Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Viaggi nello spazio: l’Europa non ha nulla a che fare con lo spazio

eL’Europa sta perdendo il suo status di potenza spaziale. Con il fallimento del razzo leggero Vega-C è già esploso lo slancio positivo della riunione ministeriale dell’Agenzia spaziale europea (Esa). I numeri sono scioccanti: 60 lanci di razzi SpaceX Falcon quest’anno, contro due lanci di razzi Ariane.

Sono previsti più di 100 lanci missilistici statunitensi nel 2023, quando ci sarà l’ultimo missile Ariane 5 senza che la sua sorella maggiore Ariane 6 abbia ancora effettuato il suo primo lancio confermato.

A questo punto non avremo accesso allo spazio, quindi dovremo lanciare gli ultimi tre satelliti di navigazione Galileo utilizzando il razzo di Elon Musk, avendo precedentemente fatto affidamento sui razzi russi Soyuz.

Leggi anche

Abbiamo già lanciato l’ultimo satellite per comunicazioni militari francesi su un missile americano. Per non parlare dei voli con equipaggio, che non abbiamo mai dominato, a differenza di adesso americani, russi e cinesi.

Il mio annuncio Fortuna sicura

I cinesi sono l’unico paese con una stazione spaziale indipendente, mentre altri dipendono dalla Stazione spaziale internazionale. Infine, ci affidiamo allo US Space Command per tracciare piccoli oggetti in orbita, un’abilità essenziale data la diffusione esponenziale dei satelliti attraverso costellazioni e detriti e il potenziale di collisioni accidentali o intenzionali.

Per non parlare del ruolo svolto dai satelliti Maxar e Starlink nel supportare la sorveglianza e le comunicazioni ucraine sul campo. Gli europei sono per lo più sordi e ciechi nel loro continente.

Perché è importante trarre questa temuta conclusione? Perché stiamo solo chiaramente andando avanti: l’industria spaziale europea deve cambiare radicalmente per rimettersi in piedi. Certo, le prestazioni di Ariane 5 hanno permesso al telescopio James Webb di essere più preciso e di guadagnare qualche anno di vita.

READ  La vitamina B12 colpisce il morbo di Alzheimer | Città della salute Berlino

Non è mai troppo tardi, ma ci vuole molto

E, naturalmente, il modulo Orion è essenziale per conquistare la luna nella missione Artemis. Ma tutto questo avviene all’interno dei programmi spinti dagli americani, che tornano ad essere una formidabile potenza spaziale, parallelamente ai cinesi, che moltiplicano le loro conquiste: l’atterraggio sul lato oscuro della luna, la stazione spaziale, il rover su Marte , comunicazione quantistica – indipendentemente da possibili danni collaterali, come abbiamo visto con il ritorno incontrollato del razzo Long March al primo stadio all’inizio di novembre.

Questo è il nostro messaggio principale: come gli Stati Uniti, il cui programma spaziale era moribondo solo 20 anni fa dopo il fallimento dello space shuttle, l’Europa può essere un leader nello spazio. Ma richiede grande coraggio politico, priorità chiare, incrollabile onestà e un’esecuzione impeccabile.

Maggiori informazioni sui viaggi nello spazio e sui viaggi

L'astronauta Matthew Maurer

roteare

Illustrazione del sistema solare con un nono pianeta

Cerca i corpi celesti

Enumeriamo alcuni possibili percorsi di corsa: Il regolamento e le vacche sacre dell’Europa devono essere radicalmente ripensate. Quando è stata fondata l’Agenzia spaziale europea, c’erano piani per abolire le agenzie nazionali – questo alla fine non è avvenuto, provocando un enorme pasticcio tra sovrapposizioni tecniche e agenzie di acquisto.

Volendo essere efficienti, gli enti pubblici europei si stanno impegnando sempre più in attività commerciali come il monitoraggio dello spazio, lasciando fuori i soggetti privati ​​che sarebbero 10 volte più efficienti.

Andre Luiskrug-Petri è il presidente della Joint European Initiative (JEDI), un organismo di ricerca per idee dirompenti.

Andre Luiskrug-Petri è il presidente della Joint European Initiative (JEDI), un organismo di ricerca per idee dirompenti.

Fonte: privato

.

Ancora peggio, a volte sono molto ingenui dato che i dati osservativi di Copernicus sono disponibili gratuitamente, anche per le principali piattaforme tecnologiche statunitensi. Quest’ultimo lo rende leggibile agli utenti finali che pagano per il servizio o apportano entrate pubblicitarie adeguate per queste piattaforme.

Il pensiero strategico deve essere ripristinato in due modi: ponendo fine ai finanziamenti tradizionali – sia attraverso i programmi di ricerca europei che attraverso i programmi nazionali – e facendo invece un uso giudizioso degli appalti pubblici, aggiudicando i contratti ai migliori piuttosto che ai più radicati. dando.

Nuvola europea nello spazio

e progettando strategicamente i post per evitare qualsiasi pregiudizio che escluda i nuovi arrivati ​​che spesso forniscono la maggior parte delle interruzioni e dell’innovazione. Per raggiungere questo obiettivo occorre potenziare l’efficienza strategica e operativa del committente pubblico: più ingegneri, meno avvocati.

2,4 miliardi di euro andranno persi per la nuova costellazione di comunicazione IRIS2 se, come con Ariane 6, mentiamo a noi stessi fissando programmi irrealistici o se realizziamo una versione sovrana di Starlink.

Useremo la comunicazione quantistica? I nostri satelliti saranno meno complessi e molto più economici? La scommessa di utilizzare solo 100 satelliti (rispetto alle decine di migliaia che Starlink prevede di avere a lungo termine) darà i suoi frutti? La modalità in più orbite (bassa, media, alta) vale la pena in termini di prestazioni e costi?

Leggi anche

Diagramma schematico del progetto dell'Agenzia spaziale europea

Grazie a IRIS2 diventeremo indipendenti in termini di semiconduttori utilizzati? Svilupperemo vere tecnologie di elaborazione e crittografia dei dati per i dati utilizzati? Useremo la comunicazione laser per aumentare la velocità di upload e download? Avremo una nuvola nello spazio?

L’Europa perde ogni giorno quote di mercato e influenza nello spazio, nonostante il talento del nostro continente, come dimostra il boom di NewSpace. La rivoluzione nei metodi, gli appalti pubblici strategici e la nostra capacità di stabilire le priorità e anticipare la tecnologia possono consentire all’Europa di rimanere rilevante nello spazio.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“It’s All in Stocks” è l’istantanea giornaliera delle azioni della redazione aziendale di WELT. Ogni mattina dalle 5 del mattino con i giornalisti finanziari di WELT. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon E il Dezer. o direttamente tramite RSS Feed.