Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tempi duri per i metalli preziosi: un anno di successo in borsa si chiude con una perdita

Tempi duri per i metalli preziosi
Un anno di successo in borsa si chiude con una perdita

L’ultimo giorno di borsa del 2021 a Wall Street si chiuderà con lievi negativi. Tuttavia, i principali indici si sono comportati in modo impressionante durante l’intero anno. Per i metalli preziosi, invece, le cose sono andate molto meno lisce.

Le borse statunitensi sono state più deboli nell’ultimo giorno di negoziazione dell’anno. il Dow Jones Ha perso lo 0,2 per cento a 36.338 punti. tecnologia pesante Nasdaq Tornando lo 0,6 per cento a 15.645 punti e l’ampio Standard & Poor’s 500 Ha perso lo 0,3 per cento a 4.766 punti.

Nasdaq Composite 15.644,97

A dicembre, invece, il daw il 5,4 percento che Nasdaq 0,7 per cento e Standard e poveri 4,4%. Questo ha guadagnato il 10,7 percento nel quarto trimestre, il Dow il 7,4 percento e Nasdaq 8,3 per cento. Nel corso dell’anno, i guadagni di prezzo sono stati più pronunciati: il Dow è aumentato del 18,7 percento nel 2021, il Nasdaq è cresciuto del 21,4 percento e Standard e poveri 26,9%. I tre indici sono aumentati per il terzo anno consecutivo.

In Europa, il commercio era ancora in Francia e Gran Bretagna, anche se per breve tempo. il Dax Arrivederci a giovedì 2021. Nel corso dell’anno sono stati registrati anche in Europa significativi aumenti di prezzo. il largo Stokes 600 È stato del 22% in più dopo la chiusura dei principali centri commerciali, il secondo aumento maggiore dal 2009. I francesi guidano gli indicatori anticipatori per i singoli paesi CAC 40 Con un aumento del 29% dell’indice DAX del 16% e quello britannico Indice FTSE del 14 per cento.

Palladio
Palladio 1.901,40

Al contrario, l’anno è stato meno brillante per i metalli preziosi. oro È diminuito di circa il 4%, la più grande perdita annuale dal 2015. l d’argento È diminuito di oltre l’11%, più che nel 2014. Palladio È sceso del 22,2 percento, la prima perdita annuale in sei anni. platino Ha perso più del nove per cento.

Gli esperti inizialmente non si aspettano che le azioni continuino a salire all’inizio del 2022. Tuttavia, vedono margini di miglioramento in un’ulteriore traiettoria dell’anno, anche se non per balzi altrettanto grandi come l’anno scorso. “Poiché il sostegno alla politica monetaria diminuisce e la pandemia non è finita, il prossimo anno dovrebbe scendere a un aumento di una cifra”, ha affermato di recente Robert Grill di Merck Fink.

READ  Prevista recessione: l'analista avverte di un grave crollo: "La Fed non salverà il mercato azionario" | newsletter