Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Un cambiamento rischioso”: Twitter ritarda l’inizio dei tag a pagamento

‘Cambiamento pericoloso’
Twitter posticipa il lancio dei tick a pagamento

Dopo l’acquisizione di Twitter, il miliardario Musk ha annunciato segni di verifica pagati. Ma la sua introduzione è stata ritardata, secondo un rapporto dei media. Il motivo sembra essere la preoccupazione per le imminenti elezioni di medio termine negli Stati Uniti.

Secondo un rapporto dei media, Twitter vuole posticipare l’introduzione dei segni di spunta per la verifica come parte di un nuovo abbonamento da $ 8. Come “Il New York Times” Il New York Times riporta che il servizio SMS degli Stati Uniti vuole aspettare fino a dopo le elezioni di medio termine negli Stati Uniti di martedì. Inizialmente non c’era alcun commento disponibile su Twitter.

Twitter ha aggiornato la sua app sabato, addebitando $ 8 al mese per l’utilizzo dell’ambito tag sul badge di verifica. Ad oggi sono stati assegnati gratuitamente dei token con tag, che garantiscono l’autenticità del profilo Twitter. Per questo in futuro è ora necessario un abbonamento Twitter Blue. Tuttavia, gli abbonati dovrebbero anche godere di altri vantaggi, come un numero notevolmente inferiore di annunci.

Possibile motivo dell’inizio ritardato: utenti e personale hanno espresso preoccupazione per il fatto che i segni di spunta blu, che si applicano a tutti gli abbonati, potrebbero causare confusione in vista delle elezioni, afferma il rapporto. In questo modo gli utenti possono creare facilmente account verificati, ad esempio impersonando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden o le agenzie di stampa, e diffondere false informazioni sui risultati elettorali. Sul canale interno di Slack, un dipendente di Twitter avrebbe chiesto perché il social network stesse “facendo un cambiamento così rischioso prima di un’elezione che avrebbe potenzialmente interrotto le elezioni”.

L’introduzione dei segni di spunta a pagamento segna la prima grande revisione della piattaforma di social media da parte del nuovo proprietario Elon Musk. Twitter è in difficoltà economiche da molto tempo. Il servizio SMS, tra l’altro, ha subito perdite nei primi due trimestri dell’anno. Musk ha lamentato il “massiccio calo delle entrate” di venerdì, incolpando i “gruppi di attivisti” per aver fatto pressione sugli inserzionisti. Stanno cercando di distruggere la libertà di espressione in America.

Twitter sembra chiedere ai dipendenti di tornare

Dopo un mese di tiro alla fune, l’eccentrico miliardario è diventato ufficialmente proprietario del social network, che pochi giorni fa gli è costato 44 miliardi di dollari. Una settimana dopo che Musk ha preso il potere, Twitter ha licenziato circa la metà dei suoi 7.500 dipendenti venerdì. Musk ha effettivamente lanciato la gestione di Twitter subito dopo l’acquisizione.

Tuttavia, ci sono segnali di cambiamento anche qui: secondo un altro resoconto dei media, Twitter chiede ad alcuni dipendenti licenziati di tornare. La Bloomberg News Agency, citando fonti informate, ha riferito che l’azienda americana è attualmente in contatto con decine di ex dipendenti per riportarli indietro. Alcuni ex dipendenti che avrebbero dovuto rientrare sono stati licenziati. Altri sono stati licenziati prima che la direzione si rendesse conto che il loro lavoro e la loro esperienza potevano essere essenziali per i piani futuri della piattaforma.

READ  Le casse di risparmio soffrono di una recessione nel settore immobiliare