Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

YouTube testa esclusive premium per la risoluzione video 4K

Il limite di abbonamento parte da 1.440 pixel

Fonte: Reddit

Secondo un rapporto di un utente di Reddit, YouTube sta attualmente testando il limite di abbonamento per la risoluzione 4K per i video. Per la piena risoluzione, esegui l’upgrade a YouTube Premium. Nessuna dichiarazione ufficiale è stata ancora rilasciata al riguardo.

Attualmente, YouTube sembra eseguire test A/B sulla piattaforma video, che non consentirà più a utenti specifici senza un abbonamento premium di scegliere la risoluzione più alta. In questi casi, il menu di risoluzione dice 2160p o 4K Funzionalità premium lui è. Lo stesso vale probabilmente anche per gli 8K, ovvero 4.320 pixel. Apparentemente, il test viene eseguito solo su dispositivi iOS.

Con questo passaggio, YouTube proverà probabilmente a vendere più abbonamenti YouTube Premium. Finora, l’abbonamento offre le seguenti funzionalità: video senza pubblicità, video offline e riproduzione in background e YouTube Music Premium. In Germania costa 11,99 € al mese o 119,99 euro all’anno. In alternativa, è possibile scegliere tra una tariffa famiglia (17,99€/mese) e una tariffa studenti (6,99€/mese).

Le modifiche alla piattaforma sono state criticate molte volte in passato, ad esempio quando si trattava di un file odio la pubblicità È stato rimosso o sono stati introdotti annunci aggiuntivi prima dei video. I reclami sui test della barriera di opt-in della soluzione si stanno già accumulando su Twitter e Reddit. Non è chiaro se Google implementerà effettivamente la modifica. YouTube non ha ancora commentato questo.

Fonti

I link contrassegnati con * sono link di affiliazione. Acquistando tramite questo link, noi, come gestori del sito, otteniamo una commissione di vendita senza pagare di più. Ecco come puoi supportare il PC sotto tutti gli aspetti

Tim macellaio

Scopri altri contributi dell’autore

READ  Servizio per utenti fuori produzione Microsoft: interrotto dopo più di 25 anni