Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wow: Blizzard vieta la promozione delle community!

I booster e le loro pubblicità molto fastidiose in tutte le chat commerciali e gli strumenti di ricerca di gruppo sono fastidiosi per la maggior parte dei giocatori di WoW – Come ha detto il nostro editore nella sua recente rubrica di polemiche. Ma ai funzionari di Blizzard non importava molto a lungo. Con mezzi tiepidi, hanno agito e bloccato solo alcuni tipi di annunci, ad esempio nello strumento di ricerca di massa. Tuttavia, il potenziamento effettivo è ancora consentito, a meno che non venga eseguito con denaro reale. Questo ha una fine ora. Beh, almeno in parte.

In un nuovo post sul forum, gli sviluppatori hanno ora annunciato una modifica all’Accordo di licenza con l’utente finale (EULA). Afferma che tutte le comunità rafforzate sono vietate con effetto immediato e in violazione dell’EULA.

Chiunque offra Boost come organizzazione o comunità, sia con denaro reale che con oro, ora sta violando le linee guida e rischiando una sanzione. Questo può estendersi alla chiusura permanente dell’account.

Rafforza le gilde che non sono (ancora) interessate.

Tuttavia, gli sviluppatori distinguono chiaramente tra promozione di comunità specializzate in tali servizi e corporazioni o singoli giocatori. dire in dettaglio


Questo aggiornamento delle norme non impedisce a individui o gilde di utilizzare gli strumenti forniti all’interno del gioco (la conversazione “Canale commerciale”) per acquistare o vendere oggetti o attività di gioco con valuta di gioco. Tuttavia, le “Community di promozione”, in particolare quelle operare in più mondi Non sono più consentiti.”


In un linguaggio semplice, questo significa che se la tua gilda porta via qualcuno per qualche moneta d’oro di tanto in tanto, va bene. Tuttavia, è vietato eseguire tutto commercialmente attraverso server diversi.

READ  Call of Duty: Xbox vs PlayStation: Microsoft acquista l'affare più venduto nel più grande affare del settore dei giochi | newsletter

Si spera che il fastidioso problema degli annunci ora diminuisca lentamente ma inesorabilmente. Almeno se Blizzard ora sta reprimendo anche gli abusi. Sembra che gli sviluppatori abbiano intenzione di farlo. Perché alla fine della dichiarazione, consigliano a tutte le organizzazioni di interrompere immediatamente le loro attività se vogliono continuare a mettersi in gioco. Cosa pensi che farà Mike Ybarra la sera in futuro?

00:30
WoW TBC Classic: Black Temple nel trailer di rilascio

Puoi trovare la dichiarazione completa di seguito. Alla fine abbiamo anche la traduzione tedesca per te.


Bufera di neve
Poiché le condizioni in cui operano le diverse entità in World of Warcraft cambiano (Acquista ora )Siamo costretti ad aggiornare le nostre politiche per promuovere il nostro obiettivo di rendere l’esperienza di gioco il più equa e accogliente possibile. Dal nostro ultimo aggiornamento delle norme, abbiamo riscontrato che una crescente interruzione dell’esperienza di gioco è causata da organizzazioni che fanno pubblicità eccessiva su vari servizi di gioco non tradizionali.

A partire da oggi, bandiremo le organizzazioni che forniscono rinforzi, matchmaking, escrow o altri servizi non tradizionali, compresi quelli offerti in cambio di oro. Gli account di World of Warcraft che violano questa politica sono soggetti ad azioni sull’account. Queste azioni possono includere avvisi, sospensione dell’account e, se necessario, chiusura permanente degli account disabilitati di World of Warcraft. Le organizzazioni che operano in più settori e la pubblicità eccessiva di vendite in-game non tradizionali sono in conflitto con i termini e le condizioni dell’Accordo di licenza con l’utente finale (EULA) di Blizzard.

Questo aggiornamento delle norme non limita le persone o le gilde dall’utilizzo degli strumenti di gioco (“Chat del canale commerciale”) per acquistare o vendere oggetti o attività di gioco con valuta di gioco. Tuttavia, non è più consentito “rafforzare le comunità”, in particolare quelle che lavorano su più domini.

Esortiamo tutte queste organizzazioni a cessare immediatamente le attività in World of Warcraft, al fine di mantenere un accesso ininterrotto al gioco.