Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’inflazione aumenta: i guadagni azionari sono dolore e sofferenza

L’inflazione alle stelle
I guadagni in borsa sono dolore e sofferenza

Di Benjamin Feingold

La svalutazione della valuta è attualmente di circa l’8% nella zona euro. Questo è esattamente ciò che le azioni effettivamente offrono in media in termini di rendimenti. Sembra un buon equilibrio, ma per ora dovrebbe essere usata una vecchia saggezza.

I guadagni in azioni sono una compensazione per il dolore e la sofferenza, come l’ha descritta una volta Andrei Kostolani. Prima viene il dolore, poi i soldi. Ciò è ancor più vero in tempi di inflazione. Perché a prima vista, le azioni sono in realtà la soluzione perfetta per i risparmiatori per sfuggire al costante consumo di denaro. Investendo in società, investi in asset reali e trarrai vantaggio da prezzi più elevati. D’altra parte, i depositi bancari perdono il loro valore quando l’inflazione aumenta.

Dax 13.761,83

Ciò che è allarmante, tuttavia, è che i mercati azionari sono attualmente in calo mentre l’inflazione rimane elevata. “Non si indebolirà presto”, afferma Stefan. “Dati i gravi fallimenti nella consegna di grano da parte di Ucraina e Russia, i prezzi dei generi alimentari continueranno a salire e probabilmente sostituiranno i prezzi dell’energia come determinanti dei prezzi. Gli effetti di secondo impatto sui salari possono anche da aspettarsi”. Riss, Capital Market Strategist di Acatis Investment

Affinché le azioni siano utili agli investitori, il rendimento risultante deve essere superiore all’inflazione. Pertanto, l’ambiente ideale per le azioni è aumentare i prezzi pubblici bassi del 2-3% all’anno. A seconda dell’indice, in passato gli investitori sono stati in grado di generare un rendimento reale a medio termine compreso tra l’otto e il dodici per cento all’anno.

Tuttavia, maggiore è l’inflazione, minore è il rendimento. Ciò significa che gli investitori non si stanno proteggendo dal rischio di inflazione delle azioni, soprattutto a breve termine. Ma nel lungo periodo i principali mercati azionari sono sempre stati in rialzo e l’inflazione è sempre tornata al verde.

Lo spostamento dei tassi di interesse è qui

Gli aumenti dei prezzi sono spesso il risultato di sviluppi improvvisi. I colli di bottiglia nelle consegne a causa delle rigide regole di blocco in Cina e la guerra in Ucraina ne sono un buon esempio. Ma ad un certo punto, i prezzi del petrolio scenderanno di nuovo e le catene di approvvigionamento funzioneranno senza intoppi. Quindi chiunque voglia vedere i guadagni delle azioni attualmente ha bisogno di pazienza e deve sopportare le perdite di prezzo.

Tuttavia, bisogna anche tenere conto del cambiamento dei tassi di interesse avviato dalla Federal Reserve statunitense e dalla Banca Centrale Europea. Tassi di interesse più elevati significano che le azioni stanno diventando meno attraenti rispetto ad altre forme di investimento. E rendono i finanziamenti più costosi per le aziende, rendendo meno certe le loro previsioni sugli utili.

Inoltre, i profitti futuri delle imprese sono meno preziosi a causa dei tassi di interesse più elevati nel presente, poiché i profitti vengono scontati di più. Ciò è illustrato in modo impressionante dalle perdite nei titoli tecnologici, che beneficiano principalmente di fantasie di crescita a lungo termine. Azioni come Netflix, Delivery Hero, HelloFresh e Zalando hanno perso valore in modo molto marcato dall’inizio dell’anno.

Tuttavia, vale la pena investire in azioni a lungo termine. Ora è possibile gettare una buona base, ad esempio attraverso azioni di alta qualità con pagamenti di dividendi che mitigano l’inflazione.

Le azioni value stanno diventando sempre più popolari

Poche aziende sono immuni all’inflazione elevata e possono trasferire prezzi più elevati”, ha affermato Ricardo Evangelista, analista capo di ActivTrades. Marchi forti, bilancio solido, ampia base di clienti in tutto il mondo, elevata qualità del prodotto, flessibilità negli acquisti e nella produzione nonché economie di scala sono i principali fattori che portano a un forte potere di determinazione dei prezzi nei confronti di clienti e fornitori.

Anche le aziende che generano elevati livelli di liquidità e quindi hanno meno problemi con costi di rifinanziamento più elevati hanno un vantaggio. “L’indice Pacer US Cash Cows 100 è aumentato del 9% dall’inizio dell’anno, mentre l’S&P 500 ha perso il 13%”, afferma Jürgen Molnar dell’intermediazione RoboMarkets. L’indice include le 100 società con i più alti rendimenti di free cash flow.

Questi titoli di materiali classici sono noiosi ai tempi dei normali mercati azionari. Ma ora sono tra i favoriti, inclusi titoli di beni di consumo come Coca-Cola e McDonald’s, giganti del petrolio e delle materie prime come BHP ed Exxon e aziende del tabacco come Philip Morris e British American Tobacco. Queste aziende possono essere trovate anche in Germania. A Dax, Deutsche Telekom e RWE sono cresciute notevolmente dall’inizio dell’anno.

Benjamin Feingold gestisce il portale della borsa Ricerca Feingold.

Questo post non è una raccomandazione Per acquistare o vendere azioni o altri prodotti finanziari. Non siamo responsabili della correttezza dei dati.

READ  Forte aumento delle vendite: la quota PUMA aumenta fortemente: l'EBIT raddoppia nel 2021 | newsletter