Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“The Lion’s Cave”: perché Dagmar Worl è uscito dallo studio in lacrime | intrattenimento

Tutte le dighe sono state rotte su questo stadio.

Visita a sorpresa alla “tana del leone”! Lunedì sera è apparsa improvvisamente in studio una celebrità televisiva: l’addestratore di cani Martin Rotter, 51 anni, ha presentato un produttore con un passato serio e triste.

“Oggi non si tratta di cani”, ha detto Rutter. “Oggi si tratta di un mio argomento personale. Infatti, dieci anni fa, mia madre si ammalò gravemente di demenza. Era difficile per noi come famiglia vedere mia madre cambiare ogni giorno.”

Per questo motivo, Rütter ha deciso di girare un documentario personale sull’argomento e ha incontrato un team di quattro fondatori impegnati.

Il fondatore Martin Rotter è in realtà conosciuto come un addestratore di cani, ma la sua invenzione non ha nulla a che fare con gli amici a quattro zampe

Foto: Frank W. Hempel/RTL

Eleftherios Efthimiadis (35), Stephen Price (33), Alekje Stallman (39) e Mario Kachulki (32) hanno sviluppato la palla terapeutica “ichó” per le persone con demenza, che mira a rallentare la progressione della malattia.

All’interno della palla terapeutica sono presenti cinque sensori che rilevano se la palla terapeutica viene scossa, lanciata, accarezzata o presa. Molti programmi forniscono formazione sulle capacità motorie fini e sulle prestazioni cognitive. Per una quota del 15%, i quattro fondatori volevano una cifra impressionante di 1,5 milioni di euro.

Lacrime a Wöhrl e Williams

L’investitore Dagmar Woerle, 68 anni, ha girato un film che mostra come le persone con demenza hanno provato la palla terapeutica: “Sto per iniziare a piangere”.

Presto, incapace di trattenere le lacrime, saltò giù dalla sedia senza preavviso e uscì dallo studio per calmarsi e asciugarsi le lacrime.

I leoni arrabbiati hanno scoperto il fastidio di Dagmar Worl quando poco dopo è tornata alla sedia del suo investitore e hanno gridato: “Per favore scusami se ti ho interrotto. Ma all’inizio ho perso mia madre a causa della demenza”.

Poco dopo, agli investitori è stato permesso di provare “ichó” – e ora la 51enne Judith Williams è sopraffatta dai suoi sentimenti, che in precedenza ha riferito esclusivamente della sua esperienza BILD.

Cercando disperatamente di aiutare i propri cari, Williams si è rivolto a vari istituti in tutto il mondo: “Ho viaggiato in tutto il mondo per motivi personali perché ho l’Alzheimer e la demenza nella mia famiglia così gravemente nelle persone a me più vicine”.

Judith Williams e George Koffler guardano una palla

Judith Williams e George Kofler guardano un ballo “ichó”.

Foto: Frank W. Hempel/RTL

Il risultato è stato deludente, poiché Williams ha ricordato di aver pianto: “Non ho trovato niente, niente!” Era scettica riguardo alla palla terapeutica: “Come faccio a sapere che aiuta in qualche modo?”

Naturalmente, anche i fondatori non potevano promettere una cura per la malattia, ma hanno sottolineato ancora una volta l’effetto di supporto della palla terapeutica.

Nessun accordo per gli sviluppatori “ichó”.

Ma quando i numeri sono stati messi sul tavolo, gli altri leoni hanno dovuto ingoiare prima: la palla medica dovrebbe costare 1.428 euro, che dovrebbero essere praticamente offerti in affitto a 55 euro al mese.

La speranza dei fondatori risiede nel riconoscimento da parte delle compagnie di assicurazione sanitaria, che dovrebbero offrire “ichó” come prodotto pronto per la prescrizione. George Koffler, 65 anni, non era abbastanza prevedibile: “Ecco perché sono uscito”.

Rotter che fa la palla con Stephen Prius, Alekji Stallman, Mario Kachulki ed Eleftherios Efthymiadis (da sinistra)

Rotter che fa la palla con Stephen Prius, Alekji Stallman, Mario Kachulki ed Eleftherios Efthymiadis (da sinistra)

Foto: Frank W. Hempel/RTL

Anche Karsten Machmeyer, 63 anni, e Nils Glagau, 46 anni, non volevano investire in questi ostacoli. E mentre Dagmar Woerle e Judith Williams sono stati colpiti personalmente, hanno anche dovuto togliere la speranza di un accordo dai fondatori. Wöhrl ha ammesso: “Penso che abbiano ancora molti, molti soldi da investire. Questo è molto misterioso per me”.

Il giurato di “La grotta del leone”, Dagmar Woerle “Noi donne abbiamo molto da recuperare”

Fonte: IMMAGINE

21/06/2022

Williams ha sottolineato ancora una volta il drammatico sviluppo della demenza nella società: “Tra i 70 ei 75 anni c’è una percentuale compresa tra il 50 per cento di noi che ha la demenza o il morbo di Alzheimer”. Tuttavia, è uscito anche: “Auguro loro davvero, davvero, molto successo”.

Martin Rotter, da investitore strategico per “ichó”, non vuole mollare: “Oggi per me non cambia nulla. Questo è evidente anche nei momenti in cui Judith Williams ha pianto, quando Dagmar Wehrle ha lasciato la stanza dopo solo due minuti perché era triste. Mostra quanto sia rilevante l’argomento. “.

READ  Il documentario sui Beatles confuta la principale colpa di Yoko Ono di separare la band