Un supervulcano su 20 potrebbe davvero spazzare via l’umanità?

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Ci sono circa 20 supervulcani sulla Terra. Ma questo termine è criticato dai ricercatori: gli esperti non vedono un pericolo acuto.

Il magma bolle sotto i vigneti e le terme nel sud Italia, formando uno dei sistemi vulcanici più attivi al mondo in un’area conosciuta come Campi Flegrei.

Fuori Napoli, i Campi Flegrei non sono una tipica montagna vulcanica, ma piuttosto una depressione a forma di conca punteggiata di crateri. Dalle prese d’aria esce vapore puzzolente, il fango gorgoglia dalle pozzanghere e piccoli terremoti scuotono centinaia di migliaia di persone che vivono nella bocca del vulcano. La leggenda narra che i Campi Flegrei, che in italiano significa “campi infuocati”, siano associati alle Porte dell’Inferno.

Il geyser Old Faithful è una delle innumerevoli strutture idrotermali del parco nazionale create dal supervulcano Yellowstone. © Jonathan Newton/Washington Post

È anche conosciuto come supervulcano, un nome raro ma non ufficiale per i vulcani che hanno causato le eruzioni più potenti nella storia della Terra. Il supervulcano dei Campi Flegrei eruttò circa 39.000 anni fa (come determinato dalle registrazioni rupestri) ed emise gas e quasi un trilione di litri di roccia fusa, bloccando la luce solare e provocando un raffreddamento estremo. L’eruzione più recente, molto più piccola, avvenne nel 1538 e creò un cumulo di terra alto circa 120 metri.

Mesi di attività sismica ai Campi Flegrei – più di 2.500 terremoti di magnitudo 4,3 da settembre – hanno sollevato il timore che il vulcano possa eruttare di nuovo presto. Ma i ricercatori affermano che i supervulcani non funzionano in questo modo e sono scettici riguardo a un’eruzione profetica.

Leggi il Washington Post gratuitamente per quattro settimane

Il tuo biglietto di qualità washingtonpost.com: Ottieni ricerche esclusive e oltre 200 storie Quattro settimane libere.

Cosa significa essere un supervulcano?

“Quando un vulcano è chiamato ‘supervulcano’, ciò che in realtà significa è che ha avuto una massiccia eruzione almeno una volta in passato”, afferma Christopher Kilburn, vulcanologo dell’University College di Londra. “Ma questo non significa che ci saranno più eruzioni vulcaniche in futuro… Eruzioni molto, molto grandi sono molto rare.

Gli scienziati non possono vedere cosa sta succedendo sotto la superficie dei Campi Flegrei a occhio nudo, ma Kilburn ha detto che la recente attività potrebbe essere dovuta alla riorganizzazione della roccia fusa e dei fluidi sotterranei. Questi movimenti diventano visibili in superficie come terremoti.

“Questo da solo non significa che ci sia un’epidemia”, ha detto Kilburn. Il vulcano ha mostrato deformazioni del terreno e terremoti in passato, ma non è seguita alcuna eruzione. Ma con la ripresa dell’attività dopo un lungo periodo di tempo, “è normale essere un po’ preoccupati per la possibilità che ciò accada”.

Ci sono solo circa 20 supervulcani sulla Terra

Degli oltre 1.000 vulcani conosciuti nel mondo, solo circa 20 sono chiamati supervulcani. Tecnicamente, questi sono quelli che ottengono il punteggio più alto nell’indice di esplosività vulcanica, che varia da V0 (non esplosivo) a V8 (eruzioni massicce). Una simile eruzione espelle un volume di circa 1.000 chilometri cubi o più, circa 1.000 volte più grande del Monte St. Helens (V5), che causò frane di fango, incendi, inondazioni e più di 50 morti nel 1980.

L’ultima eruzione del V8 avvenne circa 27.000 anni fa a Taupo, in Nuova Zelanda. Tali violente eruzioni vulcaniche di solito lasciano dietro di sé una depressione chiamata caldera, non un cono vulcanico. Secondo Kilburn, ciò è dovuto al fatto che le esplosioni espellono una grande quantità di materiale – roccia fusa immagazzinata molti chilometri sotto la superficie – in un periodo di tempo molto breve. Il terreno diventa instabile e sprofonda.

Se non presti attenzione a queste depressioni, potresti perderle, dice.

“Puoi attraversare la caldera e uscire dall’altra parte senza rendertene conto, perché i cambiamenti sono così delicati”, ha detto Kilburn.

Al termine di una massiccia eruzione, Kilburn afferma che il vulcano ritorna alla “normalità”, producendo occasionalmente eruzioni di dimensioni normali sul fondo della caldera. In altre parole, un supervulcano non ha nulla a che fare con la parola “super” dopo la sua eruzione, quindi il termine è alquanto fuorviante.

Yellowstone è uno dei supervulcani più famosi al mondo

Yellowstone, uno dei supervulcani più famosi al mondo, misura 30 x 45 miglia e attira milioni di turisti nel suo parco. La sua più grande eruzione avvenne 2,1 milioni di anni fa ed espulse più di 2.400 chilometri cubi di materiale. Come per molti sistemi di caldere, la maggior parte delle eruzioni di Yellowstone da allora sono state molto più piccole.

I turisti costeggiano il lungomare della Grand Prismatic Hot Spring, creata dal gigantesco vulcano Yellowstone.
I turisti costeggiano il lungomare della Grand Prismatic Hot Spring, creata dal gigantesco vulcano Yellowstone. © Jonathan Newton/Washington Post

Supervulcano è una parola inventata

“Supervulcano” è “una parola inventata”, afferma il vulcanologo Michael Polonia, uno scienziato senior presso l’Osservatorio del vulcano Yellowstone. “Penso che sia fuorviante. Penso che sia stato applicato in modo errato. Non sopporto questo termine. Vorrei che fosse gettato nella spazzatura, ma è molto drammatico.”

Come Superman o Superstar, anche Supervulkan sembra troppo Hollywood per i suoi gusti. Ha aggiunto che indica un’esplosione simile alla fine del mondo, ma per quanto ne sappiamo, nessuna eruzione vulcanica esplosiva ha mai causato un’estinzione di massa.

Si ritiene che la più grande eruzione vulcanica della documentazione geologica sia avvenuta circa 74.000 anni fa a Toba, in Indonesia, raggiungendo il V8 dell’indice di eruzione vulcanica. Alcuni scienziati inizialmente ipotizzarono che l’eruzione avesse quasi spazzato via l’umanità a causa del declino della popolazione subito dopo, ma le prove archeologiche hanno dimostrato che l’Homo sapiens fiorì molto dopo l’eruzione.

“Nessuna eruzione vulcanica esplosiva di cui siamo a conoscenza è mai stata associata a un’estinzione di massa di piante o animali”, ha detto Polonia, che è anche uno scienziato dell’US Geological Survey (USGS). “Ma ciò non significa che non sarà devastante o difficile sopravvivere.”

Cosa accadrà durante l’eruzione del supervulcano Yellowstone?

Molti stanno speculando su cosa accadrebbe se un’altra massiccia esplosione si verificasse a Yellowstone. Secondo l’USGS, gli stati circostanti saranno colpiti da valanghe veloci e calde di cenere vulcanica, pomice, gas e rocce. La cenere può rimanere a centinaia di chilometri di distanza e può essere trasportata in tutto il mondo. Minuscole particelle di aerosol emesse dal vulcano rifletteranno la luce solare nello spazio, provocando il raffreddamento della superficie terrestre e influenzando l’agricoltura.

Ma gli scienziati dubitano della possibilità che si ripeta una massiccia esplosione a Yellowstone. Secondo l’USGS, il vulcano potrebbe non avere abbastanza magma fuso sotto la caldera per provocare un’eruzione.

Inoltre, Kilburn non crede che “qualcuno pensi che ci sarà un’altra eruzione vulcanica” ai Campi Flegrei nel prossimo futuro. Tuttavia, un’eruzione più piccola potrebbe avere un impatto significativo poiché più di un milione di persone vivono nell’area e nelle aree circostanti. Le autorità locali emettono avvisi e preparano piani di evacuazione a seconda dell’attività del vulcano.

Kilburn ha affermato che le autorità locali devono “considerare il potenziale di un’epidemia”. “Non sto dicendo che sia probabile, ma sarebbero negligenti se ignorassero questa possibilità.”

Circa l’autore

Kasha Patel Scrive la rubrica settimanale Hidden Planet, coprendo argomenti scientifici che circondano la Terra, dal nostro nucleo interno alle tempeste spaziali dirette verso il nostro pianeta. Riferisce anche su questioni meteorologiche, climatiche e ambientali.

Attualmente stiamo testando le traduzioni automatiche. Questo articolo è stato tradotto automaticamente dall’inglese al tedesco.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in inglese il 10 novembre 2023 su “washingtonpost.com” è stato pubblicato nell’ambito della collaborazione ed è ora disponibile anche in traduzione per i lettori dei portali IPPEN.MEDIA.

Related articles

Gli albergatori altoatesini si preoccupano per i loro affari in Italia

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 5:37Da: Mark StobbersPremeredivisoL'imminente ristrutturazione del ponte Luke sull'autostrada del Brennero...

Presso la società di ingegneria meccanica Illig andranno persi 200 posti di lavoro

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024 alle 15:17da: Mark Stoffers, Marcel ReichInsisteDivideL’ondata di bancarotte della Germania...

Una nuova ricerca confuta anni di ipotesi

Home pageLo sappiamostava in piedi: 14 luglio 2024, 14:34da: Tanja BannerInsisteDivideIl clima di Marte potrebbe essere stato diverso...