Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina-News: ++ “Attaccante Putin” – La Slovacchia riceve due obici ++

DottLa Slovacchia ha consegnato due obici a ruote Zuzana all’Ucraina attaccata dalla Russia. “Abbiamo fatto un altro regalo all’aggressore Putin”, ha scritto su Twitter il ministro della Difesa Jaroslav Nad. Il presidente russo Vladimir Putin ha compiuto 70 anni venerdì.

La consegna fa parte di un ordine commerciale di otto obici Zuzana, di cui due pendenti. Inoltre, Danimarca, Norvegia e Germania vogliono finanziare congiuntamente la produzione di altri 16 sistemi d’arma di questo tipo per Kiev.

Zuzana è un ulteriore sviluppo del cecoslovacco Dana SPG. La pistola ora utilizza il calibro standard NATO da 155 mm. Portata massima di fuoco: oltre 39 chilometri. La base è un camion a quattro assi per impieghi gravosi.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

21:07 – La centrale nucleare di Zaporizhia torna in rete

La centrale nucleare ucraina di Zaporizhia, che di recente era basata su generatori di emergenza, è tornata in rete. Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, ha scritto su Twitter che si trattava di “un sollievo temporaneo in una situazione che rimane insostenibile”. Dopo ripetuti bombardamenti, sabato la stazione è stata completamente tagliata fuori dalla rete elettrica. Secondo Grossi, “l’unica fonte di alimentazione esterna” della stazione è stata colpita.

READ  I problemi dei vacanzieri! 8000 casi nelle stazioni sciistiche - 1.000 feriti olandesi tornati

19:40 – Putin accusa l’Ucraina dell’attacco al ponte sulla Crimea

Il capo del Cremlino Vladimir Putin ha accusato l’intelligence ucraina della massiccia esplosione sul ponte di Crimea. “Non ci sono dubbi. Questo è un atto terroristico volto a distruggere le infrastrutture civili vitali della Federazione Russa”.

Ponte sullo stretto di Kerch il giorno dopo l’attacco: operai che riparano le ferrovie

Fonte: Agence France-Presse / –

19:17 – Schulze al telefono con Biden

Il consigliere Olaf Schultz ha parlato al telefono con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. La discussione si è concentrata sui preparativi per i prossimi incontri sotto forma di G7 e G20, che affronteranno anche l’invasione russa dell’Ucraina e come affrontarne gli effetti, ha riferito il portavoce del governo Stephen Hebestreet.

Schulz e Biden hanno convenuto che le recenti annessioni russe del territorio ucraino sono state una grave violazione dei principi della Carta delle Nazioni Unite e dovrebbero essere viste come un tentativo di impossessarsi di terre straniere con la forza e non sarebbero mai state accettate. Hanno condannato questa ulteriore escalation e hanno condiviso la valutazione secondo cui la mobilitazione parziale della Russia è stata un grosso errore.

18:48 – Il Servizio di sicurezza federale (FSB) segnala più di 100 attacchi sul territorio russo

Circa sette mesi e mezzo dopo l’inizio della guerra, il servizio di intelligence interno russo, l’FSB, ha accusato l’Ucraina di aver commesso più di 100 attacchi sul suolo russo, solo dall’inizio di ottobre. Il Servizio di sicurezza federale ha annunciato domenica che un totale di 32 città nelle regioni di Bryansk, Kursk e Belgorod al confine con l’Ucraina sono state bombardate negli ultimi giorni. Il numero di attacchi è aumentato in modo significativo di recente. Questo non può essere verificato in modo indipendente.

17:02 – L’Ucraina designa sette luoghi liberati nell’oblast di Luhansk

Secondo le sue stesse dichiarazioni, l’Ucraina ha riconquistato sette città nella regione di Luhansk, nella parte orientale del Paese, che sono in gran parte occupate dalla Russia. Questi includevano i villaggi di Novoleubyuka e Grykevka, il capo dell’amministrazione ucraina a Luhansk, Serhiy Hagdayi, ha scritto su Telegram. Venerdì, il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato di sei città liberate a Luhansk. Tuttavia, poiché questi oggetti devono ancora essere messi al sicuro dopo che le forze russe sono state espulse, ha detto Hajjaj, i dettagli possono essere forniti solo ora.

Leggi anche

Gli ucraini sono stati evacuati da Kobyansk in autobus

15:49 – Il governo federale pianifica un pacchetto invernale con attrezzature per l’Ucraina

Secondo un resoconto dei media, il governo federale vuole sostenere l’Ucraina con equipaggiamento militare per l’inverno. Parte del pacchetto comprende 100.000 sotto giacche aderenti e altri indumenti invernali, 100 tende per squadre riscaldabili, centinaia di generatori di corrente mobili e pallet per imballaggi alimentari, ha riferito Spiegel domenica. Quindi la spesa finanziaria è di undici milioni di euro.

La rivista rileva richieste simili del ministro della Difesa ucraino Oleksiy Resnikov alla NATO. In una lettera al segretario generale dell’alleanza militare occidentale, Jens Stoltenberg, l’ucraino ha richiesto uniformi per 200.000 soldati.

13:00 – Il traffico ferroviario è tornato alla normalità

Dopo la violenta esplosione sul ponte tra la Russia e la Crimea sul Mar Nero, che le era annesso, il traffico ferroviario è tornato ai tempi, secondo le informazioni russe. Il ministero dei Trasporti di Mosca ha annunciato che i treni merci e i treni a lunga percorrenza hanno iniziato a funzionare normalmente domenica. Ha aggiunto che il traffico regionale dovrebbe riprendere in serata. Il ministero ha anche rilasciato una foto dei vagoni del treno merci bruciati che hanno preso fuoco sabato. Sono proseguiti i lavori di pulizia. Al ponte, invece, sono state ore di attesa, secondo quanto riportato dai media.

11:59 – 17 morti dopo l’attacco missilistico russo a Zaporizhia

Fonti ucraine hanno riferito che l’esercito russo ha bombardato le case con diversi missili nella città di Zaporizhia, nel sud dell’Ucraina, uccidendo un gran numero di civili. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato domenica a Kiev che ci sono 12 morti e 49 feriti, inclusi sei bambini che necessitano di cure ospedaliere. Un membro del governo della città di Zaporizhia ha riferito che almeno 17 persone sono state uccise.

Zelenskyj ha pubblicato le foto degli edifici alti gravemente danneggiati sul suo canale di notizie Telegram. Parla di “male assoluto”. I “terroristi” saranno ritenuti responsabili dal leader all’autore del reato.

In questa foto fornita dal Servizio di protezione civile ucraino, i soccorritori lavorano in un edificio distrutto da un proiettile a Zaporizhia

In questa foto fornita dal Servizio di protezione civile ucraino, i soccorritori lavorano in un edificio distrutto da un proiettile a Zaporizhia

Fonte: dpa / Non accreditato

A differenza di gran parte della regione con lo stesso nome, la città di Zaporizhia non è sotto il controllo delle truppe russe. È stato il bersaglio di molteplici attacchi. Secondo le informazioni militari ucraine, le forze russe avrebbero sparato almeno 12 missili contro edifici residenziali. Inizialmente, non ci sono state conferme da parte russa. Le autorità ucraine avevano inizialmente annunciato un numero maggiore di morti durante la notte, ma in seguito si sono corrette.

Dopo l’annessione di quattro regioni ucraine, che comprende anche la regione di Zaporizhia, che sono state oggetto di critiche internazionali in quanto violazione del diritto internazionale, la Russia sta cercando di andare avanti. L’Ucraina ha recentemente liberato dozzine di città durante la sua offensiva difensiva e ha respinto gli occupanti russi.

1114 – Londra: la capacità del ponte di Crimea diminuisce drasticamente

Secondo esperti britannici, l’esplosione sul ponte tra la Russia e la Crimea annesso al Mar Nero ha ridotto notevolmente la capacità di collegamento stradale. Due delle quattro corsie da 250 metri sono crollate. Le altre due tracce saranno probabilmente utilizzate di nuovo, secondo l’aggiornamento quotidiano dell’intelligence del Ministero della Difesa britannico sulla guerra in Ucraina.

La dichiarazione afferma che non è chiara l’entità del danno alla vicina ferrovia, “ma qualsiasi interruzione significativa della sua capacità avrebbe probabilmente un impatto significativo sulla già tesa capacità della Russia di rifornire le sue forze nell’Ucraina meridionale”.

Il Cremlino agisce con molta cautela.

Dopo l’esplosione sul ponte di Crimea, i subacquei russi esamineranno il ponte. Il Cremlino non ha rilasciato altre informazioni. “È abbastanza sorprendente che nessuna parola militare provenga dal Cremlino”, afferma Christoph Waner, giornalista di WELT.

Fonte: Mondo / Christoph Wanner

7:20 – Röttgen mette in guardia contro le intimidazioni da parte delle minacce nucleari di Putin

L’esperto di politica estera dell’Unione Cristiano Democratica Norbert Röttgen ha messo in guardia contro le intimidazioni delle minacce nucleari del presidente russo Vladimir Putin. “Se lasciassimo che Putin ci ricattasse una volta, faremmo un casino permanente”, ha detto Röttgen ai giornali del Funk Media Group. Una deterrenza credibile delle minacce di Putin rimane fondamentale per prevenire un’ulteriore escalation. Gli Stati Uniti sono “indispensabili per quanto sono preparati” a questo.

Il politico della Cdu ha chiesto “riserva compostezza e stretta aderenza ai fatti”. Ciò include il fatto che Putin vuole continuare la guerra. Come parte di questa guerra, sta cercando di spaventarci”.

4:59 – I subacquei controllano il ponte

I subacquei russi stanno esaminando oggi i danni causati dalla potente esplosione sul ponte stradale e ferroviario della Crimea. Il vice primo ministro Marat Khosnolin è stato citato dalle agenzie di stampa russe dicendo che i subacquei inizieranno a lavorare alle 06:00 (ora locale; 05:00 CEST). Entro la fine della giornata è previsto il completamento di un’indagine più dettagliata sopra la linea di galleggiamento.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Questa è la storia di un tedesco che ha lasciato la sua vita in Baviera per combattere per l’Ucraina. Vicino a lui – Podcast di reportage Iscriviti ora a spotifyE il Podcast di AppleE il DeezerE il google podcast o direttamente RSS Feed.