Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tamara Schenk: un’influencer che ha avuto un ictus a 32 anni! | intrattenimento

Qui è dove troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri contenuti esterni, abbiamo bisogno del tuo consenso.

È stato il periodo più difficile della sua vita.

L’imprenditrice e influencer di Berlino Tamara Schenk (33 anni) ha avuto un ictus sei mesi fa! Ha solo 32 anni.

Era il 27 dicembre, mentre stava pranzando con le sue amiche in un ristorante a Cape Town, in Sud Africa, quando è successo. Schenk ora vuole incoraggiare altri pazienti con ictus attraverso il suo blog Instagram.

In esso, l’influencer spiega: “È molto importante che non aspetti e insegui i tuoi sogni. Sono un guerriero, ho combattuto per tornare indietro l’anno scorso perché ho avuto un ictus”.

Il giovane imprenditore ha dovuto imparare di nuovo a camminare nella clinica di riabilitazione

“Ho dovuto imparare a parlare di nuovo”

Qualche anno fa, Tamara Schenk ha fondato la rete femminile “Qua”, aveva dipendenti e viaggiava molto.

Ora l’imprenditrice sta parlando con coraggio del suo calvario dopo un ictus!

“Fino allo scorso dicembre è successo qualcosa che ha cambiato la mia vita per sempre. Almeno per un po’, finché non avrò recuperato la mia vita”, ha detto Schenk.

“Ho dovuto imparare a parlare e camminare di nuovo, ero anche parzialmente cieca”, spiega singhiozzando.

Il giorno in cui ha avuto l’ictus, ha detto, quando si è svegliata la mattina, non si sentiva bene. “Avevo mal di testa, ma non era un mal di testa regolare”. Ma lei non ci ha pensato e si è alzata.

Ricorda ancora vividamente il momento in cui un’arteria le è esplosa nella testa: “Eravamo seduti al tavolo e avevo una spina nella mano destra. Poi all’improvviso la mia mano è caduta. Ma la mia testa non capiva cosa stava succedendo. Tutti i miei amici seduto a tavola mi ha chiesto: cos’è questo?

Dopo aver subito un grave ictus a dicembre, Tamara Schenk è paralizzata nella metà destra del suo corpo

Dopo aver subito un grave ictus a dicembre, Tamara Schenk è paralizzata nella metà destra del suo corpo

Quattro giorni di coma

Da quel momento non sapeva più cosa fosse successo. “Secondo i miei amici, stavo cadendo lentamente accanto a me. Mi hanno portato dal ristorante all’auto dai miei amici. Poi la mia faccia è scivolata via da me”.

I suoi amici sapevano che doveva essere un ictus. Si sono subito trasferiti e l’hanno portata al pronto soccorso. Tamara: “Da quel momento in poi non ricordo cosa sia successo nei quattro giorni successivi. Sono stata in coma al pronto soccorso per quattro giorni”.

Dopodiché sono andato al reparto ordinario e poi alla riabilitazione: “Affinché il corpo non dimentichi come funzionano i movimenti. Non ho capito quanto velocemente è cambiata la mia vita. Non riuscivo a muovere la mano destra e la gamba, erano completamente paralizzati. ” “

Ma in riabilitazione, il seguente shock: “Dopo due giorni, sono stata rimandata al pronto soccorso perché avevo il cervello gonfio”, dice Schenk e inizia a piangere nel suo video di Instagram.

In riabilitazione, Tamara Schenk ha allenato sequenze di movimento come la corsa fino a nove ore al giorno

In riabilitazione, Tamara Schenk ha allenato sequenze di movimento come la corsa fino a nove ore al giorno

La domanda era se i medici mi avrebbero aperto la testa in modo che la pressione venisse fuori. È normale che succeda una cosa del genere. E ancora: ‘È molto pericoloso perché se il tuo cervello si gonfia, puoi morire per questo. ”

“La mia arteria è scoppiata e il sangue è corso al cervello. Sono stato fortunato che nessuna area importante è stata distrutta. Quindi ho avuto l’opportunità di imparare a camminare e parlare di nuovo”.

Il fondatore di Berlino ha dovuto anche reimparare a contare e scrivere

Berlino dovette anche reimparare l’aritmetica e la scrittura

Paralizzata da un lato, tornò in Germania

A Tamara è stato permesso di ricevere visite per un’ora al giorno e di non usare affatto il cellulare. “Non so nemmeno più come funziona un cellulare.” Invece, ho guardato tutti i canali della TV sudafricana.

Guardando indietro, è grata: “I medici di Città del Capo mi hanno salvato. Sono stati tutti fantastici”. Quattro settimane dopo è stata portata in aereo ad Hannover. In quel momento era paralizzata da un lato.

“Sei uomini mi hanno spinto sull’aereo come un pezzo di carico”, ha detto Schenk del loro volo di ritorno in Germania. L’aereo poteva volare solo a una certa altitudine in modo che la pressione non fosse troppo alta.

Un mese dopo l'ictus: una Tamara Schenk semiparalizzata è stata riportata in aereo in Germania da Cape Town (Sud Africa).

Un mese dopo l’ictus: una Tamara Schenk semiparalizzata è stata riportata in aereo in Germania da Cape Town (Sud Africa).

Dopo essere tornata in Germania, è andata di nuovo al pronto soccorso: “Ho iniziato a soffrire nel reparto ordinario. All’inizio sono riuscita solo ad andare alla porta. Poi sono tornata e mi sono addormentata di nuovo. “

Tamara continua: “Era così palese perché non sentivo più il mio fianco destro. Ancora oggi mi sento come se la mia mano non fosse mia. Sembra una protesi intelligente”.

I tuoi sintomi dopo un ictus? “Ero completamente paralizzato sul lato destro, raggiungendo una cecità temporanea in entrambi gli occhi. Ho anche avuto afasia, difficoltà a trovare e pronunciare le parole”.

In ospedale mi sono allenato dalle otto del mattino alle cinque di sera per due mesi e mezzo. Ha ricevuto logopedia, terapia fisica, terapia occupazionale e neuropsicologia. Per lei era difficile ricordare le cose e doveva anche imparare di nuovo a scrivere ea fare aritmetica. Anche ora, fai fatica a salire la scala.

Correre è molto meglio ora. “Mi sento come se ci fosse una scatola di legno sopra la mia gamba, non riesco ancora a sentire la superficie della mia gamba”.

Tamara Schenk è molto grata ai terapisti della clinica di riabilitazione.  È persino diventata amica l'una dell'altra

Tamara Schenk è molto grata ai terapisti della clinica di riabilitazione. Ho fatto amicizia con alcuni di loro

“Mia madre a volte dorme sul pavimento del gabinetto”

Nei momenti difficili, sua madre e il suo compagno le erano particolarmente vicini.

Schenk si preoccupa per il suo ragazzo: “Il mio ragazzo ha completamente preso il controllo della mia vita. Mi ha appena comprato un nuovo cellulare con dentro i miei migliori amici. Ha detto a tutti che sarebbero stati discussi solo argomenti positivi. Diceva sempre: ‘Lo farai essere fuori tra due settimane!’ Devi prenderti il ​​merito del fatto che si è rivelato essere stato sei mesi. Se non avessi avuto quel supporto mentale, non so cosa avrei fatto. ”

Anche sua madre non si è allontanata da lei: “Mia madre a volte dormiva sul pavimento del water perché non voleva lasciarmi solo perché avevo paura. Grazie mamma per essere lì per me!”

L'imprenditrice Tamara Schenk alla presentazione degli Axel Springer Awards 2018 all'Axel-Springer-Haus

L’imprenditrice Tamara Schenk alla presentazione degli Axel Springer Awards 2018 all’Axel-Springer-Haus

L’imprenditore di oggi dice: “È stato il semestre più difficile della mia vita. Ma non sfortunato. Sono totalmente grato alle persone che erano lì”.

Vuole diventare pubblica perché è stata abbastanza sola per la maggior parte del tempo da quando è iniziato “l’incidente”. “Desidero molto per qualcuno che l’ha vissuto, e forse lo condividerò con lui”. Il suo obiettivo ora è aiutare altre persone che stanno avendo un ictus: “Mi dà anche forza”.

READ  Dramma brasiliano sulla fidanzata di Neymar - la morte della cantante stella (26) in un incidente aereo