Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina ++ Ex Navy SEAL ucciso in Ucraina ++

BUn altro cittadino statunitense è stato ucciso in azione in Ucraina. Funzionari statunitensi hanno detto venerdì che l’ex membro dell’unità speciale Navy SEAL della Marina è morto per le ferite riportate a Dnipro. Non ha combattuto in veste ufficiale. Non sono stati forniti altri dettagli. Il Dipartimento di Stato americano ha affermato di poter solo confermare la recente morte di un cittadino statunitense in Ucraina e di essere in contatto con la famiglia dell’uomo.

Secondo la Marina, l’uomo era un ufficiale di mandato che ha disertato dalle forze dell’ordine senza permesso nel 2019. Secondo una voce su Amazon, Daniel S. Padre di quattro figli, ha scritto un libro e ha prestato servizio come membro della Marina in Iraq, Afghanistan e Yemen, tra gli altri luoghi.

La Marina ha detto che non poteva determinare perché è andato in Ucraina. Secondo il canale americano CNN, lo ha scaricato L’uomo l’11 marzo 2019 dall’esercito. Secondo il Dipartimento di Stato Usa, e secondo quanto riferito dai familiari, è il sesto cittadino americano ucciso in azione in Ucraina.

Leggi anche

Secondo l’ambasciata ucraina negli Stati Uniti, almeno 6.000 persone l’hanno contattata per il servizio militare volontario dall’inizio dell’invasione. Circa la metà è stata immediatamente respinta. Non si sa quanti stiano effettivamente combattendo con le forze armate ucraine. Il governo degli Stati Uniti scoraggia i cittadini dal combattere in Ucraina perché i russi potrebbero tenerli in ostaggio se catturati.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

11:39 – L’Ucraina sollecita una rapida decisione sulla questione dei carri armati

L’Ucraina sollecita l’urgenza dopo il fallimento della riunione dei Rammstein sulla questione dei principali carri armati. “Aiuteranno comunque l’Ucraina con le armi necessarie e si renderanno conto che non c’è altro modo che porre fine alla guerra sconfiggendo la Russia”, ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale Mykhailo Podolak. “Ogni giorno di ritardo significa morte per gli ucraini. Pensa più velocemente”.

READ  venerdì 10 dicembre 2021

11:04 – Zelensky chiede la fine delle restrizioni sulle esportazioni di cibo

Volodymyr Zelensky ha chiesto di porre fine ai continui ostacoli alle esportazioni di cibo dal suo paese via mare. In un videomessaggio a una conferenza internazionale dei ministri dell’agricoltura a Berlino, ha detto che più di 100 navi cariche di cibo erano allineate vicino al Bosforo. Sono rimasti bloccati per settimane perché i funzionari russi hanno bloccato le ispezioni programmate.

Ciò significa prezzi più alti per l’Europa, ha spiegato Selinski nel suo messaggio alla conferenza presieduta dal ministro federale dell’Agricoltura Cem Özdemir (Verdi). Per l’Asia significa un crescente rischio di instabilità sociale, e per paesi africani come l’Etiopia o il Sudan, tavole vuote per migliaia di famiglie. Il presidente ha sottolineato che, nonostante la guerra di aggressione della Russia, l’Ucraina vuole continuare a fornire cibo al mondo. Nonostante i continui attacchi missilistici russi alle infrastrutture e i brutali combattimenti in aree critiche per l’agricoltura, gli agricoltori hanno continuato ad arare i campi.

10:45 – la situazione attuale in Ucraina

DWO_AP_Ostukraine_Gebiete_2101_1

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Infografica Mondo

10:16 – Londra: attualmente c’è un vicolo cieco con la guerra in Ucraina

Secondo le stime britanniche, vi è attualmente una situazione di stallo militare nella guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Il ministero della Difesa britannico ha annunciato che il conflitto era generalmente bloccato. “Tuttavia, esiste una possibilità realistica di un’avanzata russa locale intorno a Bakhmut”. La città nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, è stata al centro dei combattimenti per mesi.

Ha aggiunto, citando informazioni di intelligence, che i combattimenti sono in corso in particolare in tre settori avanzati. Le unità russe, sia dell’esercito regolare che dell’esercito privato di Wagner, si ridistribuiranno nella piccola città di Solidar, recentemente conquistata, a nord di Bakhmut. Sempre a est, le forze ucraine hanno ottenuto piccoli guadagni vicino alla città di Kreminna nella regione di Luhansk. Nel sud, entrambe le parti hanno concentrato forze significative nella regione di Zaporizhia. Ci sono battaglie di artiglieria e scontri minori, ma finora nessuna grande offensiva.

9:20 – Dibattito del Presidente del Parlamento Europeo sul Sistema Leopardo: la necessità di una leadership

Roberta Metsola, presidente del Parlamento europeo, ipotizza che l’Ucraina riceverà anche carri armati Leopard 2 per sostenere la guerra contro la Russia. Il quotidiano maltese ha citato il quotidiano “Handelsblatt” affermando che all’incontro degli alleati occidentali presso la base americana di Ramstein “sono stati presi altri impegni importanti, e sono ottimista anche sui carri armati, perché questo è il passo logico successivo. ” .

I carri armati Leopard 2 sono al centro della discussione “perché ce ne sono molti, perché sono relativamente facili da mantenere, perché molti paesi europei li hanno e perché l’Ucraina ne ha semplicemente bisogno”. È positivo che i partner della coalizione a Rammstein abbiano concordato consegne di nuove armi. “Tuttavia, ciò di cui abbiamo urgente bisogno è leadership, unità e un approccio congiunto alla fornitura di carri armati Leopard 2. Gli ‘ucraini’ hanno bisogno di noi e contano su di noi”, afferma Mitsola. “Non dobbiamo deluderli. Questo è un momento cruciale che richiede decisioni coraggiose e il tempo è essenziale”.

Leggi anche

L'amicizia franco-tedesca è stata cementata 60 anni fa dal trattato dell'Eliseo sotto il cancelliere Konrad Adenauer e il presidente francese Charles de Gaulle.

8:05 – BIDEN: l’Ucraina sta ricevendo tutto l’aiuto di cui ha bisogno

“L’Ucraina riceverà tutto l’aiuto di cui ha bisogno”, ha risposto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden quando i giornalisti a Washington gli hanno chiesto se sostenesse l’intenzione della Polonia di fornire all’Ucraina i principali carri armati Leopard. Un alto funzionario statunitense, parlando a condizione di anonimato, ha affermato che gli Stati Uniti sono rimasti fedeli alla loro posizione di non inviare i principali carri armati Abrams in Ucraina. L’Ucraina chiede da tempo la consegna dei principali carri armati.

Riguarda in particolare il Leopard 2. La Polonia, tra gli altri paesi, si è dichiarata pronta alla consegna. Tuttavia, poiché i carri armati provengono dalla produzione tedesca, la Germania deve accettare il trasferimento. Finora ciò non è accaduto e non è stata presa alcuna decisione in una riunione degli alleati occidentali presso la base aerea americana di Ramstein. Anche la questione se la Germania fornirà gli stessi carri armati è aperta. Alla vigilia della riunione dei Rammstein, si diceva che il cancelliere Olaf Scholz avesse collegato la consegna del carro armato Leopard al fatto che gli Stati Uniti stavano fornendo anche carri armati Abrams.

06:00 – Zelenskyy vuole continuare a “combattere” per i carri armati Leopard tedeschi

Dopo la conferenza ucraina di Ramstein, in Germania, Volodymyr Zelensky vuole continuare a combattere a Kiev per la consegna dei carri armati tedeschi Leopard 2 al suo paese. Nel suo videomessaggio, Zelensky ha detto che durante i colloqui ha sentito molta comprensione per i bisogni dell’Ucraina, che è stata attaccata dalla Russia. “Sì, dobbiamo ancora lottare per la fornitura di carri armati moderni, ma chiariamo ogni giorno che non c’è alternativa alla scelta dei carri armati”, ha detto.

Alla conferenza tenutasi presso la base dell’aeronautica americana, non è stata ancora presa alcuna decisione sulla consegna dei principali carri armati. Tuttavia, Zelensky era ottimista sul fatto che avrebbe ottenuto i carri armati.

03:35 – Due uomini sono accusati negli Stati Uniti di aver aiutato l’oligarca russo

Due uomini sono stati incriminati negli Stati Uniti perché sospettati di aver aiutato un uomo d’affari russo sanzionato a nascondere la proprietà del suo yacht. Come annunciato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, un britannico è stato arrestato in Spagna e dovrebbe essere estradato negli Stati Uniti.

Un altro sospetto con cittadinanza russa e svizzera è in fuga. Si dice che i due uomini abbiano aiutato un confidente del presidente russo Vladimir Putin, il miliardario Viktor Wekselberg, a nascondere la sua proprietà dello yacht Tango, del valore di 90 milioni di dollari.

Leggi anche

Wikselberg è il capo del gruppo russo Renoa ed è nell’elenco delle sanzioni statunitensi dal 2018 per l’annessione russa della Crimea ucraina. Si dice che il britannico, che gestisce una compagnia di navigazione a Maiorca, abbia ribattezzato lo yacht Fanta in modo da poter continuare a fare affari con allestitori americani, anche se ciò non è consentito dalle sanzioni statunitensi. Nonostante i tentativi di insabbiarlo, il Tango di 78 metri è stato infine sequestrato in Spagna lo scorso aprile su richiesta degli Stati Uniti.

02:35 – Ucraina: le forze armate si addestreranno sui carri armati tedeschi in Polonia

Secondo il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov, le forze armate ucraine si addestreranno in Polonia sui principali carri armati Leopard 2. “Inizieremo con quello e poi continueremo”, è stato citato dalla stazione statunitense in lingua ucraina Voice of America come detto. Resnikov ha definito lo sviluppo della formazione un risultato importante e ha attribuito il successo agli sforzi della Polonia.

Il ministro ha partecipato alla conferenza di Rammstein venerdì. Quando gli è stato chiesto se la Germania avrebbe consegnato i principali carri armati Leopard 2 in futuro, è stato ottimista. Resnikov ha pubblicato una foto su Twitter in cui può essere visto con il nuovo ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius (SPD). Nella sua lettera ha ringraziato, tra l’altro, il governo tedesco per l’assistenza militare e ha anche scritto: “Abbiamo avuto una discussione aperta su Leopard 2. Deve continuare”.

01:00 – La First Lady ucraina si aspetta maggiori sforzi sul piano di pace

La first lady ucraina Olena Zelenska ha invitato gli alleati occidentali dell’Ucraina a fare di più per attuare un piano di pace in dieci punti. In un’intervista al quotidiano Neue Zürcher Zeitung al World Economic Forum di Davos, Selinska ha affermato che ogni Paese svolge un ruolo che deve anche assumersi le proprie responsabilità.

Leggi anche

Il ministro della Difesa Boris Pistorius in un comunicato stampa

Il piano di pace, annunciato dal presidente Volodymyr Zelensky al vertice del G20 di novembre, include appelli per garantire la sicurezza alimentare ed energetica e meccanismi per prevenire un’escalation del conflitto nella regione euro-atlantica. “Include anche richieste legali come il Tribunale internazionale per i crimini di guerra e il ritorno dei prigionieri di guerra in Ucraina”, ha detto Silinska al giornale.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.