Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina-News +++ Baerbock descrive i finti referendum come parte di una pace dettata dalla Russia +++

nastro dal vivo Notizie dall’Ucraina

Barbock descrive i finti referendum come parte di una pace dettata dalla Russia

Selenskyj chiede più armi a Scholz

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto alla Germania più forniture di armi. Nello specifico, riguarda i sistemi di difesa missilistica dalla Germania.

Il ministro degli Esteri Barbock ha descritto i falsi referendum in Russia come “l’antitesi di elezioni libere ed eque”. Dopo una telefonata con il cancelliere Schultz, il presidente ucraino Selinsky ha chiesto più spedizioni di armi. Altro nel live streaming.

unIl ministero degli Esteri, Annalina Barbock, ha descritto i referendum nelle regioni dell’Ucraina occupate dalla Russia come parte di una pace dettata dalla Russia. Nei finti referendum, le persone a volte erano costrette a votare sotto la minaccia delle armi, ha detto Barbock in una conferenza sulla prevenzione delle crisi a Berlino. Critica “questo è l’opposto di elezioni libere ed eque”. Finché questo dettato russo sarà in vigore nei territori occupati, nessun cittadino godrà di libertà e sicurezza”.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

13:36 – Almeno otto civili ucraini uccisi nei bombardamenti

Almeno otto civili sono stati uccisi nell’ultimo bombardamento russo dell’Ucraina, secondo l’ufficio presidenziale. Kiev ha detto giovedì che almeno altri 16 sono rimasti feriti. Due adulti e un bambino sono stati uccisi mercoledì in un attacco missilistico contro la città di Dnipro. Altre cinque persone sono rimaste ferite, tra cui un bambino di 12 anni che è stato tirato fuori dalle macerie. Fonti ucraine affermano che anche 60 case, mercatini e linee elettriche sono state danneggiate.

Anche la città di Nikopol, situata dall’altra parte del fiume Dnipro rispetto alla centrale nucleare di Zaporizhia, è stata bombardata dalla Russia. E nella regione orientale di Donetsk, i bombardamenti dell’artiglieria russa hanno ucciso cinque civili, secondo fonti ucraine. Altri quattro sono rimasti feriti.

13:15 – La Finlandia vieterà l’ingresso ai russi con visti turistici da venerdì

La Finlandia vuole negare l’ingresso ai cittadini russi con visto turistico a partire dalla mezzanotte (ora locale). Il ministro degli Esteri Pekka Haavisto ha dichiarato a Helsinki che l’ingresso per le visite familiari e per motivi di lavoro e studio continuerà. Dopo l’annuncio della mobilitazione parziale in Russia, il traffico transfrontaliero verso la Finlandia ha continuato ad aumentare. Secondo le autorità finlandesi, quasi 17.000 russi hanno attraversato il confine lo scorso fine settimana. Questo è stato un aumento dell’80 percento rispetto al fine settimana precedente.

12:22 – Celebrazione del “Contatto” prevista per venerdì a Mosca

Il presidente russo Vladimir Putin firmerà l’annessione delle terre ucraine occupate venerdì durante una cerimonia al Cremlino, secondo l’ufficio presidenziale di Mosca. Si dice che Putin pronuncerà quindi un discorso e riceverà funzionari nominati dalla Russia nelle aree annesse.

11:38 – Arrivano a Mosca i leader delle regioni separatiste ucraine

I leader separatisti di quattro regioni dell’Ucraina controllate dalla Russia sono arrivati ​​a Mosca per partecipare all’annessione russa di quelle regioni dopo falsi referendum. Le agenzie di stampa russe hanno riferito che i capi dei dipartimenti filo-russi nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale e nelle regioni di Zaporizhia e Cherson, nell’Ucraina meridionale, sono arrivati ​​nella capitale russa mercoledì sera.

Il leader separatista nella regione di Luhansk, Leonid Pasnik, era già a Mosca, ha detto all’agenzia statale TASS. Il presidente russo Vladimir Putin riceverà i quattro leader separatisti. Mercoledì hanno chiesto formalmente a Putin di elencare le quattro regioni della Federazione Russa.

5:00 – Selenskyj chiede a Scholz più armi

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto alla Germania di continuare a fornire armi a Kiev e di rafforzare il previsto ottavo pacchetto di sanzioni dell’UE contro Mosca. Zelensky ha detto mercoledì nel suo indirizzo video quotidiano dopo una telefonata con il cancelliere Olaf Schultz (SPD). Durante l’incontro è stato discusso anche il nuovo pacchetto di sanzioni dell’UE. “Anche oggi c’è ancora qualcosa da aggiungere all’ottavo pacchetto di sanzioni”, ha chiesto.

Oltre alla telefonata di Schulz, durante la quale, secondo Silinsky, si è discusso del presunto sabotaggio del gasdotto Nord Stream, il presidente ucraino ha riferito di altri colloqui – e ha ringraziato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan per la sua mediazione nello scambio di prigionieri e nell’esercito. Cooperare. Ha ringraziato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per la nuova assistenza militare di oltre 1,1 miliardi di dollari.

Nonostante i falsi referendum nelle aree occupate dalla Russia, l’Ucraina non accetterà perdite territoriali e rioccuperà il suo territorio. Ha nuovamente invitato i soldati russi in russo a fuggire – o ad arrendersi. Il 44enne ha detto che questo era l’unico modo per salvare le loro vite.

01:00 – L’Ucraina chiede maggiori aiuti finanziari e sanzioni più severe

Il governo ucraino sta premendo per maggiori aiuti finanziari dalla comunità internazionale e sanzioni più severe contro la Russia. “La ricostruzione è già iniziata con i soldi dell’Ucraina, ma il nostro budget in condizioni di guerra non può finanziare tutte le spese da solo, quindi abbiamo urgente bisogno del sostegno dei partner occidentali”, ha detto il primo ministro Denis Schmihal ai giornali del Funk Media Group. Solo per ripristinare le infrastrutture critiche, quest’anno e il prossimo saranno necessari 17 miliardi di dollari. Ha anche chiesto un ulteriore inasprimento delle sanzioni contro la Russia. “Francamente, è un peccato che ci siano ancora grandi aziende in Occidente che operano nella Federazione Russa”. I beni russi congelati in Europa, Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Giappone e altri paesi dovrebbero essere confiscati. “Questi beni dovrebbero diventare la base per la ricostruzione a lungo termine dell’Ucraina, e non il denaro dei contribuenti tedeschi ed europei”.

23:29 – PIL russo Cade di nuovo in modo significativo ad agosto

Secondo il ministero dell’Economia russo, il PIL ad agosto è diminuito del 4,1% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Secondo l’autorità, la produzione economica è diminuita del 4,3 per cento a luglio. Il ministero ha affermato che il prodotto interno lordo (PIL) nei primi otto mesi si è ridotto dell’1,5% anno su anno.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Il personale si dimette - l'oligarca non può più pagare i dipendenti