Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tatort (ARD): Brutte frasi – “Niente più imbarazzante”

Tatort (ARD): Brutte frasi – “Niente più imbarazzante”

Queste frasi ti fanno gelare il sangue. E no, non provenivano dalla “scena del crimine” di Dortmund intitolata “Love Is Pain”. Sono frasi che possono essere lette solo su Twitter e possono ancora essere ascoltate nelle manifestazioni di destra.

“Tatort è l’unico posto in Germania dove un uomo bianco accoltella un migrante” si può leggere su Twitter pochi giorni dopo la trasmissione di domenica. “Niente di più imbarazzante. È una presa in giro”, ha detto.

“Tatort” è usato impropriamente per l’incitamento all’odio di destra

Imbarazzanti e beffardi sono solo i commenti razzisti, che continuano ad apparire a centinaia su Twitter quando alcuni piccolissimi spettatori di “Scena del crimine” giocano con la presunta realtà della vita.

+++ “Tatort”: Dortmund è confuso – ARD rinomina semplicemente il sito di culto +++

La “scena del crimine” di domenica scorsa (23 aprile 2023) è stata una delle migliori nel suo genere, con un giovane che si è fatto strada attraverso il Dortmund apparentemente a caso. Prima macchinista turco, poi operaio di taverna. Non volendo nascondersi, guarda in ogni telecamera che riesce a trovare. Di volta in volta, Mike Majewski (interpretato da Nils Hohenhöfel), come viene chiamato l’assassino, mostra la sua faccia.

+++ “Tatort” (ARD): notizie scioccanti – gli spettatori sono indignati +++

“Scena del crimine” mascherata da Dortmund

Qual è il suo piano? Con l’aiuto delle telecamere e una sbirciatina nel passato di Majewski, i detective del Dortmund intorno al commissario di ritorno Faber (interpretato da Jörg Hartmann) e al capo ad interim della squadra omicidi di Dortmund Rosa Herzog (interpretata da Stephanie Rensberger) ottengono l’accesso all’assassino. E ha percorso la via dell’umiliazione avvenuta tanti anni fa, ma che ancora oggi getta un’ombra.


Più notizie: