Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Union Berlin: ecco come pensa il giocatore del Colonia Stephen Baumgart dell’allenatore Urs Fischer – Bundesliga

Grande attesa. Ricevuto in un Försterei completamente esaurito, senza restrizioni spettatori Corona unione Venerdì (20:30) 1. FC Köln con l’allenatore Steffen Baumgart (50). Una partita speciale per tutte le parti, così come per l’allenatore dell’FC che ha giocato per i ferri dal 2002 al 2004.

Bild: Signor Baumgart, fino a che punto Köpenick è ancora al centro della sua vita?

Baumgart: “Abbiamo ancora un appartamento lì ed è ancora il centro della nostra famiglia. Mia moglie Katya mi viene spesso a trovare a Colonia. Dato che la nostra figlia più piccola deve andare a scuola, è principalmente a Berlino.

Bild: Conosci l’Al Ittihad meglio degli altri club?

Baumgart: “L’Unione mi ha sempre interessato più degli altri club. Voglio sapere se l’Unione sta facendo bene o male. Questo è personale. Ecco perché sono ancora in contatto con l’uno o l’altro club. Ma non Non ho alcuna conoscenza interna della squadra ora. ” .

Bild: Ho vinto due volte nel sindacato con Paderborn. Hai una spinta in più contro il ferro?

Baumgart: “Sono entusiasta di ogni partita della Bundesliga. Con il Paderborn a giugno 2020, sono stato retrocesso in prima divisione in Bundesliga a causa della sconfitta per 1-0 in Union. La vittoria per 3-2 in coppa con il Paderborn in Dicembre 2020 è stato piuttosto fortunato. È sempre stata una partita aperta, inclusa una vittoria per 2-2 all’andata in questa serie”.

Bild: È più facile giocare senza Max Kroos?

Baumgart: “Innanzitutto bisogna dare credito alla federazione per quello che ha realizzato. Da inizio stagione hanno già perso un pivot con Robert Andreich (Leverkusen – editore), Marvin Friedrich (Gladbach) e Max Kroes ( Wolfsburg). Dal mio punto di vista, Friedrich era più significativo perché era così importante sui calci piazzati. Potrebbero mancare i passaporti di Kroos. Ma la Federazione vive sempre di inclusività e compattezza. I risultati sono coerenti anche con le sconfitte. Il più importante Il fattore è il tecnico Urs Fischer, sarà ancora più difficile sostituirlo”.

READ  Geht der FC Bayern leer aus? Juventus Torino force Zakaria-Transfer im Winter!

Bild: Cosa rende Fisher speciale?

Baumgart: La sua calma e la sua competenza. Sa esattamente cosa fare. Non diventa ansioso quando le cose si fanno difficili. Ha un piano per ogni avversario. Interagisce con tutto. Non per niente Urs è il miglior allenatore per me. Ad Al-Ittihad ha soddisfatto anche molti desideri e desideri perché incarna il club.


L’allenatore dell’Al-Ittihad Urs Fischer ha guidato la squadra dell’Iron nel campionato tedesco e in EuropaFoto: Sven Hoebe / D

Bild: Ti piacerebbe allenare la Federazione?

Baumgart: “Non in questo momento. Sono con il club da due anni. Amo la federazione ma il club ha sviluppato dei superlativi senza di me. Oltre ad essere un tifoso, non ho contribuito a nulla. Continueranno a fare il loro A modo mio. Non è mio obiettivo dire cosa accadrà alla fine. Il mio obiettivo era anche non diventare allenatore del Paderborn, è quello che è successo comunque. Non c’è una lista di club in cui vorrei andare”.