Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Test dell’umore per Salvini e Conte

R.E nove milioni di aventi diritto sono invitati a eleggere i propri sindaci in Italia domenica, così come i parlamenti comunali e i consigli comunali in 978 città e comuni. Inoltre, tutti gli elettori dell’isola devono indire un referendum sui punti essenziali della riforma giudiziaria determinati dal Parlamento. Nuovi sindaci sono stati eletti in 26 grandi città, di cui quattro capoluoghi in 20 regioni del Paese: Cadanzaro in Calabria, Genova nel nord-ovest della Liguria e El Aquila in Abruzzo. Palermo Sulla Sicilia. In 18 di queste città governano attualmente sindaci di destra, con cinque regimi di sinistra e tre sindaci che escono dalla lista dei cittadini.

Mattia Rup

Corrispondente politico a Roma, Italia, Vaticano, Albania e Malta.

Sebbene le campagne elettorali locali si concentrino spesso su questioni locali, le elezioni locali rappresentano un importante test emotivo in vista delle elezioni generali di marzo 2023. I politici di importanza nazionale sono impegnati in campagne in tutto il paese per i loro candidati locali. Per due leader di partito le cui stelle cadono da mesi, domenica è quasi una questione di sopravvivenza politica. Questo è un ex ministro dell’Interno Matteo Salvini Dall’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, capogruppo di Eredità Nazionale di destra e Movimento Cinque Stelle populista di sinistra.

Lega, Salvini Elezioni europee Con il 34% dei voti nel 2019, il paese è emerso come la forza politica più forte del paese, con solo il 16% che ha approvato gli ultimi sondaggi. Da quando hanno vinto le elezioni parlamentari del 2018, il voto a cinque stelle è sceso dal 33% al 13%.

READ  Le grandi città d'Italia introducono la necessità delle mascherine

Annullata la missione di pace di Salvini

Recenti polemiche intorno a Salvini e Conte Ognuno è legato alla guerra in Ucraina. All’indomani degli attacchi del 24 febbraio a Mosca, entrambi i leader del partito inizialmente hanno sostenuto la politica di Mario Draghi, il leader apartitico del governo, che, insieme all’Unione Europea e agli Stati Uniti, è rimasto neutrale nell’Ucraina dilaniata dalla guerra . Ma recentemente Salvini e Conte si sono sempre più allontanati da Draghi su questo tema, e si sono infatti opposti all’alleanza Draghi sostenuta dai loro partiti.