Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un netto rifiuto del colpo di stato militare: l’esercito brasiliano mette al loro posto i sostenitori di Bolsonaro

Chiaramente no a un colpo di stato militare
L’esercito brasiliano mette al loro posto i sostenitori di Bolsonaro

Dopo che Jair Bolsonaro è stato sconfitto di poco alle elezioni presidenziali in Brasile, molti sostenitori dell’incumbent hanno chiesto un intervento militare. Ora l’esercito sta agendo – con un chiaro impegno per la democrazia.

Dopo la vittoria elettorale di misura di Luiz Inacio Lula da Silva in Brasile e le manifestazioni dei sostenitori del leader eletto di destra Jair Bolsonaro, i militari hanno respinto le richieste di intervento. La Marina, l’Esercito e l’Aeronautica Militare brasiliani, in una dichiarazione congiunta, hanno affermato il loro impegno per la democrazia. Hanno anche riconosciuto il diritto costituzionale di manifestare. Ma hanno anche notato che “le potenziali limitazioni a questo diritto” così come “i potenziali abusi durante le proteste devono essere condannati”.

Molti sostenitori di Bolsonaro hanno manifestato davanti a varie baracche nel Paese sudamericano contro la vittoria dell’ex presidente di sinistra Lula (inizio 2003 – fine 2010) nel ballottaggio contro l’incumbent Bolsonaro a fine ottobre. In diversi stati e città importanti come Rio de Janeiro, San Paolo e Brasilia, hanno chiesto l’intervento dei militari perché sospettavano di frode a causa dei risultati delle prossime elezioni.

Finora Bolsonaro non ha ammesso pubblicamente la sua sconfitta. Tuttavia, il suo primo ministro, Ciro Nogueira, ha già affermato che Bolsonaro lo ha autorizzato ad avviare il processo di cambio di governo. Tuttavia, il trasferimento dei poteri è comunque regolato dalla legge e non è richiesto il consenso del governo uscente. Lula entrerà in carica il 1 gennaio 2023.

Bolsonaro, che era lui stesso un capitano di riserva, è visto come un ammiratore della dittatura militare che ha governato il Brasile dal 1964 al 1985. Durante il suo mandato, ha portato molti ufficiali attuali ed ex nel governo e nell’amministrazione. Ha anche ripetutamente messo in dubbio il sistema di voto elettronico del Brasile e ha annunciato che potrebbe non rendersi conto della sconfitta. I suoi sostenitori estremisti hanno ripetutamente chiesto un colpo di stato militare contro la magistratura e il parlamento. Tuttavia, le forze armate non hanno risposto.

READ  La Russia minaccia la Nato con "misure compensative"