Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Titoli tecnologici sotto pressione: i mercati sono ancora sospettosi

Stato: 10/10/2022 22:17

Le banche centrali stanno perdendo il controllo e sovraccaricando l’economia di costi per interessi estremamente elevati? La preoccupazione per questo ha pesato anche sui mercati all’inizio della settimana.

Quando si tratta del tema persistente dell’aumento dei tassi di interesse, c’è sempre una grande sfiducia tra i partecipanti al mercato, una sfiducia nel fatto che le banche centrali possano andare oltre il loro obiettivo anti-inflazione e portare l’economia a un punto morto.

Charles Evans, il cane da guardia valutario degli Stati Uniti, ha contrastato questa preoccupazione lunedì. “Penso che possiamo abbassare l’inflazione in tempi relativamente brevi ed evitare una recessione allo stesso tempo”, ha affermato il governatore della Federal Reserve di Chicago. Ha ribadito la sua previsione che i tassi di interesse “aumenterebbero a poco più del 4,5%” all’inizio del prossimo anno. Secondo le attuali previsioni della Federal Reserve americana, il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 4,4 per cento entro la fine del prossimo anno. Allo stesso tempo, la tendenza al rialzo dei prezzi statunitensi dovrebbe attenuarsi in modo significativo. Evans ha definito queste previsioni “un atterraggio morbido dall’aspetto piacevole”.

Lyle Brainard, vicepresidente della Federal Reserve Jerome Powell, è stato più cauto: “L’incertezza rimane elevata e sto osservando da vicino le prospettive e i rischi globali”. Brainard ha ribadito la sua opinione secondo cui la banca centrale dovrebbe avvicinarsi “con attenzione” alla politica monetaria ed essere guidata dai dati disponibili. La situazione resta confusa e il Dow è scivolato in rosso dopo un inizio positivo. L’indice principale è sceso dello 0,32 percento dal trading.

Le azioni tecnologiche sul Nasdaq sono scese dell’1,02% in più di fronte alle persistenti preoccupazioni sui tassi di interesse. La festa del Columbus Day ha causato il crollo degli affari. Per questo i mercati obbligazionari statunitensi sono rimasti chiusi.

La Fed ha già alzato i tassi di interesse di tre quarti di punto percentuale per tre volte di seguito, l’ultima volta tra il 3,00 e il 3,25%. Una quarta grande mossa è prevista sui mercati finanziari a novembre.

Dati sull’inflazione e prossima stagione degli utili

In questo contesto, gli operatori di mercato attendono con impazienza i dati sull’inflazione per settembre giovedì prossimo. Gli esperti del Bayern LP prevedono un leggero calo all’8,1%. Tuttavia, l’importantissimo tasso di base potrebbe essere aumentato tranne che per i prezzi dell’energia e dei generi alimentari.

Questa settimana segna anche l’inizio della stagione di rendicontazione del terzo trimestre negli Stati Uniti con i bilanci delle principali banche. Secondo gli esperti, il mercato azionario tedesco potrebbe trarne vantaggio, poiché ritengono che molte cattive notizie siano ora incorporate nei prezzi.

Dax calpesta l’acqua

Al termine di una sessione mutevole, il DAX ha chiuso in ribasso di quasi 0,06 punti al livello di chiusura di venerdì. A volte, il pacchetto di aiuti al gas del governo federale, attualmente in discussione, ha sostenuto i prezzi. Con un piano in due fasi I consumatori e l’economia potrebbero essere esentati da circa 96 miliardi di euro di prezzi di gas e riscaldamento.

READ  In questo giorno, il prezzo del carburante per i conducenti è il più economico

Quando il sostegno di Wall Street non è emerso, anche a Francoforte le cose sono andate in pezzi.

L’euro è di nuovo in calo

L’euro è ancora sotto pressione. In serata, la moneta unica era scesa a poco più di $ 0,97. La possibilità della continua posizione da falco della Fed sostiene la valuta statunitense. Gli investitori attualmente non si aspettano che la BCE sia in grado di contrastare questo problema nella stessa misura, e quindi preferiscono il dollaro a causa del vantaggio del tasso di interesse fisso.

Il membro del Consiglio della Banca centrale europea si è legato a forti aumenti dei tassi di interesse

Nel frattempo, il membro olandese della Banca centrale europea, Klaas Knott, si è espresso a favore di aumenti più marcati dei tassi di interesse nella lotta contro l’inflazione elevata. Il governatore della banca centrale olandese ha affermato che sono necessari almeno due “aumenti significativi dei tassi di interesse”. Okdah ha anche chiarito che la Banca centrale europea aumenterà il tasso di interesse di riferimento fino a quando le aspettative di inflazione a medio termine non raggiungeranno nuovamente l’obiettivo del 2%.

La Banca centrale europea ha alzato l’ultima volta il suo tasso di interesse chiave di 0,75 punti percentuali all’1,25% a settembre. Un altro rialzo dei tassi di queste dimensioni è previsto per la prossima riunione dei tassi alla fine di ottobre. A settembre, il tasso di inflazione nell’area della valuta comune era del 10,0 per cento.

Sentix indica un’ulteriore contrazione

Secondo la società di consulenza Sentix, l’umore economico nell’eurozona continua a deteriorarsi. L’indice economico Sentix è sceso di 6,5 punti da settembre a ottobre a meno 38,3 punti. Si tratta del livello più basso da maggio 2020. Sia le prospettive economiche che la valutazione della situazione si sono notevolmente offuscate. Gli esperti di Sentix hanno commentato il risultato: “L’economia della zona euro è ancora in uno stato di collasso”.

Calano i prezzi del petrolio e del gas

I prezzi del petrolio hanno iniziato la settimana con uno sconto. In serata, il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord (159 litri) è stato dell’1% in meno. La scorsa settimana ha dato i prezzi Recenti tagli alla produzione da parte del cartello petrolifero OPEC+ Significativamente aumentato.

Anche il prezzo del gas naturale europeo è sceso nuovamente. I contratti futures TTF sul gas naturale olandesi, che hanno ricevuto molta attenzione, a volte costano solo 144 euro per megawattora. Era circa il cinque percento in meno rispetto a venerdì. La situazione del mercato del gas, da tempo molto tesa, si è alquanto allentata di recente. Lo sfondo di ciò è il fatto che gli impianti di stoccaggio del gas naturale in Europa sono ora ben riforniti e si stanno compiendo sforzi politici per ridurre il consumo di gas naturale. In mattinata la commissione sul prezzo del gas istituita dal governo federale ha presentato le prime proposte Contenimento dei costi energetici Presentatore.

READ  Quanto guadagnano i dipendenti a tutti i livelli?

Le sanzioni cinesi influiscono sui valori dei chip statunitensi

A New York, in particolare, i valori delle fiches sono scarsi. Le restrizioni statunitensi all’esportazione verso la Cina impediscono, tra l’altro, l’esportazione di sistemi per la produzione di chip per computer di alta qualità. I documenti di Intel, Nvidia, Qualcomm, Micron Technology e AMD sono in calo del quattro percento. “Le azioni ostacoleranno il settore dei chip della Cina, ostacolano i piani di crescita e potenzialmente rallenteranno l’innovazione sia nell’est che nell’ovest”, ha avvertito l’analista Danny Hewson dell’intermediazione AJ Bell.

Battuta d’arresto per Rivian

Le azioni Rivian hanno subito enormi perdite. Il fornitore di veicoli elettrici deve richiamare circa 13.000 veicoli a causa di un supporto allentato che può causare guasti allo sterzo. Questi sono quasi tutti i veicoli finora consegnati dal concorrente Tesla.

Qiagen e Bio-Rad nelle conversazioni

Secondo il Wall Street Journal, i fornitori di laboratori Qiagen e Bio-Rad Laboratories stanno parlando di una fusione. Platt ha detto che i colloqui sono in corso da tempo, citando persone che hanno familiarità con la questione. Tuttavia, è improbabile che nelle prossime settimane si raggiunga un accordo. Anche le società potrebbero non aver raggiunto un accordo. Sulla base del prezzo di chiusura di venerdì, Qiagen ha un valore di $ 10 miliardi in borsa. Bio-Rad vale 13 miliardi di dollari. Mentre le azioni di Bio-Rad sono state sotto pressione dopo la notizia, le azioni di Qiagen sono aumentate.

Deutsche Post alza le previsioni sugli utili

Deutsche Post ha sorpreso il mercato tedesco aumentando le sue previsioni sugli utili, quindi il titolo è salito del 4,75%. Nonostante l’incombente recessione, il DAX prevede maggiori guadagni rispetto a quest’anno. Grazie al buon lavoro svolto in estate, il management aumenterà le sue aspettative quando il bilancio intermedio sarà presentato l’8 novembre, secondo la sede del gruppo a Bonn. Finora, il CEO Frank Appel punta a un risultato operativo (EBIT) compreso tra 7,6 e 8,4 miliardi di euro per il 2022. Secondo i dati preliminari, la Posta ha generato un risultato operativo di 2,04 miliardi di euro nel terzo trimestre, più della media degli analisti previsto e circa il 15% in più rispetto all’anno precedente.

READ  Guerra in Ucraina nell'indice: DAX più fermo nel fine settimana - Le borse americane finiscono in disaccordo - METRO potrebbe voler fare miliardi per il business indiano - Valneva, VW, Bayer in primo piano | newsletter

La BMW si vede in arrivo per il 2022

La BMW ha venduto quasi più auto nel terzo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il capo delle vendite Peter Nota ha affermato che la BMW è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi di vendita per il 2022. Nel terzo trimestre, la società di Monaco ha venduto 517.689 auto del suo marchio principale, l’1,4% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

In Cina, il più grande mercato di BMW, le vendite di BMW e del marchio di automobili Mini sono aumentate del 5,7%. In Europa, invece, si registra un calo significativo dell’11,1 per cento. Entro la fine di settembre, la casa automobilistica aveva venduto un totale di 1,75 milioni di veicoli, inclusi i marchi Mini e Rolls-Royce, in calo del 9,5% su base annua.

Nuovo interesse per Vantage Towers?

Sembra che i gruppi di telecomunicazioni American Tower Corp e Cellnex stiano valutando l’acquisizione di una partecipazione nella torre radio di Vodafone, Vantage Towers. Bloomberg News ha riferito durante il fine settimana che sia l’operatore di infrastrutture di telecomunicazioni statunitense che il fornitore di telecomunicazioni spagnolo stanno valutando la possibilità di entrare nella procedura di gara. A settembre, si è saputo che la società madre britannica voleva vendere parte della sua partecipazione dell’82% in Vantage Towers. La capitalizzazione di mercato di MDAX è attualmente di 13 miliardi di euro.

Renault e Nissan parlano di alleanza

Renault e Nissan hanno recentemente considerato il futuro della loro alleanza alquanto traballante. Le due case automobilistiche strettamente collegate sono in trattative per una cooperazione strategica su mercati, prodotti e tecnologie, secondo una dichiarazione congiunta rilasciata oggi da Renault. Nissan sta valutando la possibilità di investire nel nuovo business dei veicoli elettrici di Renault.

Renault sta attualmente valutando la possibilità di rendere la sua divisione di veicoli elettrici indipendente dal gruppo nel suo insieme. Con Nissan che investe in questo business, l’interdipendenza tra francesi e giapponesi non aumenterà necessariamente: come riportato da Bloomberg News, citando persone che hanno familiarità con la questione, Renault è disposta a ridurre significativamente la propria partecipazione in Nissan. Renault possiede il 43 per cento di Nissan. Nissan, da parte sua, possiede il 15 per cento delle azioni di Renault, così come lo stato francese. Secondo le informazioni, Nissan avrebbe spinto Renault a ridurre la sua partecipazione al 15% delle azioni Nissan.