Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vendite solo tramite la sede centrale: BMW mette fine agli sconti dei concessionari

Vendita solo tramite sede
BMW termina gli sconti dei concessionari

Per poter addebitare prezzi unificati per le sue nuove auto, BMW intende concludere contratti di vendita a livello centrale solo in futuro. Pertanto, i concessionari di automobili sono privati ​​\u200b\u200bdell’opportunità di concedere sconti. Nel frattempo, il gruppo di Monaco rischia una multa salata in Gran Bretagna.

I concessionari BMW presto non saranno in grado di offrire sconti agli acquirenti di auto: il gruppo vuole concludere un contratto di acquisto con i clienti stessi in futuro. “Inizieremo con il marchio Mini in Europa nel 2024 e introdurremo un modello di concessionaria per tutti i modelli BMW nel 2026”, ha dichiarato ad Automobilwoche il direttore delle vendite Peter Nota. Ciò significa che il concessionario funge solo da intermediario e consulente per i clienti per conto di BMW.

BMW 82,96

Il gruppo può così applicare prezzi uniformi per le sue auto nuove in tutta la Germania. Nota ha affermato che BMW pagherà al concessionario una commissione per ogni auto venduta: “Questo vale sia per un’auto che un cliente abituale acquista dal proprio concessionario sia per i veicoli che i clienti acquistano interamente online. In questi casi, devono scegliere il rivenditore che consegna il auto. La commissione è mantenuta in entrambi i casi.

Nel frattempo, l’autorità garante della concorrenza britannica, la CMA, ha imposto un’ammenda in relazione alle indagini contro BMW per possibili violazioni dell’antitrust. L’autorità del mercato dei capitali ha affermato di presumere che la casa automobilistica di Monaco stia nascondendo importanti informazioni su un’indagine su una possibile collusione nella raccolta e nel riciclaggio di auto di scarto. La sanzione è di £ 30.000 più £ 15.000 al giorno fino a quando BMW non fornisce le informazioni richieste.

BMW avverte le autorità britanniche

BMW ha dichiarato che collaborerà con le autorità responsabili nel quadro dei requisiti legali. Tuttavia, la società si riserva i propri diritti di difesa qualora le autorità eccedano i suoi poteri legali. “L’ammenda inflitta dalla CMA è in risposta alla posizione di BMW AG secondo cui la CMA non ha l’autorità per obbligare le società straniere a presentare documenti al di fuori della giurisdizione dell’intero Regno Unito”.

La BMW farà esaminare la legalità della sanzione dal tribunale. I retroscena del contenzioso sono le indagini avviate a metà marzo. Ciò include accordi sulla raccolta, il trattamento e il riciclaggio di auto di scarto. Oltre alla Commissione UE, anche la CMA ha avviato le indagini in quel momento.

READ  Sconti di € 3.000 sull'inventario Tesla in Europa > teslamag.de