Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Storia e futuro del motore Bugatti W16

Il motore Bugatti W16 da otto litri è un’arte ingegneristica unica. Raccontiamo la sua storia e mostriamo la produzione del capolavoro.

Si chiama “l’ultimo del suo genere”. Bugatti Il motore W16, che ha stravolto il mondo dei motori, prima nella Veyron e poi nella Chiron. Il motore a combustione più potente, veloce e forse il più complesso che il mondo delle auto sportive abbia mai prodotto e una serie di superlativi in ​​ogni dettaglio. I 1.600 CV della Chiron Super Sport mettono una Bugatti in cima alla catena alimentare, che può anche essere letta letteralmente per il suo consumo di carburante.


Secondo la storia, l’idea è iniziata con Bugatti Sullo Shinkanzen Japanese Express da Tokyo a Osaka. Nel 1997, l’allora CEO della Volkswagen, Ferdinand Karl Pisch, ha abbozzato la sua idea di un motore a 18 cilindri su un mandrino per il capo della Volkswagen Group Development Corporation Karl-Heinz Neumann. Il segnale di partenza per uno sviluppo senza precedenti del motore, anche se la macchina è stata “rimpicciolita” di due cilindri sulla strada per la produzione in serie per motivi tecnici.


Tutto doveva essere reinventato

Gregor Grace, uno dei primi dipendenti di Bugatti 20 anni fa e responsabile dello sviluppo tecnico di Bugatti fino a febbraio 2022, ricorda: “All’epoca, tutti erano scettici sul fatto che potessimo costruire un’auto da 1.000 cavalli per la strada. Vogliamo solo per dimostrare che possiamo costruire un motore potente, ma anche guidabile”. Gli ingegneri sono partiti da zero. “Dovevamo fare lo sviluppo di base di tutti i componenti e ogni parte dell’auto doveva essere riprogettata e testata. Anche il banco prova motore per testare il motore. L’unica cosa che non abbiamo cambiato sono state le matite per disegnare”, dice Gregor Grace, che è stato responsabile dello sviluppo del motore e della trasmissione Movimento sin dalla nascita di Bugatti di nuovo. “Ci siamo sentiti come una volta Ettore Bugatti. Ha sempre sviluppato i suoi strumenti”.

READ  Questi chip possono causare mal di testa e nausea!


Bugatti

Motore Veyron all’epoca prima che fosse installato nell’auto.

È in una Bugatti Verone Il primo motore utilizzato, con due blocchi di otto cilindri disposti ad un angolo di 90 gradi, aveva le dimensioni di un V12 come risultato di questo progetto e pesava circa 400 chilogrammi. Nel 2001, un 16 cilindri con quattro turbocompressori forniva una ventilazione forzata di 1.001 CV che Piëch richiese immediatamente durante il primo giro di prova: anche questo banco di prova doveva essere riqualificato perché la tecnologia precedente non era in grado di gestire le prestazioni folli dell’otto litri motore. Lo stesso vale per i gas di scarico estremamente caldi a pieno carico, per i quali è stato infine sviluppato un sistema di scarico in titanio, che è stato anche il primo nella costruzione del motore.



Con le prestazioni garantite, gli ingegneri hanno rivolto la loro attenzione all’affidabilità. A causa del buon funzionamento del motore, ad esempio, il rilevamento di accensioni irregolari o colpi al motore con metodi convenzionali era molto inaffidabile. Quindi Bugatti sta sviluppando il Bugatti Ion Current Sensor (BIS), che monitora la corrente degli ioni su ciascuna candela. Se il sistema rileva una super combustione o una mancata accensione, la fasatura dell’accensione verrà rallentata, il cilindro disattivato o la pressione di sovralimentazione ridotta. In questo modo ogni singolo cilindro può raggiungere il suo limite di prestazioni. “Fin dall’inizio, il nostro obiettivo è stato quello di generare la massima potenza del motore in modo stabile e pulito”, spiega Gregor Grace.


W16 riprogettato per Chiron

Tuttavia, il W16 dovrebbe essere solo l’inizio, nonostante le prestazioni già impressionanti dell’epoca, le prestazioni sono già aumentate in Veyron 16.4 Super Sport 1200 CV su di me. Ma per il successore della Veyron, la Chiron, è stata sviluppata un’unità completamente nuova indipendentemente dal design e dalla distanza del cilindro di 73 mm, con un obiettivo iniziale di 1.500 CV. Questo ulteriore salto di prestazioni è reso possibile, tra l’altro, da un nuovo tipo di turbocompressore sequenziale a due stadi, ciascuno con due turbocompressori collegati in serie, che è il 69 percento più grande della macchina precedente. Un altro componente delle maggiori prestazioni è il sistema a doppia iniezione con 32 valvole di iniezione corrispondenti a 16 cilindri.

READ  Guerra Ucraina nell'indice: Dow in sconto - DAX finalmente sotto i 14.300 punti - LPKF in rosso - AUTO1 raddoppia le vendite trimestrali - Shell, Deutsche Euroshop, Total Energy e ifo | newsletter


Motore Bugatti Chiron W16

Bugatti

OPERA PRIMA DELL’INSTALLAZIONE: Il motore esistente ha 1.600 HP.

Nel 2019, il modello di pre-produzione di Chirone Super Sport con potenza massima potenziata di altri 100 CV come primo veicolo di serie a raggiungere la magica soglia di 300 mph. La Bugatti più veloce che abbia mai guidato a 304,773 mph (490.484 km/h), che vale per sempre. Perché d’ora in poi, secondo Bugatti in quel momento, altri temi in fase di sviluppo verranno assegnati una volta dimostrata la velocità massima anormale.


Dati principali della Bugatti Chiron Super Sport

  • Potenza: 1600 CV a 7000 giri/min, 1600 Nm tra 2250 e 7000 giri/min
  • Velocità massima: 440 km/h (limitata elettronicamente)
  • 0-100 km/h 2,4 sec
  • 0 – 200 km/h 5,8 secondi
  • 0 – 300 km/h 12,1 secondi
  • 0 – 400 km/h 28,6 secondi

L’attuale motore Bugatti W16 è realizzato a mano nello stabilimento di motori Volkswagen a Salzgitter. Due capisquadra lavorano per sei giorni assemblando la complessa macchina da esattamente 3.712 pezzi singoli. I motori finali vengono trasportati alla sede Bugatti a Molsheim, dove il motore e la trasmissione vengono assemblati nella prima fase dell’assemblaggio finale della Chiron nell’officina Bugatti. Seguono settimane di lavoro manuale fino al completamento di un’altra supersportiva Bugatti.


sondaggio

Sì, Rimac è moderno e innovativo!

No, Bugatti perde esclusività!

conclusione

Anche se il tempo scorre incessantemente fino al divieto dei motori a combustione nelle società industriali occidentali, l’erotico motore elettrico di un miscelatore di liquame non raggiungerà mai il fascino dell’esclusivo W16 Bugatti da otto litri. E le poche persone al mondo che possono permettersi di acquistare una Bugatti probabilmente continueranno ad avere il numero di ottano più alto in futuro, come il nuovo Bugatti Chief. Mate Rimac ha annunciato all’inizio del 2022. Quindi è molto probabile che la storia delle 16 cilindri continui con un ulteriore aumento delle prestazioni.

READ  La Fed potrebbe stringere la rotta: le azioni sono di nuovo nella "trappola dei tassi di interesse"