Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno stato d’animo da sbornia sul fronte dei chip: l’industria del boom prevede la peggiore battuta d’arresto degli ultimi anni

residui sull’interfaccia del chip
L’industria del boom si aspetta la sua peggiore battuta d’arresto da anni

Mentre l’industria automobilistica continua a lamentarsi di colli di bottiglia nelle consegne, la domanda di chip sta calando drasticamente in altre regioni. Si prevede una brusca fine del boom dei semiconduttori. Ironia della sorte, dopo che molti paesi hanno lanciato programmi di investimento multimiliardari.

Sembra che il mondo non abbia abbastanza semiconduttori. I chip di controllo elettronico sono richiesti ovunque: nelle automobili, negli elettrodomestici, negli smartphone e nell’elettronica di consumo. Dopo la pandemia, le denunce di colli di bottiglia e carenze hanno fatto notizia. Le auto non finite dovevano essere parcheggiate nei parcheggi e le attese console di gioco mancavano sotto l’albero di Natale. Dopo essere stato preso dal panico per la mancanza di chip, è stata improvvisamente annunciata una rapida patch.

La carenza cronica di chip sembra aver raggiunto il picco, almeno in alcune aree. Ci sono crescenti segnali di correzione: Nvidia, uno dei maggiori sviluppatori di processori grafici e chip per computer, server di data center e console di gioco, ha riportato numeri disastrosi una settimana fa. Le vendite nel core business sono crollate di oltre il 40%. Intel non è mai stata migliore. I fornitori di chip per computer stimano che le loro entrate crolleranno fino al 50 percento nel 2022.

L’industria non sta solo lottando con la fine della pandemia di Corona e la contrazione della domanda di computer mentre i dipendenti stanno tornando alle loro scrivanie, ha scritto la rivista di settore “PC Games Hardware”. Il recente crollo della criptovaluta ha anche lasciato segni profondi sui bilanci. Secondo le informazioni del settore, le vendite di schede grafiche, tra le altre cose per il mining di criptovalute, dovrebbero ridursi della metà. Intel e Nvidia hanno rivisto di conseguenza le loro previsioni di spedizione e entrate per il 2022.

Cattivo tempismo per miliardi di investimenti

Micron, il più grande produttore di chip di memoria negli Stati Uniti, ha già avvertito di un calo della domanda. La cattiva notizia è stata annunciata lo stesso giorno in cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato il Chips and Science Act con $ 52 miliardi di assistenza governativa per aumentare la produzione interna. “È una specie di umorismo oscuro”, ha commentato l’analista di Sanford Bernstein Stacy Rasgon sui tempi per l’agenzia finanziaria statunitense Bloomberg. “I politici scopriranno quanto velocemente possono essere risolti i colli di bottiglia quando il settore si trasforma”.

Non solo gli Stati Uniti, ma anche Europa, Cina e Giappone potrebbero testarlo. Perché tutti hanno deciso importanti programmi di investimento per aumentare la produzione di chip a causa dei problemi della catena di approvvigionamento della crisi del Corona e delle tensioni geopolitiche. Jason Pompey, un esperto di Fitch, cita Bloomberg dicendo che, almeno a breve termine, c’è il rischio che “gli investimenti nella capacità di produzione vadano verso una recessione economica”.

Gli ultimi dati del settore provenienti dalla Cina, secondo cui la produzione di circuiti integrati è diminuita del 17% dopo il boom speciale legato al coronavirus di luglio, confermano che i rifiuti sono all’ordine del giorno.

Fa presagire una calma decennale

Proprio lo scorso fine settimana, il “Financial Times” ha pubblicato un rapporto L’improvvisa cancellazione del più grande produttore cinese di semiconduttori, International Semiconductor Manufacturing Corporation (spesso). Secondo il CEO Haijun Zhao, la domanda di chip utilizzati negli smartphone e nei dispositivi elettronici di consumo è diminuita di più. Ha affermato che le vendite dei produttori di smartphone in Cina si sono ridotte della metà nella prima metà dell’anno. D’altra parte, la domanda di chip per il controllo industriale o per applicazioni automobilistiche è stabile. Ha citato non solo l’inflazione e il calo ciclico della domanda come ragioni, ma ha anche esacerbato indirettamente il conflitto a Taiwan.

Le previsioni degli esperti sono fosche. Christopher Danieli, analista di Citigroup, prevede che la battuta d’arresto che il settore dovrà affrontare sarà la peggiore degli ultimi 10 anni, e forse di 20. Ogni azienda e ogni segmento probabilmente ne risentiranno.

I maggiori acquirenti di chip sono i produttori di computer. Secondo Bloomberg, il fatto che le spedizioni complessive di processori desktop siano diminuite drasticamente anno dopo anno rispetto a quasi 40 anni fa è un presagio di “tempi bui”. Il ciclo boom-and-bust – il primo big bang, seguito da un’esplosione – non è una novità per l’industria dei semiconduttori. L’industria ha visto le montagne russe molte volte nella sua storia.

READ  Dopo Fed-Beschluss: Scharfe Kritik an US-Goldpolitik: Stifel-Analysten werfen der Fed das Schaffen der nchsten Blase vor | Nachricht