Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una svolta nelle neuroscienze: tessuto cerebrale stampato in 3D

Una svolta nelle neuroscienze: tessuto cerebrale stampato in 3D
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Un team di ricercatori è riuscito a stampare il tessuto cerebrale funzionale. Ciò potrebbe aprire nuovi orizzonti per la ricerca sulle malattie neurologiche.

MADISON – I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno compiuto progressi impressionanti. Hanno prodotto con successo tessuto cerebrale utilizzando una stampante 3D che funziona e cresce come il tessuto umano. Questa pressione potrebbe costituire la base della futura ricerca sul cervello, migliorando la comprensione delle malattie e potenzialmente generando nuovi trattamenti, come il team che lavora per curarli. Stare spiegare.

Un nuovo processo di stampa 3D consente la produzione di tessuto cerebrale

I precedenti tentativi di stampare il tessuto cerebrale hanno avuto un successo limitato. Invece di stampare gli strati verticalmente come al solito, in questo caso ho lavorato orizzontalmente. La svolta decisiva è arrivata con l’uso del “bioinchiostro”. Questo è più morbido dei materiali utilizzati in precedenza. Ciò ha consentito di incorporare nell’inchiostro le cellule cerebrali create dalle cellule staminali.

(Avatar) La ricerca è riuscita a creare tessuto cerebrale utilizzando una stampante 3D © Christian Vorhofer/Imago

L'esperimento ha avuto successo poiché le cellule sono state in grado di comunicare tra loro. Le celle stampate si estendono attraverso il mezzo e formano connessioni all'interno e tra gli strati. Formano una vasta rete, simile a quella che si trova nel cervello umano.

La nuova tecnologia consente il monitoraggio specifico del cervello

Il nuovo metodo offre ai ricercatori un maggiore controllo sui tipi e sulle composizioni delle cellule che desiderano studiare. Ad oggi, la ricerca sul cervello è stata in gran parte condotta sugli organoidi cerebrali. Questi sono tipici organi costituiti da cellule staminali, ma crescono in modo meno controllato.

“È un modello influente che può aiutarci a capire come comunicano le cellule e le regioni del cervello umano”, spiega Su-Chun Chang, professore di neuroscienze all'Università della California. I media Piattaforma dell'Università del Wisconsin-Madison. “Potrebbe cambiare il modo in cui guardiamo alla biologia delle cellule staminali, alle neuroscienze e allo sviluppo di malattie neurologiche e mentali”.

Grazie alla riservatezza delle impronte digitali ora possibile, gli scienziati possono agire in modo flessibile nella loro ricerca. “Possiamo osservare in modo specifico come i neuroni comunicano in determinate condizioni perché possiamo stampare esattamente ciò che vogliamo”, dice Zhang.

Progressi nella comprensione e nel trattamento delle malattie neurologiche

La nuova tecnologia potrebbe essere utilizzata per comprendere i segnali tra le cellule di una persona con sindrome di Down o per scoprire differenze tra il tessuto cerebrale sano e il tessuto cerebrale affetto dal morbo di Alzheimer. Il modello può essere utilizzato anche per testare gli effetti di nuovi farmaci.

In futuro, questa tecnologia sarà resa disponibile a molti laboratori. Non è necessaria alcuna attrezzatura speciale, funziona con stampanti 3D standard. Il tessuto creato può anche essere analizzato utilizzando microscopi e tecniche note. Sono in corso ulteriori ricerche con le stampanti 3D. È già stato utilizzato un cappuccio di una stampante 3D. Altri organi potrebbero essere presto stampati. (NO)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato il modello linguistico dell'intelligenza artificiale per migliorarlo a propria discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.