Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Può proteggere l’allergia alimentare da COVID-19

  1. Quotidiano Fehmarn
  2. Salute

creatura:

a: Giuditta Marrone

I geni e il gruppo sanguigno devono influenzare l’infezione da corona. Un’allergia alimentare può giustificare un lieve ciclo di trattamento.

Circa 33,1 milioni di persone sono in Germania, secondo Istituto Robert Koch (RKI) Il virus può essere verificato dall’inizio della pandemia di Corona (a partire dal 28 settembre 2022). Tuttavia, ci sono anche persone Non ha ancora contratto il corona, nonostante il contatto con persone infette. Tra gli altri, i geni o Il gruppo sanguigno di una persona influenza se una persona è infetta dal virus Corona. Uno studio recente è ora giunto a un’altra scoperta sorprendente: chiunque abbia un’allergia alimentare può essere protetto meglio da un decorso grave di Covid 19.

Corona: uno studio ha dimostrato che l’allergia alimentare può proteggere da Covid-19

Chiunque sia celiaco può essere protetto meglio dal decorso acuto del coronavirus. © Andriy Popov / IMAGO

I ricercatori degli Stati Uniti sospettano che siano nella rivista specializzata Frontiere in immunologia pubblicato studiaPersone allergiche al cibo, Può contrarre il Covid-19 in una forma più lieve. Ciò è dovuto alle proteine ​​a cui è stato precedentemente esposto il sistema immunitario. Perché alcune sezioni della proteina spike si trovano anche nelle proteine ​​alimentari. Il microbiologo dott. Così Aristo Foggani dei Cyrex Laboratories di Phoenix, in Arizona, indagò, tra l’altro, se ci fosse reazione incrociata Per gli anticorpi responsabili dello sviluppo di allergie alimentari. Dopotutto, studi precedenti hanno già dimostrato che l’infezione con altri coronavirus, che sono agenti patogeni innocui che causano il comune raffreddore, possono generare un’immunità crociata contro SARS-CoV-2.

Gli scienziati hanno ipotizzato che le somiglianze tra SARS-CoV-2 e altre proteine ​​comuni possano influenzare la suscettibilità al virus. Perché il corpo avvia una risposta immunitaria non appena viene attaccato da agenti patogeni come virus o batteri. Anche gli anticorpi sono coinvolti in questo. Queste proteine ​​immunitarie si legano a siti specifici sull’agente patogeno e aiutano a distruggerlo. Quando l’infezione iniziale scompare, i globuli bianchi chiamati cellule T e B della memoria conservano la memoria dell’agente patogeno o di alcune parti della sua struttura. Se queste cellule incontrano nuovamente l’agente patogeno, sviluppano una rapida risposta immunitaria.

READ  Un nuovo metodo di trattamento potrebbe danneggiare la funzione cardiaca - Heilpraxis

Non farti mancare nulla: troverai tutto ciò che riguarda la salute Nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

Corona: secondo lo studio, i pazienti celiaci possono essere più protetti contro Covid-19

In un esperimento, Fodjani ha scoperto che un anticorpo monoclonale reagisce con una serie di antigeni di determinati alimenti. Questi includevano broccoli (39%), mandorle tostate (39%), anacardi (34%), semi di soia (32%), calamari (32%), endocetinasi di riso (32%), maiale (31%) e bromelina di ananas. (30 per cento). Ha anche risposto al peptide tossico gliadina (30%) che si trova in celiachia gioca un ruolo. Di conseguenza, questi alimenti possono preparare il sistema immunitario ad attaccare SARS-CoV-2.

L'”immunità” a un tipo di cibo è caratterizzata da un’allergia alimentare, secondo un comunicato stampa che accompagna lo studio. Sulla base dei risultati dello studio, gli scienziati sospettano che le persone con malattia celiaca o persone con malattie infiammatorie intestinali allergia al cibo Potrebbero essere meglio protetti dal Covid-19. Tuttavia, ulteriori indagini epidemiologiche sono necessarie per verificare questa ipotesi. Inoltre, gli scienziati avvertono che questi principi attivi, che possono fornire una certa protezione contro la corona, non sostituiscono la vaccinazione.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario rilevante e pertanto non è destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri editori non sono autorizzati a rispondere a singole domande sulle immagini cliniche.