Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio: Più energia attraverso piccole pause nella vita di tutti i giorni

Aggiornato il 31/08/2022 20:03

  • Nel lavoro quotidiano o nello studio, una pausa giornaliera di mezz’ora o un’ora fa solitamente parte di molti.
  • I ricercatori ora chiedono arresti più attenti.
  • Questo dovrebbe durare almeno alcuni secondi ma non più di dieci minuti.

Ulteriori argomenti su scienza e tecnologia possono essere trovati qui

Almeno pochi secondi e non più di dieci minuti: questa è la durata dei cosiddetti tempi di inattività parziale, che, secondo uno studio, possono avere un effetto positivo sul benessere delle persone. Scrivendo sulla rivista specializzata online “PLOS ONE”, Patricia Alpoliscu dell’Università rumena occidentale di Timisoara (Timiشوارoara) che brevi pause possono ridurre l’affaticamento nel lavoro quotidiano o nella vita di studio e aumentare i livelli di energia.

Per lo studio, i ricercatori hanno valutato 22 studi su questo argomento come parte di una meta-analisi. I risultati hanno mostrato che le persone si sentivano più energiche e meno stanche dopo le piccole pause. L’analisi non ha prodotto risultati chiari sul fatto che il lavoro fosse o meno più produttivo dopo una pausa. Tuttavia, le prestazioni non sono diminuite minimamente, riferisce il team.

Leggi anche: Studio dalla Gran Bretagna: i sonnellini pomeridiani comportano rischi per la salute

Le pause non dovrebbero essere prese troppo tardi

“Queste piccole pause in realtà non vengono utilizzate per il recupero, ma per prevenire un affaticamento eccessivo”, spiega lo psicologo Friedhelm Naschreiner, presidente della Society for Industrial, Economic and Organizational Psychology Research, che non è stato coinvolto nello studio. Secondo lui, anche le piccole pause hanno un effetto sulle prestazioni. Quindi le pause non dovrebbero essere prese troppo tardi.

READ  Piove più diamanti del previsto su Urano e Nettuno

La sua critica allo studio: gli autori hanno valutato pochissimi studi e non hanno preso atto della letteratura standard. Si lamenta anche del fatto che i partecipanti allo studio abbiano valutato i loro livelli di energia e affaticamento. “Gli autori non distinguono chiaramente tra affaticamento e affaticamento percepito”, afferma il ricercatore dell’orario di lavoro.

I manager dovrebbero incoraggiare attivamente i dipendenti a fare piccole pause

Gli stessi autori dello studio spiegano che oltre all’energia e alla fatica, in futuro dovranno essere analizzati anche altri stati mentali, come la paura o lo stress. Inoltre, secondo i propri dati, non sono stati in grado di rispondere perfettamente quando e per quanto tempo dovrebbe essere la mini-pausa.

Secondo Nachreiner, questo generalmente non può essere risolto. “Alcune persone non hanno bisogno di una pausa così rapidamente, mentre altre ne hanno bisogno prima e più a lungo”, spiega il ricercatore su Work Time. “Cinque minuti per tutti – sarebbe una sciocchezza, per esempio.”

Leggi anche: Viaggi, seminari, vacanze: a che ora lavorare e cosa no?

Secondo gli autori dello studio, molti dipendenti ritengono ancora che le pause possano essere viste come “comportamenti improduttivi”. Per ottenere effetti positivi, sostengono che i manager incoraggino attivamente i propri dipendenti a fare piccole pause in futuro. Anche nella vita quotidiana del college, brevi pause possono aiutare gli studenti a ricaricare le batterie, ad esempio durante le lezioni o quando studiano al computer. (ff/dpa)

Passiamo faticosamente di vacanza in vacanza, perché tutti lo sanno: l’effetto di recupero svanisce rapidamente. Nel nostro podcast “15 Minutes for Happiness”, la terapeuta Annette Frankenberger spiega l’idea delle “mini vacanze”, che risolvono esattamente questo problema.

READ  Vaccinazione contro le zanzare: non più fantasia - ma solo esperienza