Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fernando Alonso ha una reale possibilità?

Fernando Alonso ha una reale possibilità?

(Motorsport-Total.com) – Il miglior tempo di Fernando Alonso nella seconda sessione di prove libere del weekend di gara di Formula 1 in Arabia Saudita sembra avere poco valore nei restanti giorni. Con un 1:28.827, il pilota dell'Aston Martin è stato poco più di due decimi più veloce nel giro veloce del suo primo inseguitore, George Russell su Mercedes, ma sulle lunghe distanze con abbondante carburante a fine sessione, Alonso e l'AMR24 non ho visto risultati per il paese in più.

Fernando Alonso nel secondo turno di prove libere in Arabia Saudita

Il 42enne era in media 0,86 secondi al giro più lento di Max Verstappen sulla Red Bull, rendendo l'olandese il favorito per la vittoria sabato. Alonso però ha dovuto concedere la sconfitta non solo a Verstappen, ma anche a tutti gli altri top team, tanto che l'Aston Martin, come in Bahrein, è stata ancora una volta solo la quinta forza in gara.

La seconda più veloce nella lunga corsa dietro Verstappen è stata la Mercedes (+0,26), ma le Frecce d'Argento sono riuscite a completare solo sette giri rappresentativi con i serbatoi pieni. Dietro di loro ci sono Ferrari (+0,43) e McLaren (+0,53).

Ma come in Bahrain, giovedì la Ferrari sembra essere stata molto conservativa riguardo alle prestazioni del motore. In media, Red Bull e Mercedes erano indietro di sette chilometri all'ora sul rettilineo fino all'ultima curva sul lungo periodo, il che è insolitamente negativo per la squadra italiana. Dovrebbe esserci più Scuderia nelle sessioni importanti di venerdì e sabato.

Centrocampo: la Williams Aston Martin può essere pericolosa?

A centrocampo, Alexander Albon in particolare è riuscito a far sedere la gente e ad attirare l'attenzione del team Williams con long run con gomme dure. Con un distacco medio di 0,96 secondi al giro da Verstappen, il tailandese non era molto indietro rispetto a Fernando Alonso sull'Aston Martin.

Le restanti quattro squadre hanno mostrato prestazioni relativamente simili, rendendo difficile la classifica di sabato. Dopo la Williams arrivano Sauber e Alpine, a 1,23 secondi ciascuna. Racing Bulls (+1.29) e Haas (+1.39) completano il campo e fanno affidamento principalmente sulla gomma morbida a lungo termine, che in passato non è stata una buona gomma da corsa.

L'usura degli pneumatici non è un problema a Jeddah

Come negli anni precedenti, l'asfalto molto liscio garantisce un degrado minimo degli pneumatici nonostante le curve veloci nel primo settore. In media, i tre tipi di pneumatici si consumano ad una velocità di soli 0,059 secondi al giro sul lungo periodo. Ciò rappresenta la metà dell’usura in Bahrein, anche se la selezione degli pneumatici in Arabia Saudita è in realtà diventata più morbida rispetto alla settimana precedente.

La Ferrari ha fatto la migliore impressione tra le squadre con una chiusura media delle gomme di 0,020 secondi al giro. Mentre anche Red Bull e Alpine hanno gestito molto bene le loro gomme, Racing Bulls e Aston Martin hanno avuto risultati negativi.

In tutte le gare disputate finora a Jeddah, il vincitore ha vinto con la strategia di durezza media, che dovrebbe essere anche la strategia ideale per il Gran Premio di quest'anno. La modalità Medium-Hard è circa un secondo e mezzo più veloce sull'intera distanza di gara rispetto alla Soft-Hard. La strategia a doppia sosta estrapola dodici secondi più lentamente rispetto alla strategia a sosta singola.

C'è un'analisi dettagliata dei dati della formazione di giovedì a Jeddah Sul canale YouTube di Formula1.de Vediamo dove PACETEQ– L'esperto di dati Kevin Herman valuta la posizione delle squadre utilizzando lo strumento strategico OneTiming. Clicca qui adesso!