hubertus Hill e dal ministro della Ricerca Bettina Stark-Watzinger con le loro controparti hanno un senso in un senso più ampio, ma avrebbero potuto anche essere spediti avanti e indietro via e-mail. Il piano d’azione concordato dai due governi non è stato letto da tutti i membri pertinenti del governo.

Le questioni veramente importanti: energia e armi

Le questioni che contano davvero sono le stesse qui all’estremità occidentale dell’Europa come sono a casa: energia e armi. Dietro le quinte, c’è una furiosa lotta per l’energia: “Purtroppo, la mancanza di collegamenti infrastrutturali in Europa ci impedisce di sfruttare il potenziale che abbiamo nella penisola iberica in termini di elettricità e gas”, afferma Sanchez.

Dice che il suo paese ha porti per il gas liquido e vorrebbe portare questo – e poi l’idrogeno – in Germania. Ma questo non è tecnicamente possibile. Perché anche la Francia vuole fare affari e ostacola lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto.

Leggi anche

L'UE ora vuole collaborare contro i prezzi elevati dell'energia

Combattere i “prezzi lunari”

Schulz ha parlato solo con il presidente francese Emmanuel Macron all’inizio della settimana. Ufficialmente, fanno ancora affidamento sul suo Plazet, ma stanno anche lavorando come Piano B per la posa di un gasdotto attraverso il Mediterraneo. Naturalmente, questo non è pronto per essere deciso, Macron è ancora in lavorazione. “In termini di pipeline concreta, la nostra prospettiva comune è che ci è sempre piaciuto farlo in amicizia e collaborazione. Non abbiamo l’impressione che sia impossibile”, afferma Schulz.

In alcune capitali europee c’è risentimento per il semaforo da 200 miliardi di euro che vuole utilizzare per sostenere i prezzi dell’energia tedesca dopo un lungo botta e risposta. Non è una distorsione della concorrenza? Alla domanda in merito, Sanchez ha risposto con esitazione. Da un lato, indica il mercato interno come il risultato più importante dell’UE, che dovrebbe essere concepito come un “campo di gioco equo”. Sembra una critica all’alto aiuto di Stato tedesco. D’altra parte, Sanchez sottolinea che la Germania è la più grande economia in questo mercato unico e sta affrontando anche particolari difficoltà.

Leggi anche

Thomas Straubar ha detto:

Guerra, crisi energetica, corona

Sanchez Schulz è gentile anche sul tema della consegna delle armi. Secondo i media spagnoli, il governo spagnolo voleva consegnare carri armati Leopard di fabbricazione tedesca in Ucraina, ma il governo federale lo ha vietato. Un importante politico semaforico vuole esserne testimone: Greene Anton Hofriter, dopotutto, il presidente della Commissione europea al Bundestag. Hofriter afferma di avere “informazioni affidabili dal governo spagnolo” che gli è stato “detto personalmente”.

Di fronte a questo, Sanchez elude. Tutte le domande provenienti dall’Ucraina saranno esaminate da vicino dal suo governo. Andare da soli sarà evitato. Schulz la vede allo stesso modo.

READ  Si dice che gli esseri umani abbiano esposto i virus corona su Internet