Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Streptococco: un’insolita ondata di scarlattina raggiunse anche la Germania

Nell’ultimo trimestre del 2022 si è registrato anche un aumento insolitamente forte delle infezioni da patogeno da streptococchi A in Germania. Questo è il risultato di un’analisi dei dati effettuata dal Robert Koch Institute, di cui l’autorità statale tedesca per il controllo delle malattie fornisce informazioni nell’attuale numero del Bollettino epidemiologico. Di conseguenza, persone di tutte le età sono state infettate dall’agente patogeno.

Non ci sono prove di un nuovo ceppo batterico

Gli epidemiologi ipotizzano che l’elevata prevalenza di raffreddore e influenza in autunno e all’inizio dell’inverno abbia anche incoraggiato la diffusione dei patogeni della scarlattina. Ma nel complesso, il numero di casi confermati nel 2022 è ancora inferiore a quello degli anni precedenti la pandemia. Secondo i dati RKI, solo nelle ultime 10 settimane del 2022 ci sono stati 676 casi di scarlattina. Nell’anno precedente c’erano stati 40 casi nello stesso periodo, e nel 2020 i casi erano 94 a fine anno.

Anche il rapporto tra i cosiddetti decorsi invasivi e non invasivi dell’infezione non è cambiato. In un’infezione invasiva, i batteri entrano nel sangue. In questo caso, la malattia può diventare grave. Ha detto che questo aumento sproporzionato dei cicli pesanti non era stato notato. Non ci sono prove di un nuovo ceppo pericoloso di batteri.

Se hai sintomi: resta a casa e consulta il tuo medico

E dicono che l’attuale e rinnovato aumento non è un motivo per abbandonare la riluttanza a prescrivere antibiotici in presenza di un semplice mal di gola. Se hai sintomi di una malattia respiratoria, le persone infette dovrebbero rimanere a casa da tre a cinque giorni e consultare il proprio medico di famiglia.